portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Multiproprieta' e finanziamento. Nullo per violazione delle norme sul credito al consumo
Scarica e stampa il PDF
Osservatorio legale di Claudia Moretti
1 maggio 2008 0:00
 
Finalmente si comincia a parlare delle nullita' e invalidita' proprie (e non solo per l'evidente collegamento con il contratto di vendita cui accede) dei contratti di finanziamento con i quali poche finanziarie, tra cui Finemiro Leasing (oggi Neos Finance), hanno pagato numerosi acquisti di quote associative di complessi turistici e multiproprieta' spagnole varie.
Stavolta a pronunciarsi (seppur ancora in via incidentale non definitivo e infraprocessuale) e' il Tribunale di Bergamo, sezione distaccata di Treviglio (ordinanza del 13 aprile 2008 emessa in una causa r.g. 12336/07 promossa dagli avvocati Claudia Moretti, legale Aduc e Corrado Scamuzzi) il quale, rigettando una richiesta della Neos Finance di provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo concesso in suo favore e poi opposto dagli attori (gli acquirenti della multiproprieta') ha cosi' motivato:
"...rilevato che, alla luce della deliberazione sommaria propria di questa decisione, appare fondata l'eccezione di nullita' del contratto di credito al consumo sollevata dalla parte opponente ai sensi dell'art. 124, comma 3, T.u.l. b., dal momento che il contratto in questione non sembra rispettare il requisito della descrizione analitica dei beni il cui acquisto viene finanziato, mancando l'indicazione sia del periodo di tempo durante il quale la multiproprieta' e' utilizzabile, sia il luogo di ubicazione della stessa..."
Si tratta di una pronuncia molto importante, seppur non ancora spendibile come precedente definitivo. Per la prima volta si afferma chiaramente la nullita' originaria propria del contratto di finanziamento con il quale sono acquistate negli ultimi anni le multiproprieta', anche quelle vendute con il raggiro sul diritto di recesso, anche quelle vendute con il messaggio telefonico ingannatore "hai vinto un viaggio".
E cio' perche', a prescindere dalla nullita' del contratto principale, a prescindere dal collegamento negoziale che lega a quest'ultimo la sorte del finanziamento, ogni credito al consumo deve osservare, a tutela del consumatore, una serie di requisiti essenziali, a pena nullita'.
Si legga il terzo comma dell'articolo citato:
"3. Oltre a quanto indicato nel comma 2, i contratti di credito al consumo che abbiano a oggetto l'acquisto di determinati beni o servizi contengono, a pena di nullita':
a) la
descrizione analitica dei beni e dei servizi;
b) il prezzo di acquisto in contanti, il prezzo stabilito dal contratto e l'ammontare dell'eventuale acconto;
c) le condizioni per il trasferimento del diritto di propriet
a', nei casi in cui il passaggio della proprieta' non sia immediato." La ragione per la quale il legislatore ha imposto delle norme specifiche di chiarezza e trasparenza nei contratti di finanziamento, appare evidente: da un lato la maggior consapevolezza del consumatore che lo sottoscrive, dall'altro responsabilizzare l'ente che finanzia un prodotto o un servizio a controllarne "analiticamente" la natura e la portata e a vagliarlo attentamente. Proprio perche' non accada cio' che invece accade,cioe' societa' fantasma che continuano a vendere prodotti inesistenti o a truffare i cittadini mediante false dichiarazioni sul recesso e la finanziaria di turno a corrispondere a tali soggetti cospicue somme di denaro senza valutarne la serieta'.
La decisione del Tribunale di Bergamo e' altresi' importante perche' supera ilproblema giuridico del collegamento negoziale fra contratto di vendita e contratto di finanziamento, problema sul quale una giurisprudenza oscillante non ha saputo far chiarezza, anzi lo ingloba perche', proprio nell'art. 124 t.u. citato, si sancisce di fatto detto collegamento: non esiste ed e' nullo ogni credito al consumo che non abbia ad oggetto un bene identificato e analiticamente descritto, in quanto e proprio perche' tale oggetto e' il cuore del contratto di mutuo stipulato (c.d. mutuo di scopo) e ne segue pertanto immancabilmente le sorti.
Consulenza
Ufficio reclami
OSSERVATORIO LEGALE IN EVIDENZA
15 luglio 2008 0:00
Censura forum. Ricorso per Cassazione: difendere Costituzione e liberta' di manifestazione del pensiero
1 luglio 2008 0:00
Tlc e legge Bersani. Durata dei contratti. Lo stato dell'arte
15 giugno 2008 0:00
Rette Residenze Sanitarie Assistenziali. Ancora Tar. Chi ha parenti non ha diritto all'inserimento in Rsa?
1 giugno 2008 0:00
Immigrazione, il "pacco" sicurezza e la giustizia penale
15 maggio 2008 0:00
CERTIFICATO DI ABITABILITA'. IL RILASCIO NELLA COMPRAVENDITA IMMOBILIARE: GLI OBBLIGHI DEL VENDITORE
1 maggio 2008 0:00
Multiproprieta' e finanziamento. Nullo per violazione delle norme sul credito al consumo
15 aprile 2008 0:00
Rette RSA: la pubblica amministrazione deve determinarle ispirandosi a criteri di ragionevolezza
11 aprile 2008 0:00
Gravina, un caso di malagiustizia impudente
1 aprile 2008 0:00
Telecom e 899. Condanna del giudice di pace di Firenze
15 marzo 2008 0:00
I Comuni utilizzano legge del 1910 per riscuotere le multe? Si puo' ricorrere
1 marzo 2008 0:00
Racial profiling e il diritto italiano. Differenze con il diritto Statunitense
Donazioni
TEMI CALDI
2 settembre 2014 (61 post)
Polizia scopre piante cannabis ogm
2 settembre 2014 (59 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
2 settembre 2014 (3 post)
Deflazione, Deflazione!! Chi semina vento raccoglie tempesta
2 settembre 2014 (3 post)
Economia criminale. Riflessioni su prostituzione e droghe illegali. Verso una rivoluzione culturale
1 settembre 2014 (3 post)
Legalizzazione cannabis. Sottosegretario Della Vedova: allo Stato conviene
1 settembre 2014 (40 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
1 settembre 2014 (4 post)
Droga, Forza Italia denuncia: richiedenti asilo afghani spacciano ai nostri adolescenti
31 agosto 2014 (18 post)
Un'oasi di pace per Ebrei e Palestinesi
31 agosto 2014 (3 post)
Richiesta cittadinanza italiana alla Prefettura di Firenze: ci vogliono nove mesi per ottenere l'appuntamento per il deposito dell'istanza. E' legale?
31 agosto 2014 (1 post)
Legalizzazione cannabis. Lo 'scandalo' di un video
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori