testata ADUC
PDR gas bloccato
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
19 gennaio 2020 0:00
 
Il pdr relativo all'abitazione sita di proprietà di mio padre risulta bloccata con gas chiuso poiché il precedente inquilino ha rilasciato l'immobile in data 10/02/2019 a seguito sfratto esecutivo.
Una volta liberato immobile mio padre si è recato presso locale Enigas a Chiavari dove in primis volevano fargli pagare il debito degli inquilini morosi, poi dopo svariati contatti telefonici, spiegando cosa era accaduto, ci hanno comunicato che era tutto ok. Dopo il totale ripristino dell'immobile, abbiamo trovato un nuovo inquilino e redatto nuovo contratto affitto intestato con decorrenza 1/01/2020. Mio padre a questo punto è tornato in Eni per chiedere conferma che tutto fosse a posto in vista dell'entrata dei nuovi inquilini e lo hanno tranquillizzato in merito. In data 10/12/2019 la moglie dell'affittuario, di reca in Eni per chiedere attivazione gas a nome figlia 20 enne, affetta da fibrosi cistica con diritto ad agevolazioni. Le hanno fatto la pratica, dicendole che ci sarebbero voluti 10 GG. Ma li hanno contattati per dire di rivolgersi ad altro fornitore per via della morosità precedentr, di andare presso Enel Energia che non ha problemi con le morosità. Segue istruzioni e fa contratto gas con loro negli uffici locali. Il 9/01/2020 la contattano per dirle di sentire Eni perché risultava un contratto aperto che non consentiva l'apertura di un altro. A questo punto la sigra contatta me, in quanto figlia del proprietario che ha seguito contratto affitto e mi racconta. Da lì e' stata una sequenza infinita di telefonate ogni volta con persone diverse e versioni diverse, fino a che non ci hanno detto, a seguito dell'escalation aperta, che il pdr è bloccato e di rivolgersi altrove. Al che contatto Italgas distributore locale che mi informa che dal 9/01/2020 il pdr è stato sbloccato da Heracomm. Mando cmq una mail al contact center italgas per chiedere assistenza.
Contatto Heracomm che mi dice di contattare altro loro n. del Fornitore ultima istanza e a loro chiedo istruzioni spiegando la situazione, e mi dicono di chiedere la cessazione amministrativa cosa che faccio con mail a indirizzo da loro indicato in data 14/01/2020.
Li ricontatto per avere conferma ricezione e mi fanno ok e mi dicono che la tempistica sono 7 GG lavorativi. Nel contempo scrivo un reclamo sul sito di italgas. Chiedo quindi se quanto fatto è corretto e se inquilino potrà avere gas, visto la grave situazione creatasi e i tempi lunghi. Abitano cmq nell'immobile avendo dovuto lasciare il precedente con i disagi che immaginate. Allego mail inviata a Italgas, reclamo e mail inviata ad Heracomm. Attendo vs cortese riscontro.
Gabriella (GE)

Risposta:
attenda i termini che le hanno indicato (che non sono ancora scaduti) e, nel caso si rivolga alla specifica Autorità Arera:
http://sosonline.aduc.it/scheda/energia+elettrica+gas+conciliazioni+obbligatorie_25396.php
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori