testata ADUC
Strette di mano e abbracci fanno bene: è fondamentale che tornino in auge dopo la pandemia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 aprile 2021 17:12
 
Quand'è stata l'ultima volta che hai stretto la mano a qualcuno o lo hai baciato sulla guancia per salutarlo? La pandemia ha posto fine a questi semplici gesti, mentre l'allontanamento sociale e le rigorose pratiche igieniche sono diventate parte della nostra vita quotidiana come mezzo necessario per ridurre al minimo la diffusione del virus. Ma questo nuovo modo di interagire dovrebbe essere permanente?
Alcuni esperti dicono che potremmo, o addirittura non dovremmo, tornare ai vecchi modi una volta che la pandemia sarà finita. Anthony Fauci, consigliere medico capo del presidente degli Stati Uniti, ha detto: "Non credo che dovremmo stringerci la mano mai più". Sostiene che ridurrebbe la diffusione non solo del COVID-19 ma anche di altri virus come l'influenza.

Non siamo d'accordo. Non appena la pandemia è sotto controllo e si ritiene sicuro farlo, ci sono buone ragioni per iniziare ad riprendere gradualmente alcune delle nostre vecchie abitudini: abbracciare, stringere la mano e riunirsi in gruppo. Nelle culture in cui tali abitudini sono state consuetudinarie per secoli, ciò ha comportato una serie di benefici sociali, psicologici e biologici.
La perdita del contatto casuale può essere dannosa per la società nel suo insieme in un modo che non può essere compensato abbracciando quelle poche persone più vicine a noi o nella nostra famiglia. Può darsi che, una volta ritenuto sicuro farlo, i benefici a lungo termine della stretta di mano, dell'abbraccio o del bacio sulla guancia possano superare i rischi.

L'importanza del tatto
Dal momento della nascita, il contatto fisico aumenta la nostra immunità, riduce lo stress e ci connette con i nostri cari. Il contatto pelle a pelle con un bambino regola la frequenza cardiaca, riduce le reazioni al dolore e calma emotivamente sia la madre che il bambino.
Da adulti, il contatto fisico come tenersi per mano può fornire un cuscinetto contro un'esperienza stressante. Il contatto fisico aumenta anche la funzione immunitaria.
 A livello meno intimo, in molte culture, le strette di mano rappresentano un importante rituale sociale attraverso il quale si formano e si mantengono fiducia e appartenenza. Il filosofo Maurice Merleau-Ponty ha citato la stretta di mano nella sua discussione su ciò che ha definito "inter-corporeità", ovvero il riconoscimento reciproco, spesso tacito o inconscio, della nostra connessione come esseri umani.

La saggezza delle folle
Nella nostra ricerca, abbiamo scoperto che molte persone sono ansiose di tornare all'abitudine di riunirsi in gruppi, anche dopo che la pandemia si sarà placata. Questa ansia è comprensibile, ma a lungo termine dovremmo incoraggiare le riunioni di gruppo.
Le folle offrono opportunità per ciò che il sociologo Emile Durkheim ha chiamato "effervescenza collettiva". Tali incontri ci aiutano a formare e "catturare" emozioni condivise, che possono aiutare a fornire il collante sociale per la solidarietà, lo stare insieme e l'identità condivisa. Questa è una buona cosa a condizione che l'umore sia positivo, ad esempio in occasione di matrimoni, concerti ed eventi sportivi.
 
Comportamenti di oggi che poi resteranno
Con l'ottimismo sui vaccini temperato dalla preoccupazione per le nuove varianti, dobbiamo riflettere su quali comportamenti dovremmo mantenere dopo la pandemia e quali dovremmo scartare.
La pandemia potrebbe aver reso molte persone più consapevoli del ruolo che svolgono nella protezione degli altri, anche quando esse stesse potrebbero non essere particolarmente vulnerabili a una malattia. In molti paesi, le campagne di informazione sanitaria nelle prime fasi della pandemia hanno portato a notevoli miglioramenti nell'igiene personale auto-dichiarata e molte più persone ora capiscono esattamente cos'è una buona igiene delle mani, il motivo e i benefici che porta.
Dobbiamo continuare a evitare il contatto e impegnarci nel distanziamento fisico quando si soffre di raffreddore o influenza. L'uso della maschera, da tempo consolidato in altre culture come mezzo per proteggere gli altri piuttosto che noi stessi, è ora più ampiamente compreso e rispettato, con molti di noi che presumono che sarà una parte occasionale della nostra vita negli anni a venire. Anche questa è una buona cosa.

Ritornare ai rituali
La natura radicata delle abitudini sociali e dei rituali aiuta a spiegare perché l'allontanamento sociale è stato così difficile e così innaturale per così tanti. Sebbene abbiamo, in modo abbastanza notevole, soppresso questi gesti e comportamenti a breve termine, la profondità della connessione sociale che creano e simboleggiano potrebbe non essere così facile da sostituire a lungo termine.
Quando sarà sicuro farlo, le politiche che ci impediscono di riunirci fisicamente come individui saranno fortunatamente revocate.
Dopo la pandemia, dobbiamo trovare un equilibrio tra la vecchia e la nuova normalità. Possiamo prendere il meglio da entrambi: riguadagnare il nostro bisogno di contatto fisico mantenendo le nostre nuove e migliorate abitudini igieniche.

(Simon Nicholas Williams - Senior Lecturer in People and Organisation, Swansea University -, Kimberly Dienes - Lecturer in Clinical and Health Psychology, Swansea University, su The Conversation del 07/04/2021)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori