testata ADUC
 GRAN BRETAGNA - GRAN BRETAGNA - La seconda più grande forza di polizia blocca la criminalizzazione dei tossicodipendenti
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
20 ottobre 2020 13:29
 
West Midlands, la seconda più grande forza di polizia in Inghilterra e Galles, è diventata la quinta nel paese a smettere automaticamente di criminalizzare le persone sorprese con droghe illegali.
La forza si unisce a Thames Valley, Avon e Somerset, Durham e Galles del Nord nell'introduzione di politiche per la decriminalizzazione della droga in base alle quali le persone sorprese con piccole quantità di qualsiasi droga - incluse eroina e cocaina crack - vengono indirizzate verso cure, sostegno e consigli sulla riduzione del danno invece di essere arrestate, condannate o perseguite.
Queste decisioni mirano a ridurre la recidiva, la criminalizzazione inutile e la quantità di risorse della polizia spese per la criminalità di basso livello.
La decisione della polizia del West Midlands e del commissario per la criminalità David Jamieson, un ex insegnante e deputato laburista, è un ulteriore ridimensionamento da parte della polizia della guerra alla droga e una conseguenza di come le forze dell’ordine siano sempre più a disagio nel perseguire penalmente piccoli criminali per possesso di droga.
Attualmente, le persone sorprese con quantità personali di droghe illegali, in particolare droghe di classe A, vengono regolarmente arrestate, poi sono spesso multati o ricevono una breve condanna al carcere. L'anno scorso 27.384 persone in Inghilterra e Galles sono state perseguite per possesso di droga, 25.303 sono state condannate, 13.951 multate e 899 mandate in prigione (per una media di 14 settimane). Ma questo meccanismo è molto costoso, richiede tempo e molti di coloro che vengono puniti spesso commettono nuovamente lo stesso reato.
Nell'ambito del programma West Midlands, gli agenti di polizia hanno la possibilità di dare ai piccoli criminali la possibilità di frequentare un corso di educazione alla droga o un programma di sensibilizzazione, piuttosto che essere formalmente sottoposti al sistema di giustizia penale. La polizia mira a indirizzarvi 1.500 persone nel corso del periodo pilota di 12 mesi. Si spera che il programma non solo ridurrà la criminalità, ma farà anche risparmiare i soldi dei contribuenti tagliando la criminalità legata alla droga, che costa alle West Midlands 1,4 miliardi di sterline all'anno.
“Se vogliamo interrompere il ciclo della criminalità legata alla droga, dobbiamo cercare nuovi modi per affrontare la causa principale. Questo nuovo programma è stato provato e testato in altre parti del paese ed è servito per salvare i soldi dei contribuenti, oltre che impedire alle persone di essere trascinate in una vita di crimini", ha detto Jamieson.
“Durante questo progetto pilota di 12 mesi continueremo a monitorare lo stato di avanzamento del progetto e quanto bene stia procedendo per aiutare le persone. Siamo consapevoli che prendere iniziative del genere con dei risultati rispetto al sistema di giustizia penale è sempre meglio e più economico che mettere le persone in prigione o anche infliggere multe che spesso non vengono pagate".
…..
Le forze di polizia di Avon, Somerset e Durham sono state le prime a introdurre politiche diverse sulla droga nel 2016. Il Galles del Nord ha istituito una politica simile lo scorso anno. Le forze del Galles del Nord e di Durham stanno anche mettendo in pratica una politica post-arresto per reati di vendita in cui la persona è un consumatore-spacciatore - più comune che non i casi in cui le persone dipendenti dall'eroina vendono solo per finanziare la loro dipendenza.
Questa settimana Thames Valley, la quinta forza più grande del paese, ha annunciato che amplierà il suo programma pilota sulla droga per i minori di 18 anni - ed ha già aiutato 34 minori - in tutte le parti della sua regione.
La Thames Valley porta avanti il ??suo programma di depenalizzazione della droga dal 2018. Un'analisi del suo primo programma pilota nel Berkshire ha rilevato che in quattro mesi tra il 2018 e il 2019, a 55 persone - principalmente sorprese con cannabis e cocaina - è stato offerto aiuto piuttosto che essere arrestate e perseguite. Circa la metà di loro ha completato la serie di sessioni di riduzione del danno, evitando pene come avvertimenti, multe e accuse penali sulla cannabis.
Questo programma ha risparmiato 236 ore di tempo della polizia, mentre quasi l'80% di coloro che si sono impegnati non ha continuato a commettere ulteriori reati nei 12 mesi successivi. Il programma offriva una "valida alternativa" alla punizione e alla stigmatizzazione formale.
Sebbene non sia stata intrapresa una valutazione completa del programma di diversione di Avon e Somerset, l'analisi del progetto pilota del 2016 ha rilevato che i partecipanti che avevano frequentato il loro corso educativo di un giorno sulla consapevolezza delle droghe, avevano meno probabilità di essere recidivi rispetto a coloro che lo avevano seguito attraverso il sistema della giustizia penale.
Il programma di Durham, che consente a una serie di autori di reati, comprese le persone sorprese con droghe, di evitare procedimenti giudiziari se frequentano corsi riabilitativi, ha ridotto con successo i tassi di recidiva. Nell'ambito del programma, denominato Checkpoint, i trasgressori sono collegati a un supervisore di polizia che li aiuta ad accedere ai servizi di tossicodipendenza, salute mentale e alloggio. Finora si è verificato un calo del 15% della recidiva dopo due anni per coloro che hanno partecipato rispetto a coloro che sono stati perseguiti.
"I programmi di diversione della droga guidati dalla polizia si sono sviluppati riconoscendo che la criminalizzazione non scoraggia l'uso ma può causare danni significativi a coloro che sono soggetti a sanzioni penali", ha detto Niamh Eastwood, direttore esecutivo dell'associazione no-profit per la legge sulla droga Release.
"Gli schemi di depenalizzazione riflettono le prove e l'esperienza dei paesi di tutto il mondo che hanno posto fine alle sanzioni penali per reati di possesso, con migliori risultati sanitari, sociali ed economici", ha detto Eastwood. Che ha continuato: “Riduce il carico sulle risorse della polizia e riduce il rischio di recidiva. Sappiamo che il primo ingresso nel sistema di giustizia penale aumenta ulteriormente i contatti [con i criminali] e i reati di possesso di droga sono la porta di accesso a quel sistema. Speriamo solo che alla fine il governo del Regno Unito faccia tesoro anche di queste sperimentazioni sulla politica in materia di droga".

(articolo di Max Dali su Vice-News del 19/10/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori