testata ADUC
 U.E. - U.E. - Ritardo su un volo in coincidenza: la compagnia che ha venduto il biglietto deve risarcire il passeggero
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
3 agosto 2019 11:14
 
Nel 2013, undici persone prenotarono un volo da Praga (Repubblica Ceca) a Bangkok (Thailandia) da Ceske Aeroline, con un collegamento ad Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti). Il primo aereo, noleggiato dalla compagnia europea, arriva in tempo ad Abu Dhabi. Ma il secondo arriva con oltre otto ore di ritardo a Bangkok. Non è stato noleggiato da Ceske Aeroline, ma da Etihad Airways, la compagnia aerea nazionale degli Emirati Arabi Uniti, come parte di un "code-share" o accordo di codeshare, che consente a un'azienda di vendere posti sugli aerei di un altro.
Poiché Etihad Airways non è una compagnia aerea europea e il punto di partenza del suo volo non si trova nell'Unione Europea, i viaggiatori non possono chiedergli di pagare loro il risarcimento previsto in caso di ritardo, più di tre ore (600 euro, in questo caso), dal regolamento europeo 261/2004, sui diritti dei passeggeri del trasporto aereo. Sono quindi indirizzati a Ceske Aeroline.

Vettore efficace
Quest'ultima rifiuta di pagare, in quanto non è stata lei a operare il secondo volo: era la compagnia "contrattuale" e non la compagnia "reale". Tuttavia, il regolamento 261/2004 prevede che il vettore che paga il risarcimento ai passeggeri in ritardo sia il vettore effettivo.
I passeggeri fanno ricorso contro Ceske Aeroline e ottengono ragione in prima istanza e poi in appello presso i tribunali cechi, che ritengono che la situazione del secondo volo sia simile a quella di un "subappalto".
Ceske Aeroline ha quindi presentato un ricorso alla Corte costituzionale, spiegando che il Tribunale federale tedesco, in un caso simile, ha ritenuto che il vettore contrattuale non potesse essere ritenuto responsabile perché non era il vettore effettivo. La Corte costituzionale ceca rinvia le parti al tribunale municipale di Praga, al quale chiede di esaminare gli argomenti di Ceska Aeroline. Questa giurisdizione è ancora pendente dinanzi alla Corte di giustizia dell'Unione europea.

Un set
La Corte di Lussemburgo, che pronuncia la sua sentenza (C-502/18) l'11 luglio (2019), osserva in primo luogo che, secondo la propria giurisprudenza (Wegener / Royal Air Maroc, C-537/17), un volo con una o più corrispondenze che sono state oggetto di una singola prenotazione costituisce un "insieme". Il secondo segmento del viaggio non è quindi un'operazione di trasporto separata; fa parte di un pacchetto al quale, in questo caso, si applica il regolamento europeo, poiché il suo punto di partenza è in uno Stato membro.
La Corte quindi chiede se Ceske Aeroline possa essere considerato un vettore reale. Rileva che, ai sensi del regolamento (articolo 2, lettera b), definizioni), il vettore effettivo è colui che "effettua o intende effettuare un volo, ai sensi di un contratto con un passeggero o per conto di "un'altra persona, morale o fisica, che ha concluso un contratto con questo passaggio".

Offerta di trasporto
La Corte ricorda che nella sua sentenza nella causa Thomson Airways (C-532/17), Wirth ha ritenuto che la persona che "esegue" il volo è quella "che prende la decisione" di gestirlo", incluso chi fissa la rotta e, in tal modo, crea un'offerta di trasporto aereo per le persone interessate». Quindi, Ceske Aeroline ha preso la decisione di effettuare l'intero viaggio; ha determinato l'itinerario, prima di subappaltare la seconda parte a Etihad Airways, mediante un accordo di code-sharing. Pertanto "ha effettivamente effettuato un volo, ai sensi del contratto di trasporto concluso con i passeggeri in questione".
Pertanto, deve "essere qualificata come vettore reale" ed è responsabile per il risarcimento. La Corte di giustizia afferma che "il vettore aereo effettivo che ha effettuato il primo volo non può nascondersi dietro le cattive prestazioni del volo successivo" al fine di non compensare il passeggero, ma che può quindi rivoltarsi contro il vettore che si assume la responsabilità ritardata.

Con questa sentenza, la Corte di giustizia estende la giurisprudenza a tutela dei diritti dei passeggeri del trasporto aereo, che ha costruito dopo la sentenza Sturgeon del 19 novembre 2009, a coloro che hanno corrispondenza ai sensi di un accordo di condivisione. Se sono in ritardo per l'arrivo di un volo con corrispondenza operata da diverse compagnie, ma sono stati oggetto di un'unica prenotazione, possono rivolgersi a chi ha venduto loro i biglietti, per essere compensati.
(da le Monde del 01/08/2019)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori