testata ADUC
Spagna, Catalogna. Il 32,8% alle urne. Le conseguenze dell'indipendenza
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
10 novembre 2014 12:49
 
 Prove di indipendenza della Catalogna. Ieri, alla consultazione ha partecipato il 32,8% di presunti aventi diritto (inclusi residenti stranieri e 16enni), cioe' la minoranza degli elettori e di questa l'80,72% circa si e' espressa favorevolmente all'indipendenza. La Catalogna e' una regione trainante dell'economia spagnola, ha 7,5 milioni di abitanti rispetto ai 46 della Spagna, produce il 20% del PIL nazionale ma ha un debito del 29,9 % dello stesso PIL, pari a 57 miliardi di euro;
Vediamo cosa potrebbe succedere se la Catalogna diventasse uno Stato indipendente.
1. Uscita dalla Unione europea e, probabilmente dall'euro, anche se potrebbe rimanerci ma senza influenza sui tassi. Perderebbe la rete di sicurezza della BCE per la liquidita' alle banche. Eventuali crisi finanziarie sarebbero a totale carico del nuovo Stato;
2. Perdita dei quattro Fondi strutturali e di investimento europei: il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), il Fondo sociale europeo (FSE), Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), il Fondo europeo per marittimi e la pesca (FEMP) e altri interventi della  Banca europea per gli investimenti (BEI);
3. Uscita dall'area europea di libero scambio e da analoghi accordi internazionali della Ue;
4. Riduzione degli investimenti esteri, fuga dei capitali e delocalizzazione degli impianti in aree piu' convenienti;
5. Maggiori oneri derivanti dall'organizzazione di un nuovo Stato.

La prova si puo' capire se la consultazione ha lo scopo di ottenere di piu' dallo Stato centrale, come e' successo con la Scozia, altrimenti la logica del piccolo e' bello non si addice ad uno Stato in epoca di globalizzazione.
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori