testata ADUC
Trasparenza sugli investimenti. Aduc denuncia alla Consob l'irregolarità di Banca Mediolaum
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Alessandro Pedone
5 novembre 2019 13:16
 
 Oggi abbiamo inviato un esposto-richiesta alla Consob sui rendiconti dei costi ex-post, effettivamente sostenuti, per i servizi d’investimento con particolare riferimento a quelli di Banca Mediolanum.
Facciamo un breve “riassunto delle puntate precedenti”.
1 - Attraverso il nostro web dedicato al tema della trasparenza nei servizi d’investimento (www.trasparenzainvestimenti.it) abbiamo avuto modo di verificare tanti comportamenti discutibili di vari intermediari nell’invio dei rendiconti sui costi sostenuti.
2 – In un caso in particolare, quello di Banca Mediolanum, abbiamo rilevato una specifica mancanza non essendo indicato il costo complessivo, ma suddiviso in 4 linee di business.
3- Abbiamo quindi scritto una lettera aperta a questa Banca chiedendo di inviare una integrazione a tutti i clienti.
4- Banca Mediolanum ci ha risposto, dichiarandosi “stupita” e sostenendo apoditticamente che il loro rendiconto rispetterebbe le norme. Facendo perfino intendere che il fatto di inviare tutti i costi in un unico rendiconto, pur suddivisi in 4 linee di business, sarebbe una loro scelta che hanno fatto per favorire la trasparenza (mentre si tratta di un chiaro obbligo di legge).

A questo punto abbiamo ritenuto doveroso interpellare la Consob per chiarire la questione.

A noi la norma sembra inequivocabile: è richiesto di inviare un unico dato aggregato con tutti i costi relativi a tutti i servizi e prodotti finanziari che il cliente ha sottoscritto per il tramite di un intermediario, siano essi prodotti e servizi d’investimento propri o di altri.
A questo punto la parola passa all’autorità di vigilanza.
 
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori