testata ADUC
 LUSSEMBURGO - LUSSEMBURGO - Legalizzazione cannabis. La bozza di progetto del governo
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
25 febbraio 2020 16:02
 
Il governo lussemburghese sta valutando i piani per legalizzare la cannabis ricreativa attraverso un mercato strettamente controllato che offrirebbe agli imprenditori un numero limitato di licenze di produzione e vendita al dettaglio.
Radio 100.7 del Lussemburgo ha avuto accesso a una "prima bozza" in merito.
Il governo non ha ancora approvato il progetto di legalizzazione del Ministero della Salute.
Nonostante solo circa 600.000 persone vivono in Lussemburgo, una vera e propria legalizzazione ricreativa potrebbe avere un impatto significativo sui Paesi vicini.
Il primo Paese europeo a offrire una produzione commerciale legale di marijuana ricreativa potrebbe rappresentare uno stimolo in tutta la regione. Il Lussemburgo confina con Belgio, Francia e Germania.
Secondo Radio 100.7, il piano del Ministero della Salute comprende:
    • I maggiorenni di età pari o superiore a 18 anni potrebbero acquistare 30 grammi di cannabis al mese, a condizione che siano registrati come residenti in Lussemburgo da almeno sei mesi. Ciò eviterebbe il turismo della cannabis e faciliterebbe la diffidenza dei Paesi vicini. Un registro governativo impedirebbe a una sola persona di acquistare più dell'indennità mensile.
    • Nessun consumo sarebbe consentito negli spazi pubblici o in cui vigono divieti di fumo. I negozi al dettaglio sarebbero aperti da mezzogiorno alle 20:00 e non sarebbero autorizzati a vendere tabacco o alcool.
    • La pubblicità, le vendite su Internet e la consegne a domicilio sarebbero vietate. Divieto anche per il consumo in un negozio al dettaglio o vicino a locali di questo tipo.
    • Due produttori nazionali sarebbero autorizzati e sarebbe vietata la coltivazione in casa. Ci dovrebbe essere un unico sito di produzione per i due produttori, proprio come in Uruguay - il primo Paese al mondo a legalizzare la produzione commerciale di marijuana ricreativa. Attualmente l'Uruguay ha cinque licenziatari, tutti coi medesimi diritti e doveri.
    • Quattordici punti vendita privati ??sarebbero responsabili delle vendite e non potranno essere vicino alle scuole. I rivenditori dovrebbero pagare per la licenza iniziale e parte delle loro entrate andrebbero alle casse statali. Imposte e tasse sarebbero utilizzati per le attività di prevenzione.
    • I prodotti non avrebbero un limite di THC, ma le tasse potrebbero essere concepite per scoraggiare i prodotti ad alto THC.
    • Il governo fisserebbe i prezzi al dettaglio "non troppo costosi e non economici".

Secondo la stazione radio, il documento del ministero riconosce che potrebbero esserci problemi bancari per l'implementazione del programma. In breve, le banche potrebbero essere riluttanti a lavorare con le compagnie di cannabis, anche se operano legalmente.
Questa è stata una delle maggiori sfide in Uruguay da quando la cannabis è stata legalizzata.
Finché la cannabis rimane illegale a livello federale negli Stati Uniti, le banche di altri Paesi potrebbero rimanere titubanti nell'accettare i clienti se questo significasse perdere l'accesso al settore finanziario americano.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori