testata ADUC
Governo e opposizione. Un Bilancio bacchettato. A rischio i fondi europei
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
23 dicembre 2020 12:15
 
  Non poteva che finire così. Il Bilancio, il documento più importante dell'anno, approvato dalla Commissione Bilancio della Camera dei deputati, inviato in Aula per l'approvazione definitiva, è tornato in Commissione.

Motivo?
Spese non compensate dalle entrate.

Qualsiasi buon padre, o madre di famiglia, fa i conti di quanto entra in casa e di quanto può spendere. In Parlamento, no.

Tutti i gruppi politici (dicasi tutti) hanno riempito il Bilancio di voci di spesa per soddisfare il proprio elettorato, ma i conti non tornano, sicchè, la Ragioneria generale dello Stato ha bocciato quasi un terzo degli emendamenti di spesa, approvati dopo 48 ore di discussione in Commissione.

Ora, si torna in Commissione, poi in Aula, poi il testo dovrà passare al Senato, ripercorrendo lo stesso iter, e siamo a pochi giorni dalla fine dell'anno.

Il Bilancio dovrebbe essere approvato nei primi giorni di dicembre perché ad esso sono collegati i bilanci regionali e perché si deve dar tempo alle strutture di predisporre gli atti di impegno e spesa.

Il tutto lascia perplessi sulla capacità di spesa dei fondi del Next Generation EU. Infatti, i finanziamenti comunitari sono legati al raggiungimento degli obiettivi, cioè hanno condizionalità.

Se il buongiorno si vede dal mattino, abbiamo il timore che i 209 miliardi europei siano una chimera.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori