testata ADUC
 MONDO - MONDO - Riemerge lo spettro di una crisi alimentare
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
25 novembre 2020 10:25
 
Alla fine la temuta crisi alimentare della scorsa primavera non si  è  verificata,  ma  potrebbe  benissimo  colpire  il  mondo  quest'inverno.  I  prezzi  delle materie  prime  agricole  sono  in  forte  crescita,  come  dimostra  il  sotto-indice  delle materie prime agricole di Bloomberg, che dalla fine di aprile è aumentato di quasi il 30%, raggiungendo il livello più alto degli ultimi quattro anni. Sui mercati a termine, il grano è la merce più costosa dal 2014. La soia è arrivata a 11,44 dollari al moggio, un livello che non si toccava dal 2016. Il mais ha la stessa tendenza. L'olio di palma, onnipresente nelle diete asiatiche, ha raggiunto un livello che non si vedeva dal 2012.

L'aumento dei prezzi internazionali pesa sul portafoglio dei consumatori. L'indice dei  prezzi  alimentari  dell'Organizzazione  delle  Nazioni  Unite  per  l'alimentazione  e l'agricoltura (FAO) è salito per il quinto mese consecutivo a ottobre a 100,9 punti, quasi il  livello  più  alto  degli  ultimi  sei  anni.  

A  causa  dell'aumento  dei  costi  alimentari  in tempi di crisi economica, anche le famiglie più povere sono a corto di cibo. In Francia, la  perdita  di  reddito  ha  spinto  sempre  più  persone  ad  andare  ai  Restos  du  cœur (Ristoranti  del  cuore).  Negli  Stati  Uniti,  i  banchi  alimentari  sono  presi  d'assalto.  In America Latina, secondo il Programma alimentare mondiale, che ha appena ricevuto il Premio Nobel per la pace, il numero di persone denutrite esploderà del 270%, toccando quota 16 milioni. (…)

La  precedente  grave  crisi  alimentare,  nel  2008,  era  stata  causata  da  un  cattivo raccolto  in  seguito  a  un  evento  climatico,  con  gli  stock  che  erano  insufficienti.  Nel 2020, le riserve mondiali di cereali potranno anche essere molto alte – quelle di grano non lo sono mai state così tanto – ma i mercati agricoli sono sotto pressione a causa del maltempo e degli acquisti precauzionali. (...) Nella prima ondata di Covid-19, il tempo era buono, i raccolti erano buoni. Con il fenomeno La Nina, che sta sconvolgendo il clima del pianeta, non è più così. Dagli Stati Uniti all'Argentina, passando per la Russia e per i dintorni del Mar Nero, il clima secco ha ostacolato le rese previste nei campi di grano. Nel Sud-Est asiatico, invece,  le  forti  piogge  hanno  inondato  risaie  e  piantagioni  di  palme,  minando  le prospettive di produzione.

La seconda ragione dell'aumento dei prezzi è la corsa ai prodotti agricoli. La Cina sta acquistando a sua volta soia e mais americani, non solo per onorare i suoi impegni nella guerra commerciale con Washington, ma anche per nutrire il patrimonio suinicolo che  tenta  di  ricostruire  dopo  l'epidemia  di  peste  suina  africana.  Dall'Algeria  alla Giordania, passando per l'Egitto, i paesi del Nord Africa e del Medio Oriente stanno costruendo  riserve  di  cereali.  L'Egitto,  ad  esempio,  da  aprile  ha aumentato  le  sue importazioni  del  50%.  Questi  paesi  rappresentano  solo  il  4%  della  popolazione mondiale, ma realizzano il 30% delle importazioni mondiali di grano. (…)

Più  in  generale,  il  timore  di  perdere  l'accesso  ai  mercati  internazionali  con  la pandemia  sta  modificando  i  comportamenti  di  acquisto.  "Molti  paesi  nel  mondo,  di approvvigionamento  alimentare,  sono  passati  da  una  filosofia  di  acquisto  "appena  in tempo" a una filosofia di acquisto "nel caso in cui", ha spiegato il direttore finanziario della ADM.

(Da Agrapress, Rassegna della stampa estera n. 13607, 19/11/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori