testata ADUC
L’irriverente in difficoltà istituzionale. Un Lannutti oggi e uno domani… resto o vado?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Vincenzo Donvito
22 gennaio 2019 10:14
 
  Ad essere sinceri non ci eravamo preoccupati più di tanto quando, alcuni giorni fa, abbiamo preso per i fondelli il sen. Elio Lannutti che, a fronte di un titolo del quotidiano Libero di tal fatta “Comandano i terroni. Ai meridionali 3 cariche istituzionali su 4”, aveva evocato i rigori della buon costume e della sana censura, nonché i provvedimenti dell’ordine corporativo che, secondo loro e secondo il nostro senatore, dovrebbe difendere onorabilità della professione giornalistica garantendo un coretto rapporto coi fruitori dei servizi di chi scrive. Il mondo è pieno di censori – abbiamo pensato – figurati se sono al governo del Paese. E poi – sempre il nostro pensiero – l’Italia ha affrontato ben altre problematiche relative alla libertà di espressione e di pensiero per cui, di riffa o di raffa, abbiamo forse una sorta di vaccino interno che sappiamo usare alla bisogna (1).
Ma sembra che avessimo fatto il conto senza l’oste. Cioè sempre senza il nostro senatore leader dei consumatori che i M5S hanno inserito nelle loro compagini istituzionali. L’oste si è fatto risentire ed ha fatto presente come, secondo lui, “Il Gruppo dei Savi di Sion”, nella figura di Mayer Amschel Rothshild che controllerebbe il sistema bancario internazionale, ha portato alla creazione de “I Protocolli dei Savi di Sion” (2). Bum! Una sparata veramente grossa, che per la dimensione (ed e’ ovvio che, bene o male poco importa, conta farsi notare, ché l’apparizione conta di più del motivo per cui si appare) ci sentiamo portati a paragonare alla schiera di coloro che ci ammorbano coi presunti falsi sull’uomo che non sarebbe mai atterrato sulla Luna.
L’aspetto ebraico della vicenda lo facciamo difendere a chi lo fa meglio di noi. Che invece ci limitiamo a fare mente locale sulla storia e su questi Protocolli – non senza un sorriso che diventa di malessere, ma pur sempre un sorriso. E ci verrebbe da dire: dai, Elio, ma che cazzo dici; anche se tu fossi ad un raduno di nostalgici nazistoni antisemiti, verresti guardato in maniera strana. Ma dopo la pacca sulla spalla a questo leader pentastellato dei consumatori, ci rimane un dubbio: non sarà che siamo troppo bonaccioni verso queste stronzate? Fammi un po’ vedere la situazione delle scuole, per mia figlia, a Parigi, a Berlino, a Londra, a Madrid o a New York o Sydney…. Non si sa mai dovessi cambiare aria. Che faccio: resto o vado? Soluzione semplice buttando i remi in barca? Dipende, visto che remare oltralpe potrebbe anche servire a migliorare la navigabilità dei fiumi e dei mari nostrani. Intanto, però, guardiamo la faccia da furetto del nostro senatore, col suo modo di parlare che ogni volta sembra che sia un oracolo che sta sputando qualche infallibile verità. E a me vengono i brividi. Bah, sarà che è inverno, aspettiamo la primavera, ci sono anche le elezioni europee...

1 – qui un nostro pensiero in merito
https://www.aduc.it/comunicato/liberta+espressione+paladini+governativi+della_29018.php
2 - https://www.aduc.it/notizia/antisemitismo+falsi+storici+leader+consumatori+m5s_135420.php
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori