testata ADUC
 USA - USA - Legalizzazione funghi e psichedelici naturali. Referendum a Washington DC
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
13 luglio 2020 10:30
 
I manifesti sono comparsi solo poche settimane dopo che la città è entrata nel confinamento. Vivacemente colorati e con un disegno di un fungo a tre teste, hanno chiesto agli abitanti di Washington di "riformare le leggi per le droghe derivate da piante e funghi'' facendo sì che le droghe psichedeliche siano una cosa naturale" e non al centro dell'attività della polizia'. E' stato l'inizio di una campagna rivolta ad una minoranza in condizione decisametne sfavorevoli: una petizione popolare condotta interamente in condizioni di blocco da pandemia. Lunedì scorso, alcuni attivisti hanno presentato al Consiglio elettorale oltre 36.000 firme. Se le firme passerrano la verifica legale, gli elettori nella capitale della nazione dovranno votare a novembre una proposta che depenalizzerebbe i funghi "magici'' della psilocibina e altri psichedelici naturali come la mescalina. Se il reerendum avrà successo, sarebbe il primo del suo genere per una città dell'est degli Stati Uniti; Denver è stata la prima città degli Usa ad approvare una tale iniziativa nel maggio 2019, insieme alle città californiane di Oakland e Santa Cruz che hanno seguito a ruota. Probabilmente la proposta dovrebbe essere sottoposta anche al Congresso per ribaltare o bloccare la sua approvazione.
Gli attivisti non hanno incentrato la loro campagna sugli aspetti ricreativi, concentrandosi quasi esclusivamente sui benefici terapeutici e medici come trattamento per depressione, trauma e dipendenze. "Se approvato, il referndum potrebbe davvero aprire la strada in questa direzione'', ha dichiarato la responsabile della campagna Melissa Lavasani. "Non si dovrebbero avere le ripercussioni della guerra alla droga mentre ci si cura''.
Gli attivisti avevano programmato di lanciare la loro campagna a marzo con il tradizionale porta a porta e volontari agli angoli delle strade. Ma hanno deciso di non mollare quando la vicenda coronavirus ha fatto irruzione e il numero di infezioni locali ha iniziato a salire. Ad aprile, è diventato chiaro che il blocco sarebbe durato mesi e hanno deciso di procedere comunque. "In parte ero io che non volevo arrendermi'', ha detto Lavasani. "Eravamo già organizzati e non volevamo perdere l'anno''. Hanno provato brevemente un po' di porta a porta nel quartiere di Capitol Hill, ma hanno scoperto che le famiglie sotto blocco del virus non erano per niente ricettive nei confronti di un estraneo alla porta con una petizione. Quindi hanno spostato la loro iniziativa ed hanno fatto appello al Consiglio D.C. per chiedere aiuto. Il consiglio, nell'ambito di un più ampio pacchetto di aiuti al coronavirus, ha approvato una serie di modifiche che hanno permesso ai residenti di scaricare una copia della petizione, firmarla e presentare una foto del documento firmato. I volontari hanno allestito cabine per le firme fuori dai negozi di alimentari, nei seggi elettorali il giorno delle principali elezioni di Washington e persino nel luogo delle proteste in corso della città contro il razzismo sistemico e la brutalità della polizia.
Gli organizzatori hanno anche inviato copie della petizione e informazioni dettagliate sulla famiglia Lavasani e la sua storia personale a circa 220.000 famiglie. Un dipendente del governo DC e una madre di due figli, ha detto di aver trattato con successo una paralizzante depressione post-partum che le provocava pensieri suicidi, con dosi controllate di funghi psilocibinici e in seguito con un altro psichedelico naturale chiamato ayahuasca. "Ho iniziato con micro-dosi di psilocibina e nel giro di pochi giorni mi sono sentita di nuovo me stessa'', ha detto. "È stato davvero spaventoso sapere che se qualcuno avesse scoperto che lo stavo facendo, avrei perso tutto'.' È un messaggio che Lavasani ritiene possa avere eco in una nazione in preda al gap psicologico di una pandemia in corso, proteste a livello nazionale sull'ingiustizia razziale e tutto ciò che viene promesso dai candidati di una elezione presidenziale che sarà storica. ...
"Ci sono molte persone che soffrono là fuori': un messaggio che ha guadagnato sostegno all'interno dei circoli scientifici tradizionali. Sempre più lavori stanno esaminando gli effetti degli psichedelici naturali per curare depressione, trauma e dipendenze. L'anno scorso, la Johns Hopkins University ha aperto il Centro per la ricerca psichedelica e di coscienza con progetti per studiare gli effetti degli psichedelici su una serie di disturbi, dall'anoressia al morbo di Alzheimer. In un articolo, il direttore del centro Roland Griffiths ha definito la psichedelica naturale "un'affascinante classe di composti '' che può "produrre un cambiamento unico e profondo della coscienza nel corso di appena alcune ore''. Funghi di psilocibina, iboga, mescalina e ayuhuasca, ma non per il peyote o per gli psichedelici artificiali come l'LSD.
In caso di successo del referendum il dipartimento di polizia metropolitana si dovrebbe occupare solo marginalmente di questioni del genere. La Lavasani ha fatto sapere di immaginare che i pazienti potranno consumare tali sostanze in modo controllato consultandosi con medici o terapisti. 

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori