testata ADUC
Coronavirus, vaccini, consolazioni. Ognuno ha il proprio vate. Italia e Spagna
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Vincenzo Donvito
15 giugno 2020 18:09
 
  Dopo la trasvolata in elicottero della presidente del Senato, Maria Isabella Casellati, nella zona del padovano, con la statua di San Antonio per – immaginiamo – consolare le vittime della pandemia, oggi è la volta del cardinale di Valencia.
La nostra numero due dello Stato, coi soldi di noi contribuenti (elicottero dell’esercito e suo stipendio), come uno sciamano amazzonico, è andata ad incensare i suoi fedeli.
Il numero uno della chiesa valenciana ha messo sul chi va là, perché secondo lui e le sue fonti (immaginiamo divine) il vaccino contro il coronavirus si sta preparando dai feti abortiti, e quindi “maledizione delle maledizioni”.

Noi, ingenui e semplici cittadini di ogni credo religioso ma, per l’appunto semplici, sappiamo solo che:
- i santi non hanno mai consolato o fatto guarire da una infezione. Per consolare, probabilmente hanno avuto effetti al pari di un gesto d’affetto e di un bicchier d’acqua al momento giusto. Anzi, come per esempio in Francia, sembra che il maggiore focolaio del covid-19 sia stato proprio un incontro religioso.
- i vaccini è possibile che vengano dagli studi e dalle sostanze più incredibili e inimagginabili… si pensi alla penicillina e alle muffe di Alexander Fleimng. E se avessimo avuto dei blocchi di un qualche tipo come quello del prelato valenciano e non solo, il mondo oggi sarebbe molto diverso (in peggio).

Forti di queste nostre credenze da semplici siamo comunque indignati per la sen. Casellati e il diacono Cañizares, visto che entrambi sono mantenuti coi nostri soldi. Quelli che oggi sono terribilmente pochi per la nostra sopravvivenza, ma che vengono dati anche a costoro per farci dire queste cose. Nel contempo siamo anche consapevoli che questi soldi dati anche a loro sono la nostra forza di liberi e uguali, auspicando che ci sia lasciata e amplificata la voce e il megafono per dire e far sapere di non gradire di esser presi per i fondelli da questi due.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori