testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Aiuto medico internazionale in Italia: solidarietà o propaganda?
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
28 aprile 2020 7:45
 
Dalla fine di febbraio, l’Italia è alle prese con uno dei focolai più gravi al mondo di COVID-19. Ad oggi ha riportato il maggior numero di decessi in Europa, nonostante le misure di mitigazione estreme incluso un blocco a livello nazionale che è stato imposto il 10 marzo.
Questa insolita sofferenza in una ricca democrazia europea ha attirato l’attenzione dei poteri autoritari, che vedono un’opportunità per insinuare la superiorità dei loro sistemi e il fallimento dei tradizionali alleati italiani a venire in suo aiuto. La consegna di forniture e altri aiuti tanto necessari da parte di Cina, Russia e Cuba è stato esaltato presso il pubblico italiano alimentando una narrazione che incolpa l’Europa della mancanza di solidarietà durante la crisi. Ad un esame più attento, tuttavia, è chiaro che queste iniziative di aiuto autoritario riguardavano più la propaganda che la solidarietà.

Veloce, fuorviante e egoistico
Poiché l’enorme numero di infezioni ha rapidamente travolto il sistema sanitario italiano, Cina, Russia e Cuba hanno prontamente risposto con azioni concrete di emergenza. Il 13 marzo la Cina ha inviato per la prima volta nove medici e 30 tonnellate di attrezzature; ulteriori medici e forniture sono state inviate in diverse tranche nelle settimane successive. Il 22 marzo, una brigata medica cubana composta da 37 medici e 15 infermieri è arrivata in Lombardia e quattro giorni dopo il governo russo ha organizzato almeno 15 voli militari che trasportavano attrezzature mediche, prodotti farmaceutici e personale medico militare, tra cui protezione nucleare, biologica e chimica truppe.
Per Pechino, che in particolare ha creato confusione tra le attrezzature acquistate e quelle donate, le spedizioni in Italia hanno offerto la possibilità di invertire la narrativa esistente e presentarsi come leader nella lotta contro COVID-19 piuttosto che un soggetto incline alla censura del problema. La propaganda ufficiale è stata accompagnata da campagne di disinformazione sui social media: video di italiani riconoscenti che cantano l’inno nazionale cinese dai loro balconi sono diventati virali e i tweet che usano gli hashtag #GrazieCina e #forzaCinaeItalia sono stati promossi artificialmente — il 37 percento del primo e il 46 percento del secondo è stato dimostrato che sono stati generati dai robot . Questi sforzi hanno avuto raggiunto il loro scopo, un sondaggio SWG di marzo ha rilevato che il 52 percento degli italiani considera la Cina come una nazione amica, era il 10 percento di gennaio.
Allo stesso tempo, i media cinesi hanno manipolato le parole di un medico italiano per sostenere che il coronavirus sia nato in Italia e non a Wuhan.
Il programma di aiuti di Mosca, etichettato “Dalla Russia con amore”, aveva anche elementi sospettati di essere legati ai propri interessi. Dato che l’equipaggiamento donato è arrivato su aerei militari ed era accompagnato principalmente da personale militare, molti osservatori hanno suggerito che lo scopo era quello di collocare agenti militari in Italia, o semplicemente di stabilire un rapporto militare che potesse diventare un cuneo tra Roma e i suoi alleati della NATO. Fonti interne all’Italia hanno riferito che fino all’80% delle apparecchiature trasportate dalla Russia era inutile e veniva utilizzato come pretesto per operazioni di intelligence. Dopo che il giornale La Stampa ha pubblicato rapporti che erano scettici sui pacchetti di aiuti di Mosca, un portavoce del ministero della Difesa russo ha minacciato il giornalista e il giornale stesso in una dichiarazione scritta. Considerando la gravità di tale aperta intimidazione, i politici di tutto lo spettro politico italiano hanno denunciato le osservazioni e hanno chiesto le scuse dal governo russo.
La brigata di medici e infermieri cubani che arrivarono brandendo una foto di Fidel Castro fu forse la delegazione accolta più calorosamente dai media e dai politici italiani. Tuttavia, la diplomazia medica dell’Avana ha una storia complicata che merita un esame. Mentre il governo cubano promuove il suo programma medico internazionale come uno spettacolo di solidarietà con le persone bisognose in tutto il mondo, più di 100 medici che hanno disertato e depositato una testimonianza come parte di una denuncia presso la Corte penale internazionale (ICC) hanno riferito che le condizioni di lavoro sono proprie della schiavitù moderna. Secondo la denuncia, la metà dei medici non si è volontariamente unita alle missioni all’estero e la maggior parte non aveva alcuna conoscenza preliminare di dove sarebbero stati inviati. Una volta che i medici erano arrivati a destinazione, i loro passaporti sono stati confiscati da un funzionario cubano, quasi tutti sono stati monitorati dal personale di sicurezza cubano e gli è stato chiesto di trasmettere informazioni e, secondo quanto riferito, tra il 75 e il 90 percento degli stipendi pagati dai paesi ospitanti è stato trattenuto dalle Autorità cubane.

La risposta democratica a lungo termine
Mentre le missioni cinese, russa e cubana hanno attirato molta attenzione da parte dei media, anche gli alleati democratici italiani hanno iniziato a fornire aiuti. Ad esempio, nonostante sia stata colpita duramente dal coronavirus stesso, la Francia ha donato un milione di maschere e 20.000 tute protettive. La Germania ha riservato 85 letti di terapia intensiva per pazienti italiani e ha consegnato sette tonnellate di attrezzature mediche, inclusi ventilatori e relative maschere. Ad oggi, i paesi europei hanno donato all’Italia più forniture mediche della Cina. Paesi come Albania, Norvegia, Polonia e Romania hanno anche inviato team di medici e infermieri per supportare le strutture sanitarie italiane. Gli Stati Uniti hanno schierato un ospedale improvvisato con otto unità di terapia intensiva e hanno annunciato che invieranno 100 milioni di dollari in forniture mediche. Infine, i ministri delle finanze dell’Unione europea hanno recentemente concordato un pacchetto di salvataggio da 500 miliardi di euro per gli Stati membri gravemente colpiti dal COVID-19, anche se molti dettagli devono ancora essere elaborati.
Queste risposte dei paesi vicini all’Italia sono state accolte con favore, ma potrebbero essere arrivate troppo tardi per correggere rapidamente la falsa narrativa secondo cui Cina, Russia e Cuba sono partner più responsabili e affidabili. L’idea che gli alleati europei siano stati trascinati per i i piedi e non siano riusciti a mostrare solidarietà è stata amplificata dai politici euroscettici in Italia. I dati del sondaggio SWG indicano che la fiducia nell’Unione europea tra i cittadini italiani è scesa dal 42 percento del settembre 2019 al 27 percento di aprile 2020.
Tuttavia, il risultato finale della pandemia sarà modellato dalle scelte fatte da oggi in avanti. I paesi europei, in collaborazione con altre democrazie, dovrebbero rispondere all’emergenza globale promuovendo sforzi genuini e coordinati per sviluppare e produrre vaccini e trattamenti, sostenere i lavoratori e le economie in difficoltà e difendersi dalle campagne di disinformazione volte alla destabilizzazione politica e alla divisione sociale. È necessaria un’azione tempestiva per evitare una crisi più profonda che potrebbe essere sfruttata dagli attori autoritari. L’unità democratica basata sui valori di trasparenza e responsabilità è fondamentale non solo per creare una risposta efficace alla pandemia, ma anche per preservare la libertà in un momento di grande vulnerabilità.
(Alessandra Pinna, Freedom House, Senior Program Manager America Latina e Caraibi, 20 aprile 2020)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori