testata ADUC
 MONDO - MONDO - Crisi alimentari. Rapporto 2021
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
9 maggio 2021 15:36
 
Il Rapporto globale 2021 sulle crisi alimentari (GRFC 2021) evidenzia la gravità e il numero notevolmente elevati di persone in crisi o peggio (IPC / CH Fase 3 o superiore) o equivalente in 55 paesi / territori, guidati da conflitti persistenti, preesistenti e Shock economici legati a COVID-19 e condizioni meteorologiche estreme. Il numero individuato nell’edizione 2021 è il più alto nei cinque anni di esistenza del rapporto.
Mentre il conflitto continua a spiazzare le persone, interrompere i mezzi di sussistenza e danneggiare le economie, la pandemia COVID-19 e le relative misure di contenimento hanno esacerbato i fattori di fragilità preesistenti, allargato le disuguaglianze e esposto le vulnerabilità strutturali dei sistemi alimentari locali e globali, colpendo le famiglie economicamente più vulnerabili particolarmente duro.
Gli shock arrivano in mezzo alla frequente minaccia di condizioni meteorologiche estreme che provocano perdite di raccolti e bestiame, distruggono case e sfollano le persone. Insieme e separatamente, tali shock, specialmente se persistenti o ricorrenti, spingono milioni di persone a perdere i propri mezzi di sussistenza e mancano di cibo adeguato. Questi shock aumentano anche il rischio di tutte le forme di malnutrizione e, nei casi più estremi, causano la morte.
I responsabili politici necessitano di dati e analisi chiari e affidabili per informare le politiche, le strategie e le azioni. Ma le informazioni sono spesso contrastanti, si basano su varie fonti di dati e utilizzano metodologie diverse che non hanno un equivalente concordato in termini di fasi IPC / CH standard. Il GRFC – un’iniziativa della Rete globale contro le crisi alimentari, facilitata dalla Rete di informazioni sulla sicurezza alimentare (FSIN) e dai suoi 16 partner globali e regionali – risponde a queste limitazioni fornendo un processo consultivo.
Il GRFC 2021 fornisce una panoramica delle crisi alimentari nel 2020 utilizzando stime di insicurezza alimentare acuta per le popolazioni di paesi / territori in cui i dati si basano sulla classificazione della fase di sicurezza alimentare integrata (IPC) e Cadre Harmonisé (CH) o fonti comparabili. Si concentra sulle crisi in cui le capacità locali di rispondere sono insufficienti, spingendo una richiesta per la mobilitazione urgente della comunità internazionale, così come i paesi / territori in cui vi è ampia evidenza che l’entità e la gravità della crisi alimentare superano le risorse locali e capacità necessarie per rispondere in modo efficace.
Il Comitato Senior GRFC conferma lo scopo del rapporto, approva i criteri utilizzati per selezionare i paesi / territori, fornisce indicazioni su lacune nei dati, sfide tecniche, costruzione del consenso e infine convalida il rapporto.
I gruppi di lavoro tecnici GRFC concordano metodi e approccio; identificare le fonti di dati e le analisi pubblicate; impegnarsi con specialisti della sicurezza alimentare e della nutrizione a livello regionale e nazionale per colmare le lacune; rivedere e convalidare la qualità e l’affidabilità dei dati; e identificare le stime di picco e i fattori chiave dell’insicurezza alimentare acuta e della malnutrizione.
Il risultato è un documento di riferimento con informazioni e analisi credibili approvate da esperti e mantenute secondo i più alti standard, sulla base di valutazioni indipendenti e basate sul consenso. Evidenzia anche le lacune critiche nei dati.
Il GRFC 2021 stima che almeno 155 milioni di persone soffrissero di grave insicurezza alimentare e necessitassero di assistenza urgente (IPC / CH Fase 3 o superiore) o equivalente nel 2020 in 55 paesi / territori che hanno chiesto assistenza esterna – il livello più alto in cinque anni di reporting GRFC. Rappresenta un aumento di quasi 20 milioni di persone dal 2019, quando quasi 135 milioni di persone erano in crisi o peggio (IPC / CH Fase 3 o superiore) o equivalente, in 55 paesi / territori. Circa il 21% della popolazione analizzata era in crisi o peggio (IPC / CH Fase 3 o superiore) o equivalente nel 2020, rispetto al 16,5% nel 2019.
Mentre il GRFC compila stime di insicurezza alimentare acuta con un focus specifico sui paesi che necessitano di assistenza sulla base di standard concordati a livello internazionale e di consenso tra i partner tecnici, alcune organizzazioni producono stime diverse in base alla propria copertura geografica, metodi e mandato, che utilizzano per i propri esigenze operative.
per scaricare il rapporto completo in formato pdf : https://bit.ly/3en8QoY
per scaricare la sintesi in formato pdf: https://bit.ly/3f1CRtu
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori