testata ADUC
Ci restano 10 anni per salvare la nostra civiltà dall’abisso
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 luglio 2021 15:07
 
  All'inizio degli anni '70, i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) ci avvertirono: se avessimo continuato sulla strada della crescita economica senza tener conto dei costi ambientali e sociali, la nostra civiltà industriale sarebbe crollata nel corso del XXI secolo. In uno scenario Business as Usual (BAU2), la crescita economica avrebbe raggiunto il suo picco nel 2040. Prima di subire un netto rallentamento con conseguenza di un netto calo della popolazione mondiale, della disponibilità di cibo e delle risorse naturali. Segnando, non la fine dell'umanità, ma un punto di svolta in cui ci si aspetta che il nostro tenore di vita diminuisca per decenni.
Lo studio - potete immaginarlo se non lo ricordate - è stato controverso. E oggi torna sul palco. Gaya Herrington, ricercatrice in sviluppo sostenibile, ha infatti deciso di riaprire il caso nell'ambito della sua tesi all'Università di Harvard (Stati Uniti). Per vedere che i dati disponibili sul nostro mondo attuale - sviluppo economico, sfruttamento delle risorse, ecc. - concordano molto bene con due scenari considerati a suo tempo dai ricercatori del MIT. Lo scenario BAU e un altro, chiamato Comprehensive technology (CT). In quest'ultimo, i progressi tecnologici aiutano a limitare l'inquinamento e ad aumentare la produzione alimentare, anche quando le risorse sono esaurite.

Lo scenario CT appare meno violento per le popolazioni e per il loro benessere e non sembra voler portare ad un vero e proprio crollo della nostra civiltà. Tuttavia, come lo scenario BAU, porta inesorabilmente a un arresto della crescita globale entro dieci anni.

Nulla è ancora perduto... ma il tempo sta per scadere
Comunque, ci sono buone notizie. Perché non è troppo tardi per mettersi al passo con lo scenario più ottimistico previsto quasi 50 anni fa dai ricercatori del MIT. Quello che chiamavano Mondo stabilizzato (SW). In questo scenario, la nostra civiltà prende una svolta duratura. Certamente sta vivendo un declino nella sua crescita economica, ma un declino abbastanza accettabile. Perché in questo scenario cambiano le priorità della società.
Nello scenario SW, la crescita industriale e la popolazione mondiale iniziano a stabilizzarsi poco dopo questa variazione di valori. La disponibilità di cibo, nel frattempo, continua ad aumentare per soddisfare i bisogni della popolazione mondiale. L'inquinamento diminuisce fino a scomparire praticamente. Anche l'esaurimento delle risorse naturali inizia a stabilizzarsi. Si evita il crollo della nostra civiltà.

Questo scenario oggi sembra un po' utopico anche se l'Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA) annuncia che la pandemia di Covid-19 ha segnato una pausa negli investimenti per l'energia pulita. E che le nostre emissioni di CO2 dovrebbero raggiungere un nuovo record nel 2023. Ma la crisi sanitaria globale che stiamo vivendo ci ha anche mostrato quanto l'umanità sia in grado di mobilitarsi in modo rapido e costruttivo per affrontare le sfide globali. Secondo il lavoro di Gaya Herrington, ci restano 10 anni per cambiare il modo in cui vediamo le nostre società e per salvare la nostra civiltà dal collasso.

(Nathalie Mayer su Futura-Planète del 24/07/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori