testata ADUC
 USA - USA - Cannabis terapeutica. Approvata l’importazione di prodotti base dal Canada
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
19 settembre 2018 9:29
 
In modo inusuale, il governo degli Stati Uniti ha approvato l'importazione di estratti di marijuana dal Canada per una sperimentazione clinica, aprendo ad una nuova strada per i ricercatori americani che hanno avuto a lungo difficoltà a ottenere questa droga per le ricerche mediche. Il Centro per la ricerca sulla cannabis medicinale della University of California di San Diego ha annunciato che la Drug Enforcement Administration ha deciso di importare capsule contenenti due composti chiave della cannabis - CBD e THC - dalla Tilray Inc della British Columbia, per studiare la loro efficacia nel trattamento delle convulsioni che affliggono milioni di persone, in particolare quelle over 65. La marijuana rimane illegale secondo la legge federale, rendendo impossibile per i ricercatori ottenere semplicemente dei farmaci da uno dei molti programmi di marijuana medica approvati dai singoli Stati - anche uno Stato con una cultura Diffusa della marijuana come la California. La legge federale impone che i ricercatori, in genere, devono ottenere qualsiasi sostanza per le sperimentazioni cliniche attraverso l'Istituto nazionale per l'abuso di droghe, che utilizza la cannabis coltivata presso l'Università del Mississippi. Gli scienziati hanno a lungo lamentato la difficoltà di ottenere quella marijuana, così come la sua limitata qualità, varietà e utilità per la ricerca clinica. I ricercatori dell'Università della California di San Diego hanno fatto sapere di aver bisogno di estratti di marijuana in forma di capsule perché è più facile monitorare le dosi che i pazienti assumono, rispetto al consumo tramite fumino o vaporizzazione. Inoltre i ricercatori credono anche che molti pazienti più anziani sarebbero riluttanti a partecipare allo studio se dovessero inalare il farmaco, cos’ come sostiene il dr. Fatta Nahab, un neurologo della UCSD e investigatore principale dello studio sulle convulsioni. Il NIDA non offre capsule, quindi i ricercatori hanno impiegato circa due anni per sottoporsi a controlli normativi per ottenere il permesso di importare la droga dal Canada, dove la marijuana medica è legale a livello federale e dove le vendite per uso ricreativo iniziano a livello nazionale il mese prossimo.
Paul Armentano, vice direttore dell'organizzazione per la riforma della marijuana NORM, ha detto che questo dimostra come i ricercatori americani abbiano bisogno di fonti alternative per la cannabis. La scorsa settimana il Comitato giudiziario della Camera ha approvato una proposta di legge che impone al Dipartimento di Giustizia di rilasciare almeno altre due licenze alle strutture statunitensi per coltivare erba per la ricerca. "È molto significativo che ci siano ricercatori negli Stati Uniti disposti pazientemente a superare gli ostacoli normativi, anche se gli Stati Uniti hanno una fonte interna di approvvigionamento", ha detto Armentano. Composti di marijuana sono stati importati per studi clinici in precedenza, anche da GW Pharmaceuticals, con sede in Gran Bretagna, che quest'anno ha vinto la gara per vendere la capsula di CBD, Epidiolex, per il trattamento di forme gravi di epilessia - il primo farmaco di cannabis approvato dagli Stati Uniti.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori