testata ADUC
 UNGHERIA - UNGHERIA - Fate figli per la patria. Il premer Orban contro i figli degli immigrati
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
13 febbraio 2019 17:20
 
L'Ungheria offrirà alle madri che hanno almeno quattro figli una esenzione a vita dall'imposta sul reddito, volendo così far crescere i tassi di natalità, così come ha fatto sapere il primo ministro.
Viktor Orban ha detto che le misure sono state introdotte per invertire il declino della popolazione senza fare affidamento sui nuovi migranti che arrivano nel Paese.
Presentando domenica scorsa il suo discorso sullo stato della nazione, Orban ha fatto sapere che il governo offrirà una serie di benefici, compreso un sussidio di 2,5 milioni di fiorini (circa 7.000 euro) per i veicoli a sette posti per famiglie con tre o più figli.
Le donne sotto i 40 anni che si sposano per la prima volta potrebbero beneficiare di un prestito a basso interesse di 10 milioni di fiorini (circa 28.000 euro).
Orban, che negli ultimi anni ha molto insistito sulla politica di "tolleranza zero" sull'immigrazione, ha detto che l'iniziativa è stata concepita per "assicurare la sopravvivenza della nazione ungherese".
"Ci sono sempre meno bambini nati in Europa. Per l'Occidente, la risposta [a questo problema] è l'immigrazione", ha detto il primo ministro. "Per ogni bambino scomparso dovrebbe esserci uno che entra e, di conseguenza, l’equilibrio dei numeri dovrebbe essere garantito." "Ma non abbiamo bisogno di numeri. Abbiamo bisogno di bambini ungheresi. Questa è la risposta degli ungheresi, non l'immigrazione ".
Non ci sono al momento stime governative per il costo delle nuove misure.
Il capo dello staff di Orban, Gergely Gulyas, ha detto oggi che le nuove spese saranno finanziate dalle riserve generali o dalle entrate in eccesso nel bilancio del 2019.
Il primo ministro ha usato questo argomento per dare il via alla campagna elettorale del suo partito di destra, Fidesz, ribadendo la sua abituale posizione contro l'Unione europea che vuole riempire il continente di migranti, principalmente di provenienza musulmana.
"Dobbiamo capire che i popoli europei sono giunti a un bivio storico", ha affermato Orban. "Coloro che decidono in favore dell'immigrazione e dei migranti, non importa perché lo facciano, stanno di fatto creando un Paese con una popolazione mista". L'ala sinistra dell'Europa è diventata "il becchino delle nazioni, della famiglia e dello stile di vita cristiano", ha affermato.
Fidesz e Orban in questo modo aprono la campagna per le elezioni del Parlamento europeo e del governo nazionale, rispondendo così alle grandi proteste che in queste ultime settimane ci sono state in Ungheria contro il governo del premier. Le dimostrazioni sono state scatenate dall’approvazione di una legge a dicembre scorso che consente ai datori di lavoro di chiedere fino a 400 ore di straordinari all'anno e la creazione di nuovi tribunali amministrativi che risponderanno al governo e sovrintenderanno alle questioni sensibili.
Ma nonostante le proteste, il partito di governo sembra rimanere molto più avanti rispetto ai suoi rivali: diversi recenti sondaggi di opinione indicano una vittoria della destra con quasi il 40% del voto popolare.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori