testata ADUC
Accumulo rifiuti "privati" su terreno di proprieta' di terzi
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
18 settembre 2019 0:00
 
Buonasera,
il terzista (trattorista) della impresa agricola di un mio vecchio parente continua da anni (decenni) a usare una parte del fondo (ettari) per il deposito di alcuni rifiuti di precedenti lavori.
Vi chiedo se questo comportamento potrebbe dare adito a usucapione immobiliare (il terzista si comporta come "proprietario" oppure il reato è invasione di terreni? Come si potrebbe interrompere l'eventuale "possesso".
I rifiuti sono tanti e non si possono ormai togliere a mano.
Inoltre, nel caso qualcuno faccia la segnalazione alla municipale, l'eventuale multa è a carico del proprietario o di colui che immette i rifiuti?
Un ringraziamento.
Luca, dalla provincia di FE

Risposta:
Se il soggetto si comporta come Lei ha descritto, l'eventuale usucapione può essere interrotta da un atto scritto del proprietario con cui diffida il soggetto da operare sul suo terreno. Vi sono azioni civili per la molestia del possesso.
Nel contempo diffida il soggetto a togliere i rifiuti entro un determinato termine e fa denuncia del fatto ai Carabinieri allegando copia della diffida, in modo da evitare la multa eventuale.
Si faccia valere con una lettera raccomandata A/R o PEC di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
Nel caso in cui la società non accolga la sua richiesta, può scegliere se attivare un tentativo di conciliazione stragiudiziale presso la camera di commercio o il Giudice di Pace, oppure adire le vie legali. Qui le schede sull'argomento:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+camera+commercio_11797.php
http://sosonline.aduc.it/scheda/giudice+pace_15959.php
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori