testata ADUC
Stati Uniti d'Europa. Ungheria e Polonia si sono autoescluse dal Piano europeo di recupero, il Next Generation EU
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Primo Mastrantoni
4 dicembre 2020 10:40
 
  Occorre prendere atto che l'Ungheria e la Polonia si sono escluse dalla partecipazione al Piano europeo di recupero, il Recovery Plan (Next Generation EU).

Di conseguenza, si tratterebbe di fare un Piano al quale parteciperebbero gli altri 25 Stati dell'Ue, utilizzando, come strumento giuridico, l'art.122 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, il quale prevede che il Consiglio europeo, su proposta della Commissione, può decidere, in uno spirito di solidarietà tra Stati membri, misure adeguate alla grave situazione economica.

In sostanza, la Ue emetterebbe titoli per sostenere il Piano.

Ricordiamo che per l'Italia è previsto un intervento finanziario europeo per 209 miliardi sui 750 annunciati, 81 dei quali a fondo perduto e 127 a prestito.
E' il maggior contributo europeo al nostro Paese.

Questi premier dell'Europa orientale devono capire che lo Stato di diritto non è uno slogan nazista né sovietico, come è stato dichiarato, ma è la base dei diritti sui quali si fonda l'Ue e qualsiasi Stato democratico.
Riconoscerli è dirimente, altrimenti, la porta di uscita è sempre aperta; infatti, l'articolo 50 del Trattato recita: Ogni Stato membro può decidere, conformemente alle proprie norme costituzionali, di recedere dall'Unione.
Il Regno Unito ha impiegato 4 anni per uscire, per Ungheria e Polonia crediamo ne potrebbero bastare meno.

Nel frattempo, visto che la Corte di Giustizia europea ha già condannato l'Ungheria per violazione grave e persistente dei principi sui quali poggia l'Unione europea, e che è stato respinto il ricorso ungherese, si può applicare l'articolo 7 del Trattato che prevede la sospensione dei diritti di adesione all'Unione europea.
 
E' necessario, che gli Stati membri della Ue comprendano che le normative comunitarie, una volta accettate, sono sovraordinate a quelle nazionali, altrimenti si incorre in sanzioni o, ci si avvia verso la porta di uscita.
Vale anche per l'Italia.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori