testata ADUC
I narcotrafficanti colombiani piu’ celebri della storia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
5 febbraio 2018 10:43
 
 La cocaina e’ un stimolante che crea molta dipendenza e che colpisce il cervello. Conosciuta come la droga degli anni Ottanta e Novanta per la sua alta domanda, i cartelli colombiani hanno dominato il mercato delle piantagioni e esportazioni di questa sostanza verso gli Usa in quegli anni, coi propri leader o capi che facevano parte della lista della persone piu’ ricercate dalla polizia.

Il cartello di Medellin e’ stata una organizzazione criminale colombiana guidata da Pablo Emilio Escobar Gaviria. La struttura criminale piu’ famosa di tutti i tempi, produceva piu’ dell’80% della cocaina che si consumava in Usa durante gli anni ottanta e novanta.
Pablo Escobar si trasformo’ nel personaggio piu’ ricercato dalle autorita’ colombiane e americane. Nel suo elenco degli atti vandalici ci sono (senza citare la direzione del cartello criminale) gli ordini per assassinare personaggi pubblici della politica colombiana, distruggere un aereo con 110 persone a bordo, ordine di ammazzare il direttore del quotidiano El Espectador, dirigere l’assalto per la presa del Palazzo di Giustizia e uccidere tutti i membri della Corte colombiana, mettere cento auto bomba in tutta la Colombia e seminare il panico a livello nazionale.
Escobar fu il principale obiettivo per le autorita’ che riuscirono ad ammazzarlo il 2 dicembre del 1992 come chi ottiene una medaglia olimpica.
 









Jorge Luis, Fabio, Juan David e Javier Ochoa furono insieme a Esobar i fondatori del famoso cartello colombiano. I fratelli Ochoa erano incaricati della distribuzione di gran parte degi alcaloidi che erano prodotti dall’ormai estinto cartello latinoamericano. Jorge Luis e’ l’unico leader della banda criminale che attualmente non e’ in galera o morto ed ha trascorso 5 anni in carcere. Suo fratello Fabio ha continuato a trafficare droga e fu catturato e poi estradato in Usa dove e’ stato condannato ad una pena di 30 anni.










Griselda Blanco, conosciuta come la “patrona” o “viuda negra” (vedova nera) fu una narcotrafficante che introdusse tonnellate di coca in Usa negli anni Settanta. E’ stata imputata nel primo grande processo federale di droga in Usa. Divenne milionaria grazie al contrabbando di coca. Blanco fu coinvolta in diversi assassini avvenuti in luoghi pubblici, e fu anche accusata di aver tolto la vita a tre suoi mariti.












José Gonzalo Rodríguez Gacha, conosciuto come “El mexicano” fu fondatore del cartello di Medellin, considerata come “ala militare” di Pablo Escobar. Tra le sue fortune c'erano circa 110 proprietà tra fattorie, case, appartamenti, terreni e veicoli, secondo le autorita’ colombiane. Famoso perche’ guadagnava circa 230.000 dollari ogni minuto e per essere in possesso di un cavallo che valeva 1 milione di dollari. Rodriguez Gacha fu considerato come una delle persone piu’ ricche del mondo. Mori’ per colpi d’arma fuoco il 15 dicembre 1989.











Gilberto Rodríguez Orejuela, leader del cartello di Calì e nemico giurato di Pablo Escobar, porto’ anche lui diverse tonnellate di cocaina negli Usa. A differenza del leader del cartello di Medellin, Rodriguez dirigeva la sua organizzazione senza molta violenza. Dopo la morte di Escobar, Gilberto e suo fratello Miguel furono catturati a Calì nel 1995 ed estradati in Usa nel 2004, Paese dove furono condannati a 30 anni di prigione.















(articolo dell'agenzia Europa Press - Notiamerica del 04/02/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori