testata ADUC
Azioni Banca di Credito Popolare, arriva la 'mano amica' e il prezzo si ferma a 21,80 euro. Fino a quando?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Anna D'Antuono
27 febbraio 2021 10:59
 
Si è concluso venerdì 26 febbraio all’Hi-Mtf il primo periodo intermedio di osservazione per le azioni della Banca di Credito Popolare, durato due mesi. Le azioni sono state infatti ammesse alle negoziazioni il 28 dicembre scorso.

Sul circuito Hi-Mtf i bimestri sono molto importanti, perché alla fine di ciascuno si controlla se il totale dei pezzi scambiati ha raggiunto o meno la soglia minima di negoziazione di ciascuna azione.
Si tratta di una soglia che, se non raggiunta, comporta l'ampliamento dei Limiti di Inserimento Ordini e di Validazione Asta. In altri termini, in caso di mancato raggiungimento a fine bimestre del controvalore previsto, la banda di oscillazione viene allargata ed il prezzo dell'azioni messe in vendita può calare. La banda attuale per la Banca di Credito Popolare è dell’8% rispetto al prezzo di riferimento. La soglia minima di negoziazione è stabilita in 7.767 pezzi nel bimestre.

Cosa è accaduto nell’asta del 26 febbraio? Nelle aste precedenti si erano scambiati in totale appena 1.000 pezzi, composti da acquisti di 200 azioni, il minimo per essere ammessi a soci della banca (ci torneremo dopo), a fronte di proposte di vendita che oramai superano le 215.000 unità.
 Se non fossero stati comprate almeno 6.767 azioni, quindi, la banda di oscillazione sarebbe passata da 8% a 16% ed il prezzo minimo di vendita sarebbe di conseguenza calato (i passaggi successivi sono 20%, 24%, 28%).
Una perdita di immagine per la banca e, soprattutto, l’inizio della consapevolezza dei tanti soci venditori che sperano di realizzare un prezzo decente, non avendo ancora ben chiaro cosa accadrà in futuro.
La notizia della quotazione, e quindi della possibilità di vendere si è oramai sparsa tra i soci, e a dimostrarlo sono i crescenti quantitativi in vendita nel book del titolo sul mercato, ma ancora non vi è però la consapevolezza del fatto che il prezzo di vendita che si vede è sostanzialmente teorico e che il livello di atterraggio è purtroppo molto più in basso.

Ebbene, nell’asta del 26 febbraio, in cui la banca aveva disperato bisogno di acquisti per almeno 6.767 pezzi, sono state comprate 6.900 azioni! Una bella coincidenza, diciamo così. Una qualche "mano amica" già vista in analoghi casi all’Hi-Mtf ha evitato il peggio.
 Gli acquisti dell'ultim'ora consentono di non far scendere il prezzo di vendita delle azioni per il prossimo bimestre. Non solo: se la coincidenza avvenuta oggi dovesse ripetersi, il prezzo potrà rimanere bloccato per un intero anno ed anche oltre.

Assieme alla “mano amica” che per fortuna e coincidenza è arrivata, chi altri ha comprato le azioni a pacchetti di 200, ossia il minimo per essere ammesso a socio?
A fine anno scorso, nell’home banking della Banca di Credito Popolare è apparso un messaggio obbligatorio (non si può quindi non aprirlo) che invita a diventare soci.

ENTRA NELLA FAMIGLIA BCP! CREIAMO INSIEME VALORE PER IL NOSTRO TERRITORIO.
Con la nuova convenzione [email protected] accedi ad un mondo di vantaggi!! Una fidelity card personalizzata, nuove convenzioni, tassi e commissioni agevolate, condizioni esclusive sui prodotti bancari, vantaggi extrabancari, servizi innovativi per essere sempre più vicini alle esigenze dei Soci. Collegati al sito www.bcp.it entra nella Sezione SOCI e scopri i vantaggi e i servizi esclusivi riservati ai Soci BCP. Il Personale delle nostre filiali è a disposizione per chiarimenti e informazioni oppure scrivi a [email protected]

Niente di male, ci mancherebbe. Un socio ha diritto ad agevolazioni di vario genere sui prodotti ed i servizi della banca, ma quando hanno sottoscritto il modulo di acquisto, i clienti sono stati avvisati che dall’altra parte ci sono oltre duecentomila azioni in vendita e che il prezzo non è ancora precipitato solo per via del particolare regolamento dell’Hi-Mtf?

Per tutti gli azionisti ed obbligazionisti della Banca di Credito Popolare, Aduc mette a disposizione il proprio servizio di consulenza/assistenza specifica.
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori