testata ADUC
Usare l’acqua come arma di guerra
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
2 giugno 2021 18:16
 
SIRIA
La società civile resta la grande perdente in tutti i conflitti armati. E l'acqua è ancora usata come bottino di guerra. Gli attacchi alle strutture idriche e igienico-sanitarie continuano a mettere a rischio la vita di milioni di bambini, negando a loro e alle loro famiglie l'accesso ai servizi essenziali, avverte un rapporto dell'UNICEF pubblicato nel maggio 2021. In Siria, dove la guerra dura da un decennio, le interruzioni della fornitura sono frequenti. Nella foto, una ragazza trasporta diverse taniche per riempirle in una strada di Aleppo.

IRAQ
Nei nove paesi analizzati nel rapporto “Acqua sotto il fuoco 3: attacchi all'acqua e ai servizi igienico-sanitari nei conflitti armati e l'impatto sui bambini”, si stima che quasi 48 milioni di persone abbiano bisogno di servizi di acqua potabile e servizi igienico-sanitari. Nella foto, Zahraa e Mahmood, due bambini di Mosul, ora sfollati nel campo di Khazer, si rinfrescano presso uno dei rubinetti dell'acqua installati dall'agenzia umanitaria.

CIAD
"L'accesso all'acqua è un mezzo di sopravvivenza che non dovrebbe mai essere usato come tattica di guerra", afferma Manuel Fontaine, Direttore dei Programmi di Emergenza dell'UNICEF. “Gli attacchi alle infrastrutture idriche e igienico-sanitarie sono attacchi ai bambini. Quando il flusso dell'acqua si interrompe, malattie come il colera e la diarrea possono diffondersi a macchia d'olio, spesso con conseguenze fatali. "Nella foto, due ragazze nigeriane che si rifugiano in Ciad dopo gli attentati del gruppo terroristico Boko Haram.

PALESTINA
Dal 2019, lo Stato di Palestina ha assistito a 95 attacchi contro 142 infrastrutture idriche e igienico-sanitarie. Più di 1,6 milioni di persone vivono senza accesso a questi servizi di base. Come questa ragazza, che usa una carriola per trasportare taniche piene d'acqua, nella città di Rafah, nel sud di Gaza.

REPUBBLICA CENTRAFRICANA
Nei paesi instabili, e secondo gli ultimi dati, i bambini sotto i cinque anni hanno 20 volte più probabilità di morire di malattie diarroiche che di violenza. A loro volta, i bambini che vivono in paesi estremamente fragili hanno una situazione otto volte peggiore in termini di acqua, servizi igienico-sanitari e indicatori di igiene rispetto a quelli nati in contesti stabili e protetti. Nella foto, sfollati interni raccolgono acqua nel campo Elevage di Bambari, nella Repubblica Centrafricana.

REPUBBLICA CENTRAFRICANA
"I bambini e le famiglie sono spesso costretti ad uscire in cerca di acqua, esponendoli, in particolare le ragazze, a un rischio maggiore di danni e violenze", spiega Manuel Fontaine. Nella Repubblica Centrafricana, un Paese che ha visto distrutte gran parte delle sue infrastrutture idriche e igienico-sanitarie, migliaia di suoi abitanti hanno dovuto fuggire. Nella foto, una ragazza e una donna riempiono le loro taniche da un pozzo appena costruito in un campo per sfollati a Kabo, nella prefettura di Ouham.

YEMEN
Lo Yemen, in conflitto da più di cinque anni, ha subito 122 attacchi aerei contro le sue infrastrutture tra marzo 2015 e febbraio 2021. Circa 15,4 milioni di persone hanno urgente bisogno di acqua pulita e servizi igienico-sanitari, poiché l'epidemia di colera continua a mietere migliaia di bambini ammalati ogni settimana. Nell'immagine, un gruppo di bambini sta facendo rifornimento in uno dei punti di distribuzione nella regione di Al-Dhalie.

NIGERIA
La regione del Borno, nel nord-est della Nigeria, è l'epicentro degli attacchi terroristici di Boko Haram e anche un'area dove il colera è endemico. Inoltre, dopo le forti piogge, gli sfollati interni a causa del conflitto devono affrontare inondazioni nel campo del villaggio degli insegnanti a Maiduguri. Nella foto, una ragazza porta a casa l'acqua in una tanica sulla testa.

SUDAN
Molti bambini che vivono in paesi in conflitto hanno imparato che uno dei loro compiti quotidiani è andare a prendere l'acqua. "Mi sveglio, pulisco, prendo il tè con le noccioline e vado a scuola. [...] Finite le lezioni, torno a casa e aiuto nelle faccende domestiche. Vado a prendere l'acqua quando non ci sono adulti in giro". Sana Ibrahim Abdel Rehman, 9 anni, aiuta sua sorella Amina, 24 anni, a scaricare taniche nella loro casa nel campo di Abu Shouk per sfollati interni nel Nord Darfur, in Sudan

UCRAINA
Dasha, otto anni, insieme a sua sorella Katia, si è trasferita a Pavlopil, dove ora vive con la nonna, Valentyna. “Abbiamo fatto il bagno in cortile, ci siamo immersi in un secchio”, racconta la sorella maggiore, descrivendo la sua nuova vita nel villaggio. L'Ucraina orientale ha subito quattro attacchi alle sue infrastrutture idriche dall'inizio dell'anno, in aggiunta ai 380 registrati dal 2017. Circa 3,2 milioni di persone hanno bisogno di servizi essenziali


(Belen Hernadez su Planeta Futuro del 02/06/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori