testata ADUC
 USA - USA - La legalizzazione della marijuana ha fatto calare i profitti dei cartelli messicani
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
4 agosto 2020 13:09
 
La domanda di marijuana illegalmente trafficata dal Messico continuerà a diminuire man mano che il movimento di legalizzazione si diffonde, afferma una nuova ricerca del Congresso.

Con un numero crescente di Stati in Usa, oltre al Canada, che consente alle persone di acquistare legalmente cannabis in un mercato regolamentato, le persone sono meno inclini a cercare il prodotto attraverso canali illeciti, ha affermato il Congressional Research Service (CRS).

"Le autorità stanno prendendo atto di un continuo declino della domanda negli Stati Uniti di marijuana messicana perché le droghe" diverse dalla marijuana "probabilmente prevarranno", ha scritto CRS nel rapporto, che è stato pubblicato la scorsa settimana. "Questo è anche il caso della cannabis legalizzata o della cannabis medica in diversi stati degli Usa e in Canada, riducendo il suo valore nel portafoglio delle organizzazioni criminali messicane".

Il rapporto nota inoltre che il Messico stesso "sta anche prendendo in considerazione la legalizzazione e la regolamentazione della cannabis" dopo che una sentenza della Corte Suprema ha ritenuto incostituzionale il divieto di possesso e consumo personale nel 2018.

Il documento "Messico: Organized Crime and Drug Traffic Organizations", esamina le varie tendenze in materia di droga e attività dei cartelli e osserva che le forze dell'ordine messicane hanno sequestrato 91 tonnellate di marijuana e distrutto oltre 2.250 ettari di piante nel 2019, secondo il Dipartimento di Stato.

Rileva inoltre che la diversificazione dei cartelli in altre attività criminali potrebbe essere dovuta agli sforzi statunitensi e messicani in materia di droga o che "costituisce una risposta al mutamento dei modelli di consumo di droghe negli Stati Uniti, come la legalizzazione della marijuana in alcuni Stati  (e in Canada) e un vasto aumento della domanda di oppiacei di origine vegetale e sintetica".

I legislatori messicani che hanno lavorato alla legislazione sulla legalizzazione hanno anche sostenuto che la regolamentazione mitigherà l'influenza delle organizzazioni de trafficanti di droga. È un punto che i sostenitori della riforma hanno costantemente sostenuto, sostenendo che le persone si orienteranno in generale verso fonti legali e regolamentate di cannabis, se disponibili.

La scoperta del rapporto è anche coerente con altri studi precedenti, tra cui uno del Cato Institute nel 2018 che ha determinato che la legalizzazione della cannabis a livello statale "ha notevolmente ridotto il traffico di marijuana".

"Sulla base dei sequestri delle pattuglie di frontiera, il contrabbando è diminuito del 78% in soli cinque anni", ha scoperto il think tank. "Poiché la marijuana era la droga primaria introdotta clandestinamente tra i porti di ingresso, dove sono in servizio le pattuglie di frontiera, il valore complessivo dei sequestri dell'agenzia è diminuito del 70%"

Una relazione di fine anno del giudice supremo della Corte suprema John Roberts nel 2019 sembra confermare che la legalizzazione sta avendo un impatto sul traffico di marijuana, rilevando che mentre i procedimenti federali per crimini legati alla droga sono aumentati nel 2019, i casi che coinvolgono cannabis calato di oltre un quarto.

Un altro rappresentante della Sentencing Commission degli Stati Uniti ha mostrato che, per l'anno fiscale 2017, i casi di droga federali nel complesso erano in declino, trainati da un forte calo dei reati per marijuana.

La Camera ha votato la scorsa settimana per approvare un emendamento che impedirebbe al Dipartimento di Giustizia di interferire con le leggi statali sulla legalizzazione della marijuana, anche se resta da capire se il Senato seguirà l'esempio. Nel frattempo, fonti riferiscono a "Marijuana Moment" che c'è l'intenzione di un voto su un disegno di legge sulla legalizzazione della marijuana più ampio il prossimo mese.

(artricolo di , pubblicato su marijuana Moment del 03/08/2020)

 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori