testata ADUC
 MESSICO - MESSICO - Legalizzazione cannabis. Ok dal Senato
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
20 novembre 2020 17:28
 
 Il Senato del Messico ha approvato una proposta di legge che depenalizza l'uso personale della marijuana. Il testo passa ora all'esame della Camera. I senatori favorevoli alla riforma in aula hanno anticipato la votazione con una breve manifestazione: hanno esposto cartelli con suscritto 'No alla criminalizzazione, si' alla liberta'', inoltre hanno attivato il timer dei propri smartphone e, quando gli allarme sveglia hanno iniziato a suonare, hanno scandito in coro "e' ora", per esortare l'adozione del provvedimento. I parlamentari contrari alla legge hanno invece avvertito che la liberalizzazione della droga facilitera' il suo impiego anche tra bambini e adolescenti. La legge, se sara' promulgata, introdurra' varie novita' che permetteranno di evitare il carcere a chi fa uso di marijuana per fini ricreativi. Uno dei punti principali dei promotori della riforma e' appunto la tutela dei diritti e della liberta' di scelta delle persone. Secondo il nuovo testo, a partire dai 18 anni chiunque potra' trasportare fino a 28 grammi della sostanza psicoattiva, contro il limite di cinque posto dalla legge attuale. Viene inoltre permessa la coltivazione in casa, per un massimo di sei piantine per chi vive da solo e otto dai due inquilini in su. Tra gli emendamenti approvati dai senatori, riporta la stampa locale, c'e' anche il rilascio immediato di coloro che hanno subito denunce o condanne per il possesso di droga, tutti reati che dovranno essere cancellati dal casellario giudiziario entro sei mesi dall'entrata in vigore della riforma.
Parallelamente alla liberalizzazione della marijuana e' stata prevista l'implementazione di un piano urgente per prevenire e trattare le dipendenze dagli stupefacenti. Resta invece in vigore il divieto di consumo nei luoghi pubblici, nelle scuole pubbliche e private e in generale in tutti quei luoghi dove e' affisso il cartello "vietato fumare", compresi i giardini o gli spazi adibiti all'accesso di bambini e adolescenti.
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori