testata ADUC
Buy and share. Antitrust blocca siti web, che continuano ad imperversare anche grazie alle illusioni dei consumatori
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
23 gennaio 2020 13:16
 
 L’Antitrust ha deciso la sospensione di alcuni siti web legati alle vendite cosiddette “buy and share”: prezzo mozzafiato, paghi un anticipo, di metti in lista e speri che altri si iscrivano a questa lista sì da arrivare in cima, e solo allora potrai acquistare il tuo prodotto (in genere elettronica da consumo) al prezzo mozzafiato. Questo quanto viene promesso. La realtà: le liste sono eterne, non possono essere abbandonate (pena la perdita dell’anticipo) se non acquistando il prodotto ad un prezzo molto più alto del mercato. Il meccanismo è tra l’illegalità e la legalità, visto che assomiglia al “sistema piramidale” che è fuorilegge. Alcune di queste società, più di ogni tanto, spariscono col bottino. L’Antitrust interviene con blocchi, chiusure e multe (quasi mai pagate ché mediamente sono società più o meno farlocche), e il consumatore rimane col cerino in mano.

Aduc è da anni in prima fila a denunciare, con risultati, questo meccanismo. Antitrust interviene spesso. Ma le erbacce, si sa, se il terreno non viene tenuto bene, crescono a dismisura. Nel nostro caso il terreno tenuto male si manifesta in due modi:
- l’informazione sul web che, nonostante ci siano molti allerta contro questo tipo di transazioni, imperversa, con molte “fake”;
- l’acquirente è sempre in agguato, come lo sconto e l’occasione di acquisto sono all’ordine del giorno… e, tra un “black fryday”, un “cyber monday”, un “single day” e un “Saldi”, si prende l’abitudine che il mercato non può che essere sempre e comunque super scontato… e perché non provare da acquistare un telefonino ad un terzo del prezzo di mercato?

Morale:
Ci sono i delinquenti in circolazione, grazie ad una libertà di commercio che per alcuni sembra che sia solo occasione per meglio delinquere, e grazie agli insufficienti controlli da parte delle autorità. Ma continuano anche ad esseri in giro i cosiddetti allocchi. Quelli a cui, anche se gli dici in continuazione che un telefonino che costa 1000, se si trova sul mercato a 400, è molto probabile che ci possano essere problemi… ma che di fronte alla “occasione” è come se non tu gli avessi parlato in aramaico, anche se magari provano a “prendere” l’occasione da un web con sede in una isoletta dell’oceano Pacifico dove nessuna legge di nessun mondo potrà mai arrivare, o l’occasione di un web della cui proprietà non sanno nulla, e che se cercano qualcosa in web continuano a non sapere nulla oppure raccolgono “tuoni e fulmini”… ma tanto vale provare. E magari poi vanno alla Polizia postale, o all’Aduc a reclamare i propri diritti.
In questo contesto oggi arriva la benefica iniziativa dell’Antitrust. Speriamo che in tanti ci si possa dare una mano.
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori