testata ADUC
 USA - USA - Overdose oppiodi. Primo processo
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
7 maggio 2021 15:08
 
Il West Virginia, dove lunedì 3 maggio si è aperta la prima causa federale contro i distributori di oppioidi, è uno degli Stati USA più devastati dalla crisi sanitaria causata dalla dipendenza da antidolorifici negli ultimi anni. Questo flagello, che ha ucciso 250.000 persone tra il 1999 e il 2019, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), è ulteriormente peggiorato dall'inizio della pandemia Covid-19. Le autorità sanitarie stimano che 90.000 persone siano morte per overdose di droga nel 2020, rispetto alle 70.000 dell'anno precedente. Di questi decessi, tre quarti sono legati ad un uso eccessivo di oppiacei legali o illegali. Dopo diverse cause legali abortite a causa di accordi finanziari firmati tra i querelanti e i produttori o distributori di questi farmaci che creano dipendenza, la battaglia legale lanciata dalla città di Huntington e dalla contea di Cabell è un test per le migliaia di denunce, ancora in sospeso, presentate in tutti gli Usa. E il suo risultato sarà attentamente esaminato dagli stati, dalle città, dalle contee e dalle tribù che hanno avviato il procedimento.
I querelanti del West Virginia sperano di ottenere 1 miliardo Usd di danni dai tre distributori, AmerisourceBergen, Cardinal Health e McKesson per il loro coinvolgimento nel "disordine pubblico" causato dai milioni di dosi di oppioidi che hanno colpito il mercato durante gli anni 2000. Dipendenza da eroina e fentanil
Questi giganti dell'industria farmaceutica accusano i produttori di farmaci e i medici che fanno le prescrizioni di essere i veri responsabili dell'abuso di oppiacei e della dipendenza di milioni di americani da questi prodotti. Le aziende sottolineano inoltre che le overdose sono ora in parte legate a droghe sintetiche (illegali) trafficate con Cina e Messico. I denuncianti, da parte loro, li accusano di non aver dato seguito a diverse ingiunzioni che invece hanno ritenuto ingiustificate. In alcune città, con una popolazione di alcune migliaia, sono milioni le pillole consegnate alle farmacie locali. Tra il 2006 e il 2014, i tre distributori hanno consegnato 57 milioni di dosi di idrocodone e ossicodone a un'area di 100.000 persone.
(da Afp)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori