testata ADUC
La superficie delle città potrebbe moltiplicarsi per sei entro il 2100
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
25 maggio 2020 15:05
 
Tra il 1985 e il 2015, ogni anno, quasi 10.000 kmq di terra sono stati sostituiti dalle città nel mondo. Questa è la conclusione di uno studio basato su immagini satellitari molto precise. Durante questo periodo, l'area occupata dalle città è aumentata da circa 360.000 kmq a oltre 650.000 kmq. Un aumento di circa l'80%. Un tasso di urbanizzazione globale senza precedenti. Quattro volte superiore alle stime precedenti.
Ma secondo le proiezioni dei ricercatori dell'Università del Delaware (Stati Uniti), questo non è nulla in confronto a ciò che ci aspetta entro la fine del secolo. Se la tendenza dell'urbanizzazione continua, l'area occupata dalle città potrebbe raggiungere 1,6 milioni di kmq nel 2100. Un'area di quasi due volte e mezzo quella della Francia. E in scenari estremi, la superficie delle città del mondo potrebbe persino essere moltiplicata per sei!
Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno prima esaminato i dati globali su vari aspetti dell'urbanizzazione. Comprese immagini satellitari che forniscono una panoramica dettagliata dello sviluppo urbano. Questo lavoro ha permesso loro di identificare tre categorie principali: urbanizzazione, urbanizzazione regolare e urbanizzazione rapida. "E i paesi si spostano dall'uno all'altro nel tempo", ha dichiarato Jing Gao, specialista in scienza dei dati, in una nota.


Urbanizzazione e sue conseguenze
Successivamente, i ricercatori hanno diviso il mondo in 375 regioni. Hanno quindi eseguito un singolo modello per ciascuno di essi e ricostruito i risultati di tutti i modelli per pubblicare una mappa mondiale dell'urbanizzazione. Abbastanza per far luce su come le nostre città possono cambiare.
Ma non dobbiamo perdere di vista il fatto che l'urbanizzazione dipende in gran parte dalle tendenze della società negli anni a venire: le tendenze della crescita economica, i cambiamenti demografici o dello stile di vita e l'impatto ambientale. E forse anche la crisi del coronavirus che stiamo vivendo attualmente. Qualunque sia lo scenario, la maggior parte dei paesi dovrebbe ancora urbanizzarsi entro la fine di questo secolo.
Tuttavia, in un mondo che si concentra sullo sviluppo di attività sostenibili e su un'economia sostenibile, le città cresceranno di meno. In un mondo materialista che si basa sui combustibili fossili, d'altra parte, la superficie delle città può essere moltiplicata per tre in Europa e nel sud-est asiatico e per quattro negli Stati Uniti. I ricercatori sperano che queste proiezioni posano essere utili per le politiche urbane. Perché tale crescita arriverà a scapito di terreni agricoli o di altro tipo e potrebbe avere conseguenze inattese come una maggiore esposizione potenziale alle inondazioni.

(articolo di Nathalie Mayer pubblicato su Futura-Planéte del 24/05/2020)

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori