testata ADUC
 MONDO - MONDO - Corruzione. Onu: rappresenta il 10% del Pil
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
9 dicembre 2013 18:39
 
Ogni anno nel mondo 1 triliardo di dollari viene pagato in tangenti, mentre si stima che 2,6 triliardi di dollari vengono rubati annualmente attraverso la corruzione, un volume pari al 10% del Pil mondiale. Sono queste le cifre drammatiche diffuse dalle Nazioni Unite nella giornata mondiale contro la corruzione, una ''malattia globale'' nella definizione del segretario generale Onu, Ban Ki-moon, che sottolinea come il fenomeno non riguarda piu' esclusivamente traffici criminali come quelli di droga e armi, ma intacca ormai molti ambiti dell'economia 'legale', dalle risorse ambientali a quelle destinate alla sanita'. ''La corruzione sopprime la crescita economica aumentadone i costi e minaccia la gestione sostenibile dell'ambiente e delle risorse naturali. Viola i diritti umani fondamentali, esaspera la poverta', aumenta l'ineguaglianza deviando i fondi dall'assistenza sanitaria, l'educazione e altri servizi essenziali. Gli effetti maligni della corruzione vengono subiti da miliardi di persone ovunque'', si legge nel messaggio diffuso da Ban Ki-moon. Sempre le Nazioni unite riportano una stima del World economic forum in base a cui la corruzione incrementa del 10% il costo del fare impresa. Cosi', nei paesi sviluppati, si calcola che le frodi e gli abusi nella sanita' costino da sole ai governi tra i 12 e i 23 miliardi di dollari ogni anno. Nel settore farmaceutico, in cui vengono spesi ogni anno circa 50 miliardi di dollari a livello globale, l'Oms stima che oltre il 25% delle medicine procurate vanno perse in frodi, tangenti ed altre pratiche corruttive. La corruzione incrementa i costi di infrastrutture per l'approvvigionamento dell'acqua di oltre il 40%, il che equivale a costi addizionali di 12 miliardi di dollari l'anno per fornire acqua sicura e potabile. L''International anti-corruption day' venne fissato per il 9 dicembre dall'Assemblea generale dell'Onu nel 2003 in parallelo all'adozione della Convenzione Onu contro la corruzione, entrata poi in vigore nel 2005. La Convenzione ''e' lo schema globale principe per prevenire e combattere la corruzione'', sottolinea Ban. ''La sua piena applicazione - prosegue - dipende strettamente da una prevenzione effettiva, dal rafforzamento della legislazione, dalla cooperazione internazionale e dalla capacita' di recuperare le risorse''. Ricordando che il fenomeno della corruzione non risparmia nemmeno ''il mondo dello sport e degli affari e del reclutamento pubblico'', il segretario generale delle Nazioni unite si appella ''ai governi, al settore privato e alla societa' civile'' affinche' assumano ''una posizione collettiva contro questa malattia sociale, politica ed economica che affligge ogni paese''.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori