testata ADUC
 CANADA - CANADA - Sequestri di droghe in forte calo
Scarica e stampa il PDF
Notizia di Redazione
20 aprile 2020 16:01
 
La Canada Border Services Agency (CBSA) segnala un calo del 61% del numero totale di sequestri di droga in tutti i suoi punti di controllo a marzo rispetto allo stesso mese nel 2019.
I funzionari di frontiera nel 2019 avevano portato a termine 3.185 sequestri. Lo scorso marzo, sono stati solo 1.234i.
La CBSA non è stata in grado comunque di essere precisa sul numero di sequestri in Quebec, dove la sua rete comprende, in particolare, dieci checkpoint al confine tra Canada e Stati Uniti, l’aeroporto Trudeau di Dorval, il centro internazionale di elaborazione della posta Léo-Blanchette a Saint-Laurent, così come il porto di Montreal.
Il prezzo
Questa diminuzione suggerisce che la criminalità organizzata, che controlla il mercato della droga, è influenzata anche dalle restrizioni ai movimenti imposte da marzo al confine e negli aeroporti per limitare la diffusione di COVID-19.
Gran parte della cocaina che gli Hells Angels, la mafia italiana e le bande libanesi importano dalla Colombia o dal Perù transitano via terra negli Stati Uniti e arrivano in Quebec, nascosti nei veicoli.
Nonostante le misure del governo, il crimine organizzato in Quebec riesce a mantenere parzialmente la sua fornitura con altri mezzi, secondo fonti raccolte da Le Journal di Québec.
Per capire come la cocaina continua ad entrare nel Québec, la settimana scorsa è stato ancora possibile acquistarne un chilo a $ 52.000 nella grande regione di Montreal, circa allo stesso prezzo di prima dell'inizio della crisi sanitaria.
D'altra parte, diversi grossisti in questo mercato illecito vendono un chilo per circa $ 65.000 poiché diverse organizzazioni criminali hanno aumentato il prezzo della polvere bianca non appena è arrivata la pandemia.
La polizia non ha registrato carenza di coca in Quebec.
Attenzione ai porti
La criminologa Anna Sergi, che ha previsto rallentamenti a breve termine nell'importazione di droghe in Québec durante un'intervista con il Journal un mese fa, interpreta queste statistiche dalla CBSA con cautela. “Le restrizioni COVID-19 interrompono principalmente le attività di frontiera e aeroportuali. Ma questo non è il caso delle spedizioni", ha affermato la professoressa della British University of Essex. Che sottolinea che i grandi porti, come quello di Montreal, sono tradizionalmente utilizzati dai trafficanti di droga per importare enormi carichi di cocaina, hashish o eroina.
La CBSA non ha annunciato sequestri di una certa importanza in Quebec a marzo, ma ha confiscato più di 25 kg di cocaina all'aeroporto di Toronto, valutati per oltre 3 milioni di dollari.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori