testata ADUC
Immigrati. Rastrellamenti? Memoria che non c'e'
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
15 febbraio 2010 12:56
 
La parola "rastrellamenti", usata dopo gli incidenti nel quartiere multietnico a Milano, ricorda le operazioni di "pulizia" delle SS e dei repubblichini durante la seconda guerra mondiale. Di quella storia, come di quella degli emigrati italiani, che all'estero venivano chiamati "zingari", non c'e', o c'e' poca traccia, poca o punta memoria. Non va bene. Un popolo privo di memoria e' un popolo privo di se'. Forse qualche programma televisivo, che non sia un polpettone soporifero, potrebbe essere proposto all'attenzione degli italiani e rinfrescare un passato non lontano. L'invito e' alla Rai, per la quale paghiamo una tassa detta canone, ma anche alle altre emittenti televisive. Gli immigrati attuali, come gli emigrati italiani di un tempo, fanno lavori che nessuno vuol fare. Raccogliere pomodori o mandarini a 0,1 euro al chilo non e' lavoro per noi. Non siamo buonisti ma tra l'attenzione smielata e la voglia di rivalsa c'e' una via di mezzo percorribile. Sembra, pero', che i nostri governanti, di qua' e di la', ne siano incapaci.
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori