testata ADUC
Consuntivo Condominiale
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
6 maggio 2021 0:00
 
Dal 2020 abbiamo un nuovo amministratore che è stato eletto con un'offerta di 1.400€ + 120€ per il 770, correttamente messo a bilancio preventivo. Nel consuntivo presentato ha aggiunto una sua fattura di circa 300€ con causale acc.to compenso 2020; ha portato a 180€ la spesa per il 770; ha aumentato la spesa per pulizie scale rispetto al preventivo di 350€, aggiungendo le fatture pur mantenendo la stessa ditta appaltatrice che da anni svolge il servizio. Inoltre ha ripartito i consumi acqua attraverso le letture delle singole utenze ma non rispettando il criterio e le tariffe stabilite da ACEA ATO2, col risultato che la ripartizione non è veritiera. Inoltre ho scoperto dalle bollette dell'energia elettrica che ha effettuato nel 2020, lo Switch dal mercato tutelato al mercato libero, senza nessuna delibera che lo legittimasse.
Quando glielo fatto notare bonariamente, l'amministratore non ha riconosciuto gli errori. Noto una grande inerzia da parte degli altri condomini, al punto che solo uno mi ha confermato di aver notato l'aumento del compenso.
-Secondo Lei se venisse approvato un bilancio così viziato, sarebbe da ritenersi Nullo senza limite di tempo oppure annullabile, impugnando la delibera entro 30gg.?
-Ha senso contestarlo via pec, prima dell'assemblea, che ancora non è stata convocata?
-Ha più senso contestarlo in assemblea mediante il verbale, o entrambi ?
-Volendo annullare l'eventuale delibera, a spanne che costi bisognerebbe affrontare ? E nel caso di vittoria, le spese verrebbero addebitate alla parte soccombente (amministratore)?
-Nel caso stornassi dalla mia rata, la quota illegittimamente pretesa, avrei qualche possibilità di difesa contro la rivalsa dell'amministratore?
Cos'altro a vs avviso potrei fare per tutelarmi da questi aggravi di spesa e sopratutto dare un segnale all'amministratore che non può procedere nell'illegittimità anche nel futuro.
Ringraziandovi, Cordiali Saluti.
Giuseppe

Risposta:
il consuntivo citato sara' al primo posto dell'odg della prossima imminente assemblea e percio' sottoposto,dopo ampia e libera discussione, ad una votazione di approvazione. Sara' quella per lei l'occasione istituzionale per verbalizzare sia il suo dissenzo sia le motivazioni opposte, addotte dall'amministratore
In risposta ai suoi quesiti:
- no
- non serve
- si
- l'impugnazione della delibera legittimamente approvata è possibile se il contenuto è contrario alla legge o al Regolamento condominiale. Il carico delle spese processuali o della eventuale compensazione dipende dal giudice.
- non puo' ridursi pro quota la rata condominiale approvata in assemblea.prima di un giudizio di merito
 
 
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori