testata ADUC
Buongiorno, miseria!
Scarica e stampa il PDF
La pulce nell'orecchio di Annapaola Laldi
28 novembre 2018 11:31
 
La miseria non è solo quella economica che giustamente fa paura a tutti e della quale si sente più facilmente parlare.
Esiste però un’altra miseria, più subdola e pericolosa, perché viene spesso trascurata, quando non proprio liquidata in maniera spiccia.
Si tratta della miseria morale che può colpire tutti, proprio tutti, a prescindere dall’entità del conto in banca di ciascuno, dalla fama, dal successo, dal seguito, di cui una data persona può godere. 
La miseria morale si esercita quando si calpestano i diritti primari degli altri, quando si diffama qualcuno, quando ci si accanisce contro qualcuno, magari solo perché ha osato esprimere una critica non gradita. 
Per questo, la miseria morale apporta dei danni incalcolabili alla società nel suo insieme, ed è un lutto per tutti.
Naturalmente nessuno è esente dal correre questo pericolo, cioè di essere moralmente miserabili, ma tanto più grave è quando a dimostrare la propensione a essere così è chi ha il dovere di proteggere la sicurezza di tutti i cittadini nell’esercizio dei diritti garantiti dalla Costituzione, come quello della libertà di manifestare il proprio pensiero (art. 21).
Mi sembra, purtroppo, il caso conclamato del ministro dell’Interno Matteo Salvini quando, il 19 novembre scorso, dà personalmente in pasto alle belve dei suoi social istituzionali, Facebook e Twitter, le fotografie in chiaro di ragazze minorenni che hanno osato contestarlo al “No Salvini Day” di Milano di pochi giorni prima. 
Nonostante che vi siano state delle critiche, fra le quali anche da parte del sottosegretario alle Pari opportunità, Vincenzo Spadafora , Salvini ha continuato a mettere alla berlina soprattutto le donne che lo contestano, come è il caso di Cagliari , facendo scatenare anche in questo caso  insulti, guarda caso sessisti, alla faccia della “pari dignità … senza distinzioni di sesso ecc.” dell’art. 3 della nostra Costituzione.
Mi voglio fermare qui per lasciare la parola all’onorevole Giuditta Pini, la quale, nella sua interrogazione al ministro dell’Interno del 21 novembre (seduta n. 88),  spiega i fatti e le ragioni della sua iniziativa, che mi sembrano molto istruttivi.
 
 “PINI. — Al Ministro dell'interno. — Per sapere – premesso che:
il 19 novembre 2018 alle 09,47 il Ministro interrogato, sulle proprie pagine ufficiali di Facebook e Twitter ha postato una foto di tre ragazze con la didascalia «Poverette, e ridono pure...»;
le ragazze nella foto sulla pagina pubblica di Facebook del Ministro interrogato sono ritratte senza nessun tipo di forma grafica che ne tuteli la privacy, e sono delle studentesse minorenni;
la foto sulla pagina pubblica di Facebook del Ministro interrogato è stata oggetto di numerosi commenti, oltre 12 mila;
nei commenti le tre ragazze sono state bersagliate da minacce e innumerevoli insulti, anche e direttamente nella pagina ufficiale del Ministro dell'interno, senza che questi fossero cancellati o moderati;
secondo gli ultimi dati dell'Istat il 31,5 per cento delle 16-70enni (6 milioni e 788 mila) ha subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale. Ha subìto minacce il 12,3 per cento delle donne;
sul sito del Ministero dell'interno nella sezione «Violenza di genere» è riportata la dichiarazione sull'eliminazione della violenza contro le donne che è stata adottata da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 48/104 del 20 dicembre 1993. Si legge: «È violenza contro le donne ogni atto di violenza fondata sul genere che provochi un danno o una sofferenza fisica, sessuale o psicologica per le donne, incluse le minacce, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà. Così recita l'articolo 1 della dichiarazione Onu sull'eliminazione della violenza contro le donne»;
il 25 novembre cade la Giornata internazionale per eliminazione violenza contro donne proclamata dalle Nazioni Unite. L'Onu promuove iniziative e convegni dedicati alle donne che hanno subìto o subiscono ancora una violenza fisica o psicologica;
la prima sezione penale della Corte di cassazione con la sentenza n. 42727, pubblicata il 23 ottobre 2015 stabilisce, tra l'altro, che «Facebook è una gigantesca piazza immateriale con oltre cento milioni di utenti nel mondo, che comunicano in settanta lingue diverse: la community internet, dunque, ben può rientrare nella nozione di “luogo pubblico” ex articolo 660 Cp»;
la quinta sezione della Corte di cassazione con la sentenza n. 4873 del 1° febbraio 2017 ha stabilito che la diffusione di un messaggio diffamatorio attraverso l'uso di una bacheca «Facebook» integra un'ipotesi di diffamazione aggravata ai sensi dell'articolo 595, comma 3, codice penale, poiché questa modalità di comunicazione di un contenuto informativo suscettibile di arrecare discredito alla reputazione altrui, ha potenzialmente la capacità di raggiungere un numero indeterminato di persone; attraverso tale piattaforma virtuale, invero, gruppi di soggetti valorizzano il profilo del rapporto interpersonale allargato ad un numero indeterminato di aderenti al fine di una costante socializzazione;
tra i compiti del Ministero dell'interno c'è la sicurezza del cittadino, la tutela dell'incolumità e delle libertà individuali garantite dalla Costituzione;
l'11 ottobre 2018 Luca Morisi, responsabile social network del Ministro interrogato ha dichiarato che esiste un solo spin doctor di Salvini ed è Salvini stesso –:
se il Ministro interrogato abbia pubblicato direttamente la foto delle tre ragazze minorenni;
per quale motivo non abbia operato per cancellare e limitare le minacce e gli insulti nei confronti delle tre minorenni;
se non ritenga opportuno, per quanto tardivo, adottare iniziative per rimuovere gli insulti e le minacce alle ragazze dalla sua pagina;
se non ritenga, come Ministro dell'interno, di dover adottare iniziative per tutelare l'incolumità delle tre ragazze minorenni nelle forme e nelle modalità previste dalla legge. 
(3-00339)”.

 
 
 
LA PULCE NELL'ORECCHIO IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori