testata ADUC
Lo ‘stile’ dei signori della droga: perché amiamo i vestiti dei narcotrafficanti? El Chapo, Pablo Escobar ...
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
21 luglio 2019 20:20
 
 La leggenda dei grandi trafficanti di droga li ha trasformati in una sorta di mito per molte persone.
Questa settimana, la giustizia degli Stati Uniti ha condannato Joaquín Guzmán Loera, meglio conosciuto come "El Chapo", all'ergastolo per traffico di droga, dopo una vita da signore della droga e leader del famoso cartello di Sinaloa, una delle più grandi organizzazioni criminali del Messico. È così che si conclude la carriera criminale di "El Chapo" e della sua leggenda, fatta di soldi, donne, fughe dalle prigioni di massima sicurezza e innumerevoli storie che lo hanno trasformato in una specie di mito.
Anche se è difficile da credere, per molti El Chapo è un leader. Ha dei seguaci che onorano la sua figura perché è diventato una delle persone più ricche del mondo – è al posto 701 nella classifica di "Forbes" -. Un numero che ha dato vita ad un business dopo la sua condanna al carcere a vita: questa settimana, in concomitanza con la sentenza, sua figlia Alejandrina Guzmán ha lanciato la ditta “El Chapo 701”, che vende t-shirt, camicie, giacche e accessori con iniziali del trafficante di droga e persino con la sua stessa faccia. Il marchio è stato presentato al concorso Intermoda nella città messicana di Guadalajara e molti curiosi non hanno esitato a visitarlo e, ovviamente, a comprare alcuni dei loro articoli, poiché il loro business è anche accessori e souvenir.
Così, i seguaci di "El Chapo" hanno già il loro marchio per indossare gli abiti del loro mito, perché per molti non è un narcotrafficante assetato di sangue, ma un uomo umile che ha iniziato a vendere arance e ha finito per costruire un impero, di droga nel caso specifico. Anche se questo marchio esiste da 13 anni, quale momento migliore per rilanciarlo e approfittare del vantaggio che ha avuto la pena inflittagli. Anche se lo scopo dell'iniziativa - secondo il portavoce della famiglia, Gilberto de Anda - è che ciò che viene raccolto con la vendita di questi prodotti è destinato a famiglie senza risorse che hanno tra di loro persone con problemi di dipendenza.

Qualcosa di molto simile a quello che è successo con l'altro grande "narco" della storia, Pablo Escobar. Il leader del cartello di Medellin è l'"alter ego" di "El Chapo", ma in Colombia, dove è persino riuscito ad avere un seggio nella Camera del Congresso Nazionale di quel Paese. La sua carriera criminale lo ha anche reso un miliardario, con una fortuna stimata in 30.000 milioni di dollari, secondo "Forbes". La sua morte in circostanze che non sono mai state chiare - diverse ipotesi sono state considerate, dal suicidio all'essere stato ucciso da un cecchino - lo ha anche reso una leggenda, che ha prodotto libri, serie tv e film.
Così, in Colombia, molte persone ancora lo idolatrano. Una fama di cui ha anche approfittato il figlio che, nel 2010, ha creato l'azienda di abbigliamento Escobar Henao - anche con il cognome materno, Victoria Eugenia Henao-, che vende magliette con documenti giudiziari e lettere autografe del padre, così come i jeans dello stesso stile usato dal "narco". Tutto questo, secondo Sebastián Marroquín - suo figlio, che in realtà si chiama Juan Pablo Escobar ma che ha cambiato il suo nome quando si è trasferito in Argentina – è fatto con uno scopo "pacifista".
Secondo Marroquin questi vestiti servono perché la società rifletta e ritorni a recuperare e rispettare i valori umani. Invoca la pace e vuole che suo padre serva da esempio per i giovani su cosa non debba essere fatto. Inoltre, è anche impegnato nel perdono e nella riconciliazione, un compendio di buoni auspici che vengono costruiti grazie all'immagine di uno dei più grandi criminali del mondo.

Insieme a questi due esempi ce ne sono molti altri: la storia ha dato molti personaggi che hanno sempre giocato con la dualità di bene e male, alcuni idoli per qualcuno e alcuni cattivi per altri. Ad esempio, la scena rap degli anni '80 e '90 ci ha lasciato personaggi interessanti come 2Pac, il rapper ucciso nel 1996. Quest'uomo, che era una vera star della musica urbana, è per molti una leggenda, nonostante che nella vita fosse stato in prigione per numerosi crimini, tra cui diversi omicidi, e la sua intera carriera è stata legata a sparatorie, guerre tra bande e persino accuse di abusi sessuali – anche se in seguito la sua innocenza è stata dimostrata.
Ma oggi le magliette con i loro volti sono ancora oggetti di culto, qualcosa che accade con altri rapper che sono idoli di massa. R. Kelly è l'ultimo che è stato coinvolto in questo tipo di problemi, nel suo caso per abuso di minori. Oppure, senza andare molto oltre, c’è l'esempio di "The King of Pop", Michael Jackson. Chi non ha o ha avuto una sua T-shirt?

Questo ci mostra come questo tipo di personaggi provochi un tale fascino che la gente indossa i loro vestiti come simbolo. Milioni di persone in tutto il mondo indossano abiti che ricordano persone la cui storia non è nemmeno lontanamente incontaminata. La domanda è: perché?

Abbiamo già visto come questi personaggi, che si muovono nella linea sottile tra il bene e il male, attraggono sulla loro strada le classi più svantaggiate, per le quali diventano un esempio. Inoltre, i loro discorsi sono populisti e cercano sempre di "difendere il popolo".
Inoltre, come sottolinea il sociologo e consulente dell'azienda Everis Sandra Bravo Durán, in un mondo così saturo, con migliaia di personaggi e con i social network che lanciano ogni giorno numerosi input e informazioni, molte persone decidono di "uscire dalla rappresentazione scenica" e incoraggiare questi tipi di profili "anche se non sono né etici né morali".

"Siamo in un momento di snobismo all’inverso, dove per esempio la bruttezza è una tendenza, e il consumatore non la percepisce come qualcosa di negativo, ma come una novità sorprendente e diversa che lo collega a modernità e moda", dice l'esperto, che crede che sia un modo di rispondere all'attuale frenetico contesto sociale,"dove il giusto, il perfetto, il proporzionato e il positivo facevano parte dei canoni stabiliti finora e che ogni giorno a loro piace meno".
Così, alcuni marchi approfittano di questo "malcontento sociale" per guadagnare denaro da figure controverse segnate da crimini su larga scala. Una moda che ha il rischio di ingigantire persone che non costituiscono alcun tipo di esempio per la società, ma che continuano a generare un interesse eccessivo.

(articolo di Verónica Lechuga, pubblicato su La Informacion.com del 21/07/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori