testata ADUC
CBD. Il furore dell'olio di cannabis in Usa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
3 febbraio 2019 15:13
 
 Sharon ha 59 anni, vive in una remota area rurale dello stato del Missouri, negli Stati Uniti, e ha iniziato a usare olio di cannabis. Lo fa all'alba, verso le sei del mattino, poco prima di andare al lavoro. "Getto una goccia sulla lingua ogni volta", dice. Nella sua cucina tipica americana, con il suo frigorifero a due porte, succo d'arancia in bottiglia da gallone, un piano di lavoro traboccante di cibo e nessuna rivista, si riempie un thermos per il viaggio e sale in macchina, dopo i suoi tre cani e sua figlia Kayla di 27 anni. Guida per poco più di un'ora lungo le pianure del Midwest, senza nessun segno che l'olio abbia prodotto un effetto psicoattivo. Senza nulla di diverso, solo campi infiniti di mais e musica country alla radio.
Sharon e Kayla sono madre e figlia. Lavorano insieme, vivono insieme, comprano insieme e usano la cannabis insieme. Non violano la legge e non la usano per scopi ricreativi. Kayla ha fatto scoprire a sua madre che la pianta avrebbe potuta aiutarla a far fronte alla malattia di Crohn di cui soffre da cdue decenni. È una malattia infiammatoria intestinale che gli è già costata tre interventi chirurgici e la costringe a prendere medicine per tutta la vita. "L'olio di cannabidiolo mi aiuta a ridurre la nausea causata dalle mie medicine, ma non completamente", spiega Sharon. Kayla, che soffre anche di una malattia intestinale, dice che anche lei lo prende, ma solo di notte: "Mi aiuta con l'insonnia e il dolore", dice.
L'ingrediente chiave di questo olio che viene usato dalle due donne è il cannabidiolo (CBD), un composto della famiglia dei cannabinoidi. Sharon, un anno fa non avrebbe nemmeno pensato di considerare l'erba come una soluzione ai suoi problemi medici, ma ora ha una relazione con essa. E non è l'unica. Qualcosa sta cambiando in un Paese sempre più verde, la marijuana ha abbandonato i bassifondi e le residenze universitarie e si è trasferita nelle case di più della metà della popolazione del paese. Dopo la legalizzazione della CBD, il Paese vive un idillio con l'olio di cannabis. Si ricorre al CBD per migliorare i propri sintomi di ansia, insonnia, dolore e persino epilessia infantile.

Il mercato cresce e vale migliaia di milioni
Quando nel 1996 lo stato della California decise di legalizzare l'uso della marijuana medica, metà del Paese fu scioccata e un'altra metà pensò che la tendenza non sarebbe andata oltre i confini del Golden State. Quasi 25 anni dopo, i dubbi non ci sono più. La canapa è legale in tutto il Paese e anche il CBD che ne deriva, ma il cannabidiolo ottenuto dalla marijuana è un'altra storia perché ha livelli più alti di THC. Questo secondo tipo di CBD è legale solo in più della metà degli Stati, e ognuno ha regolamenti molto specifici.
Per rendere il problema più difficile, la Drug Enforcement Administration (DEA) non ha ancora riconosciuto la canapa come legale e la stessa è ancora nell'elenco di sostanze che creano dipendenza, come eroina e metanfetamina, nonostante il Congresso la abbia appena legalizzata. "È una situazione molto incoerente, piena di contraddizioni, e una grande maggioranza di democratici e repubblicani sono a favore della legalizzazione della cannabis medica", dice un medico. Secondo i dati forniti dal Pew Research Center, il sostegno popolare per la legalizzazione della marijuana a livello nazionale è aumentato dal 12% al 62% dal 1969 e 9 su 10 votanti sostengono l'uso medico.
Secondo gli ultimi dati della rivista Forbes, la crescita del mercato della CBD dovrebbe raggiungere 1.800 milioni di euro entro il 2020, con una crescita del 700%. Di negozi online se ne contano a decine, il telemarketing offre un pacchetto speciale per San Valentino e, come potrebbe essere altrimenti, anche i business illegali col sistema piramidale stanno approfittando di questa situazione. Che cosa ha questo olio di così speciale che non hanno altri prodotti?
Professore alla Harvard Medical School, Peter Grinspoon è uno dei più grandi esperti di marijuana medica del Paese. Lavora in una clinica e anche al Massachusetts General Hospital, quindi il suo impegno è molto serrato. Lo chiamo al telefono una domenica alle 9:00, ma rispondendo mi dice di chiamarlo dopo 10 minuti. "Non ho ancora preso il mio primo caffè e senza caffè non c'è cervello", dice. Mi piace, anche io non ho ancora bevuto l'infuso salutare, quindi lo assecondo con piacere.
"La prima cosa che devi sapere", dice dopo il caffè, "è che la marijuana e la canapa soo partre della famiglia delle piante di cannabis, e le piante di cannabis hanno più di 100 componenti attivi (cannabinoidi). THC (tetraidrocannabinolo), che è ciò che la maggior parte delle persone conoscono perché è la sostanza che ti fa l'effetto che ti aspetti. Il secondo componente più importante è il CBD, che a differenza del THC, non provoca dipendenza", dice Grinspoon. Ma avverte: "La questione della marijuana non è mai stata al centro del dibattito sulla salute, è sempre stata una questione politica, di razzismo e altri conflitti di interesse, non è un farmaco pericoloso!"

Gomme, elisir e persino rossetto con CBD
Mike, 35 anni, abita in Nevada, conosciuto per essere un amante degli animali. Prende CBD dal 2017. "Ho un terribile dolore alle articolazioni in tutto il corpo. L'olio di Tomo ogni giorno mi ha aiutato a ridurre la sensazione di un 6 o 7 su 10 a 2, che è più che gestibile. A volte non me ne accorgo nemmeno ... non so se è la cura ma mi ha sicuramente aiutato", dice.
Il più comune metodo di consumare il CBD è nella forma di olio, come supplemento nella alimentazione. Di solito viene venduto col contagocce e basta aggiungere qualche goccia sulla lingua, un paio di volte al giorno, il ché equivale dai 10 a 20 milligrammi, anche se queste misure possono variare a seconda del produttore. La naturalezza con cui i cittadini americani parlano della cannabis è sorprendente. In una società in cui il puritanesimo è così presente nella vita di tutti i giorni, dove non si sente una sola parolaccia in tv e un capezzolo che si vede durante il Super Bowl genera uno scandalo nazionale, l'aumento dell'uso della cannabis è completamente metabolizzato.
Faccio la domanda ad un gruppo di padri e madri, nelle vicinanze di una scuola materna alla periferia di Boston, con i loro bambini che ci corrono intorno. Sono l'unico che abbassa il tono quando pronuncio la parola marijuana. "Funziona benissimo per me", "La dò a mia madre in forma di pillola e lei dice che la rilassa", "hanno aperto un nuovo negozio nel centro ... vai a parlare con loro, sicuramente ti aiuteranno". La conversazione dura diversi minuti, nonostante il freddo insopportabile - il termometro è andato sotto i 15 gradi durante la settimana. Rispondono senza filtri e senza vergogna, non gli importa che i più piccoli li ascoltino. Non sarebbe lo stesso se qualcuno venisse fuori con una battuta piccante; questo provocherebbe arrossamenti, linguaggio criptico e risate soffocate.
"Un sacco di persone intorno a me consumano il CBD", spiega Mike, il ragazzo del Nevada. "Lo usano per diversi motivi: sonno, ansia, dolore ... tutti parlano di questo negli Stati Uniti e, poiché in diversi Stati lo hanno legalizzato, il dibattito sugli effetti sulla salute sta diventando un argomento molto popolare, immagino, lo dà anche a mio cane di 13 anni, e sempre più persone comprano il CBD per i loro animali domestici".
Infatti, il CBD derivato dalla canapa può essere trovato in qualsiasi negozio e forma immaginabile: tintura, elisir, prodotto di bellezza, gomma, shampoo, crema per il viso, tonico, lubrificante intimo, rossetto. Quando sei in una farmacia o un supermercato americano senza conoscere la popolarità del CBD derivato dalla canapa, ti può far pensare di trovarti ad Amsterdam, e non a Boston. Il deodorante per ambienti della mia auto è un derivato del CBD e non ha nemmeno un cattivo odore.
Il CBD occupa già un posto d'onore in ogni dispensa americana. Proprio accanto ai barattoli di vitamine, tra il pacchetto di cereali e la bottiglia di proteine in polvere. Il futuro e la scienza diranno se è una moda passeggera o davvero rivoluzionerà il modo in cui possiamo gestire il dolore in modo naturale.

Un modo promettente per controllare il dolore
La crescente popolarità del CBD ha fatto sì gli scienziati hanno iniziato a pronunciarsi sulla questione. In primo luogo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si è espressa nel dicembre 2017 ed ha dichiarato che "il cannabidiolo non sembra essere dannoso o a rischio di abusi", anche se non ne è raccomandato l'uso medico. Secondo l'organizzazione, i primi dati ottenuti "rivelano che potrebbe avere un qualche valore terapeutico nelle crisi epilettiche e malattie correlate". E per un uso più palliativo?
Presso l'Università del Minnesota, tre ricercatori hanno studiato gli effetti analgesici del CBD nella gestione del dolore cronico ed hanno scoperto che "i cannabinoidi possono essere un utile complemento ai farmaci analgesici attuali in molte condizioni, in particolare a dosi più basse non sono in grado di indurre iperalgesia o altri effetti collaterali". "Può anche essere usato come farmaco in aggiunta quando analgesici come gli oppioidi sono inefficaci o inadeguati, o per rispamriare sugli oppioidi. La combinazione di oppioidi e cannabinoidi può diventare un fattore molto utile nel trattamento a lungo termine del dolore acuto". Queste conclusioni sono state pubblicate sul Journal of Opioid Management.
Grinspoon, il medico di Harvard, aggiunge che "ironia della sorte, la cannabis è una sostanza che sta aiutando nella crisi di oppioidi (ogni giorno 130 persone per overdose da oppiacei muoiono in questo Paese). La gente nel mio ufficio sta cominciando a sostituire gli oppiacei con la cannabis o anche solo per ridurre le dosi dei tradizionali farmaci antidolorifici. Posso dire per esperienza che la cannabis è il trattamento più efficace per questa dipendenza".
Finora tutti sembrano averne dei vantaggi, e la curiosità mi stimola. Come la maggior parte delle madri con bambini piccoli, ho uno stress che non va bene per il mio corpo, quindi penso che darò una possibilità al CBD di aiutarmi. Ho una domanda: è così rilassante e ipnotico che non mi lascerà in uno stato di sonnolenza costante?
Parlo con Stephanie, una trentanovenne dello stato della Georgia che lo usa. Le chiedo della mia paura di addormentarmi in piedi. "E 'interessante che me lo chieda, perché in realtà il CBD mi dà maggiore chiarezza mentale, che non è quello che mi aspettavo. Io lo prendo al mattino prima di andare a correre e quindi per evitare una rigidità successiva". Tra l'altro, Stephanie usa CBD anche per il suo gatto: "Gliel'ho dato quando gli hanno pronosticato il cancro, come un trattamento palliativo e lo ha tollerato molto bene."
Anche la nonna di Stephanie è saltata sul carro del CBD. "Lo usa per l'artrite cronica, e una sua amica lo usa per controllare il dolore della fibromialgia. So quello che cerco e ora proprio mi piace!". Sembra che non ci sia nulla di straordinario in questo. Nel loro studio "Cannabinoidi e ossa: amici o nemici?", gli scienziati dell'Università di Edimburgo, in Scozia, hanno notato che "i recettori dei cannabinoidi sono efficaci nel trattamento dell'artrite infiammatoria", e che giocano importanti ruoli "nel rimodellamento osseo e nella patogenesi della malattia comune".
Di fatto, molte case di cura hanno recentemente autorizzato per i loro pazienti l'uso di olio CBD. Questi possono usare CBD coi prodotti alimentari ed in altre forme, ma di solito viene usato per via orale. Secondo i dati di un sondaggio nazionale negli Stati Uniti sul consumo di droga e la salute, l'uso di cannabis in persone di età superiore ai 65 anni è aumentato del 250% tra il 2006 e il 2013.
La cannabis è ufficialmente in piena espansione negli Stati Uniti, e l'immaginazione è l'unico limite allo sviluppo di nuovi prodotti sul mercato nel CBD. Forse il cannabidiolo è efficace in tutti i casi o solo in alcuni, forse l'olio di marijuana ha molto effetto placebo, secondo una recente ricerca sul suo impatto molecolare. E' tempo che la scienza proceda con la comprensione della sostanza, e non c'è laboratorio migliore per farlo rispetto a un Paese in cui vivono 328 milioni di persone, gli Stati Uniti.

(articolo di Sarah Palanques Tost, pubblicato sul quotidiano El Pais del 02/02/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori