testata ADUC
Governo. Viceministra Castelli, Recovery Fund e le braccia che cadono
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
25 maggio 2020 11:50
 
 Far cadere le braccia indica comportamenti che scoraggiano e infastidiscono.

Abbiamo avuto, più che una sensazione, la certezza di braccia che cadevano leggendo le dichiarazioni della viceministra all'Economia, Laura Castelli (M5S), a proposito del Recovery Fund, il Fondo europeo per la ricostruzione.

Sull'argomento è stato sottoscritto un documento, dalla Francia e dalla Germania, che prevede lo stanziamento di 500 miliardi a fondo perduto, cioè senza obbligo di restituzione. Rileviamo che è un documento, non una decisione delle istituzioni comunitarie, né dei Paesi europei, alcuni dei quali hanno già dichiarato la loro contrarietà. 

Come funzionerebbe il Fondo di 500 miliardi proposto? 

I Paesi della Ue contribuiscono e le sovvenzioni, quelle a fondo perduto, sarebbero distribuite secondo le necessità dei singoli Paesi. 
Il documento franco-tedesco, prevede che i sussidi siano subordinati al perseguimento di "solide politiche economiche ed una ambiziosa agenda di riforme", il che appare del tutto plausibile, visto che ogni Paese ci mette del suo per supportare, gratuitamente, altri che sono in difficoltà.
E' la cosiddetta condizionabilità, ovvero le condizioni per accedere a sovvenzioni a fondo perduto.

Entusiasta la vice ministra dell'Economia, Laura Castelli, che già prevede 100 miliardi di sovvenzioni, pro quota Italia, ma che non deve aver letto il documento con le condizionabilità e che propone di aggiungere ai 500 miliardi una nuova linea di credito, un prestito, insomma, che è quello che prevede il Mes, il Meccanismo europeo di Stabilità, già disponibile, contro il quale si era dichiarata la stessa Castelli.

E questa è una viceministra. Cadono le braccia.

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori