testata ADUC
Il coronavirus mette a dura prova la solidarietà internazionale
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
16 aprile 2020 0:10
 
 "In Mali hanno un respiratore per ogni milione di abitanti. In Ruanda, meno di 30 in tutto il Paese." Ángeles Moreno Bau, segretario di Stato per la cooperazione internazionale, riferisce delle scarse risorse disponibili nei Paesi in via di sviluppo per avere a che fare col Covid-19. E questa malattia ha dimostrato di essere in grado di spingere al limite i sistemi sanitari più avanzati e meglio attrezzati, dalla Cina agli Stati Uniti, lasciando il segno fatale sull'Europa. Per questo motivo, le Nazioni Unite, le ONG, gli esperti e gli analisti globali prevedono e avvertono che in Africa, America Latina, campi profughi ovunque si trovino, nonché nei territori in conflitto in Medio Oriente, le conseguenze di questa pandemia potrebbero essere devastanti. Nello scenario migliore, l'Imperial College di Londra stima che ci saranno circa 900.000 morti in Asia e 300.000 in Africa. Che se il peggio fosse stato evitato ... Con l'aiuto.

Le Nazioni Unite hanno lanciato una richiesta di fondi per la comunità internazionale alla fine di marzo. Hanno chiesto 1,9 miliardi per sostenere i Paesi meno sviluppati in questa crisi. Questa settimana, decine di personalità rilevanti hanno firmato una lettera al G-20 con un appello: "Chiedere un'azione coordinata immediata a livello internazionale - nei prossimi giorni - per far fronte alle gravi crisi sanitarie ed economiche globali derivanti dal Covid -19". Josep Borrell, alto rappresentante della politica estera e di sicurezza dell'Unione europea, Achim Steiner, amministratore dell'UNDP e il più grande filantropo della salute globale, Bill Gates, questa domenica a EL PAÍS, si uniscono all'elenco di coloro che hanno chiesto negli ultimi giorni una risposta globale proporzionale all'enorme sfida che l'umanità deve affrontare.

Ma i Paesi donatori, che contano i decessi a migliaia e le perdite economiche in miliardi, non stanno meglio. Tutto sommato, la Spagna prevede di contribuire al salvadanaio comune delle Nazioni Unite contro il Covid-19 con un importo ancora da decidere. "Abbiamo un impegno etico a dare una risposta globale comune, proprio come chiediamo all'Unione europea in merito", spiega Moreno Bau in una conversazione telefonica. "Siamo un Paese serio, impegnato e molto fortunato nel mondo in cui viviamo. È naturale che ci sia una volontà di ritirarsi da questa situazione, ed è per questo che i pacchetti di aiuti sono stati approvati come se fossimo in uno stato di guerra. Ma c'è anche un settore che dall'altra parte avrà bisogno di sostegno. Può essere devastante", aggiunge.

Oltre a pompare denaro verso organizzazioni e fondi internazionali, il sistema di sviluppo pubblico e di aiuti umanitari si sta riorganizzando e preparando per l'arrivo del virus nei Paesi in cui è presente la cooperazione spagnola. "In primo luogo, sostenendo i sistemi sanitari dei Paesi più deboli, proprio come stiamo ora ricevendo aiuto da altri. E in secondo luogo, agendo sull'impatto socioeconomico che la crisi avrà", afferma Moreno Bau. "Hanno molta economia informale; questi lavoratori non hanno nulla, sono molto vulnerabili. Presteremo particolare attenzione anche a donne e bambini, perché quelli che ora sono costretti a lasciare la scuola potrebbero non tornare mai", spiega.

La Spagna ha programmi sanitari specifici in 11 Paesi: Bolivia, Paraguay, Guatemala, Mozambico, Etiopia, Mali, Niger, Guinea Equatoriale, Mauritania, Marocco e Giordania. In essi, afferma Cruz Ciria, capo della filiale dell'Agenzia spagnola per la cooperazione allo sviluppo (Aecid), i team di questo organismo sul campo hanno supportato la preparazione di piani di risposta nazionali. E sarà "una priorità" anche contribuire alla sua attuazione, sia per rafforzare le risorse negli ospedali sia per l'acquisto di kit diagnostici e di protezione per i lavoratori e i gruppi più vulnerabili. "La maggior parte dei Paesi sta già adottando misure di contenimento, ma l'esempio spagnolo ci insegna che dobbiamo dotare il personale sanitario che lavora in prima linea", spiega.
Per garantire questo sostegno, "sarebbe conveniente mobilitare nuovi fondi", dice Ciria. Ma, al momento, "c'è un dibattito su come mobilitare quelli esistenti per affrontare questa crisi". Coloro che sono già impegnati "proveranno a riorientarsi per rispondere ai bisogni relativi al Covid-19 che pongono i Paesi partner". Ma senza dimenticare l'attenzione ai soliti bisogni di base. "Verranno inoltre attivati ??gli accordi di emergenza delle ONG e verrà lanciato un appello speciale per i progetti delle organizzazioni di sviluppo, incentrato sull'attenuazione delle esigenze della pandemia, nonché azioni umanitarie e azioni di innovazione sul coronavirus", così Ciria descrive alcune decisioni già prese e altre in sospeso.

In assenza di queste conferme finanziarie e di altre incertezze, molte delle ONG che già lavorano nei Paesi in via di sviluppo hanno modificato il loro piano di lavoro per questo 2020. Le circostanze sono convincenti. Per un'organizzazione medica africana come Amref, l'impatto sul loro lavoro è evidente. Questa ONG ha sviluppato piani di emergenza per ciascuno dei suoi progetti negli otto Paesi in cui opera da settimane: Uganda, Zambia, Etiopia, Kenya, Malawi, Senegal, Sudafrica e Tanzania.

"Per ora non vogliamo sospendere le attività, ma ne rallenteremo alcune. Ma la situazione è instabile", avverte telefonicamente Silvia Frías, presidente di Amref in Spagna. Ad esempio, a causa delle misure di confinamento, alcune azioni comunitarie che portano alla formazione di agglomerati non possono più essere eseguite nel modo consueto. Alcune attività in Tanzania non potranno più essere svolte come prima, ma quelle svolte in piccoli gruppi verranno utilizzate per trasmettere messaggi informativi sul Covid-19 per evitare la diffusione del contagio. Oltre alla sua esperienza e presenza sul campo, le tecnologie e gli strumenti che l'ONG utilizza nei suoi interventi ora hanno il potenziale per diffondersi. Questo è il caso di un'app mobile che usano con i loro agenti della comunità in Kenya. "Il governo ci ha chiesto per lettera di fornire formazione per usarlo in questa crisi", afferma Frías.
La ONG medica ha circa 1.200 lavoratori, di cui il 97% sono africani, ma le organizzazioni con personale dei Paesi d’origine dovranno analizzare la possibilità della loro continuità sul campo, date le misure che impediscono la mobilità che sono state adottate in molti territori. I funzionari di ACH (Action Against Hunger) nei 31 uffici tecnici di tutto il mondo sono ancora ai loro posti, ma col telelavoro, ogni volta che le interruzioni di corrente e le interruzioni di Internet, più comuni in contesti precari, lo consentono.
Quella delle ONG non è, in alcuni casi, un'attività che può essere fermata. Oltre a quelli specializzati in salute, l’approvvigionamento del cibo e l'accesso all'acqua potabile, l'istruzione e i servizi di base di molte persone in estrema povertà nel mondo dipendono da altri fattori. Se smettere non è un'opzione, come viene reindirizzata l'attività in questi periodi di coronavirus? "Senza perdere di vista il nostro impegno di combattere la fame e la malnutrizione, ci siamo concentrati su due approcci: prevenire e ridurre al minimo le conseguenze della pandemia", sintetizza Vincent Stehli, direttore delle operazioni per Action Against Hunger.

Per quanto riguarda la prevenzione, la priorità dei progetti delle ONG è "non danneggiare" la popolazione che aiuta. "Dobbiamo garantire che i nostri programmi, i partner locali e il personale non siano vettori per il coronavirus. Per questo dobbiamo avere le misure e i materiali di protezione necessari, in linea con gli standard dell'OMS", aggiunge Stehli. Anche in questo ambito, la ONG ha rafforzato le sue attività idriche e igieniche, la promozione dell'igiene e il monitoraggio dei contatti. Ancora il 40% dell'umanità - 3 miliardi di persone - non ha strutture a casa per fare un gesto così essenziale nella battaglia contro il coronavirus come lavarsi le mani con acqua e sapone, secondo i dati dell'Unicef.
"D'altra parte, le conseguenze socio-economiche della crisi e i meccanismi di adattamento molto limitati di cui le persone nei Paesi in via di sviluppo devono essere presi in considerazione. Perdere un lavoro o un raccolto rovinato possono portare a situazioni estreme, in cui le famiglie non avranno altra scelta che ridurre ulteriormente la loro alimentazione quotidiana già scarsa", sottolinea il capo dell'ACH. Non riuscire ad assistere queste popolazioni in Colombia, Niger o Siria "non solo distruggerà il buon lavoro che stiamo facendo, ma causerà anche maggiore instabilità e persone che fuggono altrove".

Anticipare queste possibili e catastrofiche conseguenze è essenziale, secondo l'opinione di Sergio Maydeu-Olivares. Già il 22 marzo, l'analista internazionale ha sottolineato sul suo account Twitter l'importanza della cooperazione spagnola che lavora ai piani di emergenza nei Paesi terzi. "So che per alcuni potrebbe essere difficile da capire", ha scritto.
"Sto ancora seguendo alcune crisi e conflitti umanitari e giungo sempre alla stessa conclusione: dobbiamo anticiparne le conseguenze. Ma è sempre tardi per contenere le crisi al di fuori dei nostri confini", afferma dall'altra parte del telefono. "Le emergenze umanitarie, come quella dei rifugiati o causata dalla violenza in America centrale, confermano che c'è bisogno di sostegno da parte di Paesi terzi, perché alla fine ti influenzeranno".
Questa argomentazione dell'effetto boomerang - i problemi ci torneranno indietro - se i Paesi meno sviluppati vengono lasciati a se stessi in questa pandemia, oltre all'imperativo morale, è condiviso da molti specialisti. "Dobbiamo anticipare cosa accadrà in America Latina e in Africa perché ciò ci influenzerà economicamente, politicamente e socialmente", afferma Maydeu-Olivares. E tutta l'esperienza nella cooperazione e nell'assistenza umanitaria, buona e cattiva, dovrebbe essere usata per sostenere gli altri.
Questa esperienza in contesti di emergenza viene, infatti, applicata per far fronte alla crisi sanitaria che sta vivendo la Spagna. Non poche ONG internazionali supportano il sistema sanitario pubblico nella cura dei malati e dei servizi sociali nell'assistenza alle popolazioni vulnerabili. E le lezioni da trarre dall'intervento in questo Paese saranno senza dubbio in grado di servire quelle che si svolgono fuori dai confini. "Ora non puoi chiedere a un operatore sanitario spagnolo di occuparsi delle crisi in altri Paesi, ma forse si può dare loro il tempo per farlo in futuro, perché vediamo che i Paesi meno sviluppati sono più indietro in questa crisi", osserva Ciria, di Aecid.

Tuttavia, aiutare gli altri richiederà risorse aggiuntive. "Finora molti dei governi donatori stanno utilizzando gli attuali budget per i propri Paesi. Ad esempio, in Spagna stiamo usando i nostri finanziamenti di emergenza già impegnati per gestire il Covid-19, ma per ottenere una risposta migliore sarebbero necessari fondi aggiuntivi, per maggiore efficacia a livello globale e locale. Tuttavia, tutto si muove molto lentamente", afferma Stehli di ACH. "In questo senso, stiamo unendo le forze non solo per convincere le autorità ad allocare fondi a risposta rapida, ma anche per sensibilizzare i nostri donatori e membri privati ??a sostenere le nostre azioni", spiega.
È necessario compiere un monumentale sforzo umano e di bilancio per la lotta globale contro il Covid-19 per non perdere "un decennio o due di progressi registrati nei Paesi in via di sviluppo", ha avvertito Steiner (UNDP) in una recente intervista. Ma "gli sforzi e l'attenzione non dovrebbero essere dirottati verso altre crisi umane non meno importanti, come quelle nello Yemen, in Siria o nella crisi climatica nel Sahel e nel Corno d'Africa", aggiunge Stehli. "Semplicemente non possiamo smettere di occuparci di loro: 201 milioni di persone dipendevano dagli aiuti umanitari per coprire i loro bisogni di base anche prima, e non possiamo abbandonarli".
E dovranno continuare ad aiutarli dopo la pandemia. Altrimenti, quando finisce la tempesta la situazione saràsicuramente peggio, avvertono gli esperti. "Ora ci sono progetti in pausa che potrebbero dover essere riadattati a seconda dei contesti dopo la pandemia", afferma Maydeu-Olivares. Anche i bisogni sanitari, la carenza di personale sanitario, le infrastrutture e i materiali non scompariranno col Covid-19. Ciria lo ricorda così: "Gli aiuti sanitari sono a lungo termine, non possiamo stancarci di aiutarli perché questa crisi non sarà l'ultima".

(Articolo di Alejandra Agudo, pubblicato su Planeta Futuro/El Pais del 13/04/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori