testata ADUC
Coronavirus. Vaccinazione: per obbligo o per convinzione?
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
30 dicembre 2020 11:31
 
Vaccinarsi per obbligo o convinzione?
La seconda ipotesi è migliore, ma ci sono resistenze alla vaccinazione.
Il problema si pone, in particolare, per il personale sanitario.
Facciamo un esempio.
 Un cittadino si ricovera in ospedale per una patologia e il medico curante non vaccinato è portatore di virus. Si corre il rischio di infettare il paziente e provocarne la morte. Per converso, il cittadino potrebbe rifiutare le cure del medico ospedaliero non vaccinato. Chi curerà il paziente se il personale sanitario non è vaccinato?
Altro esempio riguarda le residenze per anziani (RSA). Chi si prenderà cura  degli anziani se il personale sanitario non vaccinato è portatore di virus? Sappiamo che è proprio l'anziano a essere maggiormente in pericolo di infezione e morte, stante l'età.
Si pone il problema: dove finisce il diritto alla libertà di scelta di non vaccinarsi del personale sanitario e dove inizia il diritto alla salute e alla vita del cittadino, paziente o anziano che sia?
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori