testata ADUC
 BRASILE - BRASILE - Cannabis terapeutica. Tribunale autorizza coltivazione personale
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
17 agosto 2022 13:13
 
 Una donna ha ottenuto in tribunale un habeas corpus preventivo che le permette di coltivare cannabis sativa per estrazione di olio per uso personale e medicinale, oltre all'autorizzazione all'importazione di semi. La richiesta è stata presentata dagli avvocati Thais Menezes e Marianna Mendonça al 7mo Tribunale penale federale di Rio de Janeiro e accolta dal giudice Caroline Vieira Figueiredo, il 10 agosto.

La sentenza stabilisce che le autorità «si astengano da limitare la libertà di movimento del malato, nonché impedire il sequestro delle sementi eventualmente importabili, indispensabili per la continuità della coltivazione, nonché il sequestro e la conseguente distruzione delle piante che costituiscono le cure mediche, e di non procedere all'arresto in flagranza di reato del malato per la coltivazione, l'uso, il possesso e la produzione artigianale di cannabis sativa a fini esclusivamente terapeutici, ed anche che non siano sequestrate le piante di cannabis sativa fino a una decisione definitiva sui meriti".

La donna fa uso di cannabis dal 2020 per curare la pitiriasi lichenoide cronica, il disturbo d'ansia generalizzato, l'inappetenza, il dolore cronico e l'insonnia, mostrando "un miglioramento significativo della qualità della vita". Ha iniziato il trattamento da sola, ma ora è accompagnata da un medico. Secondo lei, la causa è stata intentata per garantire la sua libertà personale mentre continua le sue cure, poiché non è in grado di sostenere finanziariamente i costi del medicinale importato e ha la possibilità di coltivarlo e produrlo in casa, per uso personale, essendo "la migliore e unica soluzione".

Fino a nuovo avviso, ha il diritto di coltivare ventuno piante di cannabis in fiore ogni ciclo di quattro mesi, per un totale di 63 piante all'anno. Ha inoltre chiesto l'autorizzazione all'invio dell'olio prodotto per analisi cromatografiche nei laboratori di farmacia di enti pubblici o privati.
Il 10, il giudice ha disposto l'immediato rilascio di un salvacondotto da parte delle autorità preposte.

(da Extra del 16/08/2022)

 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS