testata ADUC
 BELIZE - BELIZE - Cannabis legalizzata per bene!!
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
12 luglio 2021 14:34
 
Il 9 luglio, durante la seduta della Camera dei Rappresentanti, il Ministro delle Nuove Industrie in Crescita, On. Kareem Musa, ha introdotto uno storico emendamento per prevedere la legalizzazione della marijuana in Belize. L'atto modifica il Misuse of Drug Act, 103, per stabilire disposizioni per la licenza e la registrazione delle imprese che operano nel settore della cannabis. Queste licenze speciali, che saranno concesse da una Commissione di controllo della canapa industriale e della cannabis, consentiranno alle persone di coltivare, elaborare, distribuire e consegnare cannabis. "Questo particolare atto legislativo rappresenta un emendamento controllato, strutturato e responsabile che districa la rete della contraddittoria politica sulla marijuana che esiste attualmente". Lo ha detto il ministro Musa faqcendo riferimento all'emendamento del novembre 2017 al Misuse of Drugs Act che ha consentito la depenalizzazione fino a 10 grammi di marijuana e il suo utilizzo in ambienti privati.
Mentre questo emendamento del 2017 prevedeva anche l'eliminazione dei reati di possesso di marijuana per i consumatori, le persone che vendevano il prodotto erano ancora a rischio di essere accusate di traffico di droga, rendendo così l'acquisto del prodotto, apparentemente legale, effettivamente illegale. Musa ha affermato che ciò ha creato un'assurdità legale a cui si sarebbe posto rimedio con il lancio completo dell'industria, ma ovviamente con normative rigorose. “Tra dieci anni, riconsidereremo questo momento con maggiore chiarezza, applaudiremo la nostra audacia e, onestamente, dimenticheremo la macchia bigotta che ha definito quella legge precedente. Vorremo dimenticare l'iniquità razziale e la codardia dello stato che hanno punito tanti dei nostri poveri e a rischio nel paese. Vorremo dimenticare gli stereotipi e lo stigma che giustificavano le molestie e il carcere. Oggi, signora Presidente, è un nuovo giorno».
In un'intervista a seguito della riunione della Camera, il leader dell'opposizione, l'on. Shyne Barrow, ha dichiarato di essere favorevole a questa nuova legge e di chiedere da anni la legalizzazione della marijuana. Ha aggiunto, tuttavia, che spera che la legislazione crei opportunità e percorsi per l'ingresso nel settore per coloro che sono stati colpiti negativamente dalle leggi sulla marijuana per così tanti anni. ….
La legislazione proposta delinea otto diverse licenze nel settore: una licenza generale, una di coltivazione, una di consegna, una di dispensario, una di elaborazione, una per il consumo nei ristoranti, una per le lounge e una per il fornitore di sicurezza. Le persone che desiderano acquistare cannabis per uso personale devono essere in possesso di una carta di identificazione del programma di cannabis concessa dalla Commissione sulla cannabis, che deve ancora essere formata.
Mentre il ministro Musa ha affermato che questo passo è stato fatto per porre rimedio a un torto storico perpetrato su coloro che vivono ai margini della società del Belize, molte di quelle persone, che hanno allevato famiglie con i proventi del commercio di marijuana, avranno difficoltà a soddisfare i requisiti costituzionali per entrare nel nuovo mercato. Ciascuna delle licenze richiederà una tassa indicata al momento della domanda. Deve essere fornito un piano aziendale completo e devono essere fornite informazioni complete su ogni persona che sarà coinvolta o che ha interessi finanziari nella società che chiede una licenza. L'emendamento richiede che tutte le persone elencate nell'informativa abbiamo l'autorizzazione INTERPOL. Questi saranno vagliati dalla Commissione, che alla fine prenderà la decisione di concedere o negare la licenza. Tutte le aziende sono tenute a presentare la dichiarazione dei redditi dell'anno precedente e a fornire un piano dettagliato di efficienza energetica per le loro operazioni.
Per i piccoli operatori nel commercio della marijuana, superare tutta questa burocrazia sarà una battaglia in salita. Questa è la paura di molti osservatori, che affermano che le imprese affermate nel paese si impadroniranno di una fetta del nuovo mercato della marijuana, cacciando di fatto gli spacciatori "da strada", il che potrebbe provocare una nuova ondata di crimini violenti.
Come è anche ampiamente noto, la maggior parte della marijuana importata in Belize proviene dai cartelli messicani, che possono trovare un modo per infiltrarsi nel settore, nonostante i rigorosi controlli.
Un documento del 2010 della RAND Society intitolato "Ridurre i ricavi e la violenza del traffico di droga in Messico" mette in evidenza che la legalizzazione della marijuana potrebbe contribuire al finanziamento delle altre attività dei cartelli della droga messicani e potrebbe non ridurre significativamente il traffico di droga.
Un altro fattore importante nella discussione sulla legalizzazione è la mancanza di accesso ai servizi bancari da parte di molti aspiranti imprenditori della marijuana e il rischio per la sicurezza che ciò comporta. Nonostante almeno 33 stati degli Usa abbiano legalizzato la marijuana a livello nazionale, la stessa continua ad essere illegale a livello federale e di conseguenza molte banche evitano di fare affari con persone che fanno entrate legittime nell'industria della cannabis per paura di responsabilità penale. Si prevede che le banche locali in Belize esprimano preoccupazioni simili, per paura di essere inserite nella lista nera da banche e paesi stranieri.
(Amandala del 10/07/2021)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori