testata ADUC
Voltura, diritti di apertura e deposito cauzionale
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
13 luglio 2019 0:00
 
Salve, ho un dubbio riguardo dei costi sostenuti riguardo il gas.
Sono in affitto con contratto, firmato il 15 settembre 2017, la caparra era stata effettuata il 4 agosto dello stesso anno. A dicembre sempre 2017 è arrivata una bolletta del gas che riportava, oltre i consumi effettuati, altri importi di diritti di apertura e deposito cauzionale. La proprietaria ci ha addebitato tali costi (a me e alle altre due inquiline), non avvisandoci già nel momento di visita della casa, prima di dare caparra e conferma, che ci fossero tali spese, assicurandoci che la casa era dotata di tutti i servizi (luce, acqua, gas e riscaldamento).
Sulla bolletta, NON intestata a noi inquilini ma alla proprietaria di casa, risulta che la registrazione del contratto con l'ente del gas era stata effettuata l'8 agosto 2017, prima del contratto ma dopo la caparra.
A chi spettano effettivamente queste spese?
Grazie mille in anticipo.
Elisabetta, dalla provincia di LE

Risposta:
ci pare di aver capito questo:
- la locatrice si è intestata l'utenza a partire dalla data di versamento di una caparra in vista di contratto di locazione
- che il contratto prevede che il canone di affitto comprende le spese dei servizi erogati (luce, gas, riscaldamento...)
Allora non comprendiamo a che titolo venga preteso l'importo iniziale e quello delle successive bollette di tali servizi
Se invece per voi sono da contestare solo le somme di apertura dell'utenza gas, riteniamo che tali somme sono comunque dovute per chi chiede un nuovo allaccio mentre il deposito cauzionale verrà restituito a chi lo ha versato al momento della cessazione dell'utenza ed eventualmente restituito agli inquilini.
 
 
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori