testata ADUC
Governo e opposizione. Meccanismo europeo di stabilità, chi lo vuole e chi no
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
8 settembre 2020 12:09
 
 Facciamo subito chiarezza su chi vuole utilizzare, e chi no, in sede parlamentare, i 36 miliardi del fondo del Meccanismo europeo di stabilità, il Mes, per la sanità: sono per il no il M5S, la Lega e FdI; per il si il Pd, PiùEuropa e Leu.

Caduti come birilli i motivi di opposizione al Mes (ne abbiamo scritto a iosa in precedenti comunicazioni), è rimasta l'ultima contrarietà esplicitata dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha dichiarato: se li "usi per creare un ospedale, poi questo ospedale mi costa mantenerlo e i conti vanno a rotoli". Della serie: non puoi costruire scuole, ponti e strade perché poi devi mantenerli.
E questo è il premier dell'Italia.

Nel frattempo il ministro della Salute, Roberto Speranza (Leu) ha presentato al collega ministro per gli Affari Europei, Vincenzo Amendola (Pd), 20 progetti per la sanità, per un importo di 68 miliardi di euro, superiori ai 36 miliardi del Mes che potevano già essere utilizzati.
Chissà cosa ne pensano il premier Conte e il ministro Di Maio dei loro colleghi.

I fondi del Mes sono disponibili già da giugno scorso e a utilizzarli in questi mesi avrebbero abbondantemente coperto i 57 milioni di risparmi che si otterrebbero con la riduzione del numero dei parlamentari.
Chissà cosa ne pensano Di Maio, Salvini e Meloni, contrari ai risparmi ottenuti con l'utilizzo del Mes, ma favorevoli alla riduzione del numero dei parlamentari: risparmiano per non risparmiare. Geniali!
 
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori