testata ADUC
Governo. Btp Italia e Mes
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
22 maggio 2020 12:27
 
  Un grande successo la vendita dei Btp Italia quinquennali: 22 miliardi del titolo collocati.

Quando sia stato appropriato per il risparmiatore, si è già scritto, ma ora interessa capire quanto sarà oneroso ai fini del debito pubblico.

"Il Btp Italia è interamente dedicato a finanziare le spese dei recenti provvedimenti del Governo a supporto del sistema sanitario, per la salvaguardia del lavoro e a sostegno dell'economia nazionale.". 
Così la dichiarazione del Governo. 
Quindi i 22 miliardi non andranno solo per l'emergenza Coronavirus, così come è stato mediaticamente presentato, ma anche per il lavoro e più in generale a sostegno dell'economia del nostro Paese. 
Vasto programma. 

Il Btp Italia stacca una cedola, cioè un interesse dell'1,4%, più il valore dell'inflazione e un bonus dello 0,80% per chi mantiene il titolo per 5 anni.

Vediamo la convenienza, per le casse pubbliche, confrontando il BtP Italia con il Mes, il Meccanismo europeo di Stabilità.

Su 22 miliardi, ricavati dalla vendita del Btp Italia, lo Stato pagherà un interesse dell'1,4% (tralasciamo per comodità l'inflazione e il bonus), cioè 308 milioni di euro.

Il Mes, che è una linea di credito finalizzata esclusivamente all'emergenza sanitaria, prevede lo 0,1% di interesse che, calcolato su 22 miliardi, fa 22 milioni.


Insomma, il debito pubblico con il Btp Italia aumenterà di 308 milioni, mentre con il Mes di soli 22 milioni.

E c'è qualcuno che ancora mette in dubbio l'utilità del Mes!

Dovremmo fornire al M5S, alla Lega e a FdI un pallottoliere e fare una domanda: meglio avere un debito aggiuntivo di 308 milioni o di 22 milioni? 
Come diceva il maestro Manzi, non è mai troppo tardi per imparare.

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori