testata ADUC
Droghe e carcere. Rapporto EMCDDA
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
25 giugno 2021 13:26
 
Le conoscenze attuali e le sfide future sulla droga e sul carcere in Europa sono oggetto di un nuovo studio dell'Agenzia dell'UE per la droga (OEDT/EMCDDA). Pubblicato alla vigilia della Giornata internazionale contro l'abuso e il traffico illegale di droga (26 giugno), il rapporto, “Prigione e droga in Europa: sfide attuali e future”,
esamina una gamma di questioni in ambito carcerario, compreso l'uso di droghe e i danni, risposte sanitarie e sociali e offerta di farmaci. E mentre in diversi Paesi europei i servizi in carcere per le persone con problemi di droga sono aumentati, i trattamenti e assistenze disponibili sono limitati e devono essere ampliati.

Ogni giorno, in Europa ci sono più di 856 000 persone in carcere. Questa persone è molto probabile che abbiano fatto uso di droghe, regolarmente o di avere problemi legati alla droga. Hanno anche tassi più elevati di infezione da HIV, virus dell'epatite B (HBV), dell'epatite C (HCV) e tubercolosi. Per coloro che si iniettano oppioidi, il rischio di morire per overdose aumenta notevolmente nel periodo iniziale dopo la detenzione. Dato che le persone in carcere provengono dalla comunità e alla fine vi ritornano, è probabile che gli interventi realizzati in questo contesto abbiano un impatto significativo sulla salute pubblica complessiva.

Il direttore dell'EMCDDA, Alexis Goosdeel: “È fondamentale avere una buona comprensione dei modelli e della prevalenza del consumo di droga tra la popolazione carceraria e identificare il tipo di risposte disponibili e che funzionano meglio. Spesso è in carcere che le persone che fanno uso di droghe accedono per la prima volta ai servizi sanitari e sociali. Questo rapporto mette in evidenza alcune delle sfide, ma anche le opportunità, che emergono in questo contesto per intervenire e fornire supporto per ridurre i danni correlati alla droga. Descrive inoltre come gli strumenti dell'EMCDDA stiano aiutando a rafforzare il monitoraggio, scambiare le migliori pratiche e informare i Paesi nelle loro decisioni politiche e pianificazione dei servizi in merito”.
L'importanza del contesto carcerario per affrontare i problemi della droga è sottolineata nella nuova strategia dell'UE in materia di droga 2021-2025, che ha come priorità strategica di rispondere alle esigenze sanitarie e sociali delle persone che fanno uso di droga in carcere e dopo la detenzione. L'EMCDDA ha sviluppato un quadro metodologico per monitorare la droga in questo contesto, compresi strumenti come il questionario europeo sul consumo di droga tra le persone in carcere (EQDP).
Basato su dati provenienti da 30 Paesi, il rapporto odierno presenta gli ultimi sviluppi nel campo della droga e del carcere, identificando le lacune nelle conoscenze e le implicazioni per la politica, la pratica e la ricerca.

Risultati chiave
Le persone che fanno uso di droghe sono sovrarappresentate in carcere e la prevalenza di problemi legati alla droga in questa popolazione è sostanzialmente più alta che nella popolazione generale.
Le donne in carcere sono particolarmente vulnerabili e a rischio di consumo problematico di droga.
Sebbene molte persone smettano di usare droghe quando entrano in prigione, alcune continuano o iniziano a fare uso di droghe in questo contesto.
Il consumo di droga all'interno del carcere è indicato da tutti gli 11 Paesi che riportano dati su questo argomento.
L'uso di nuove sostanze psicoattive (NPS) in carcere ha rappresentato una sfida crescente negli ultimi anni, in particolare l'uso di cannabinoidi sintetici.
Le nuove tecnologie sono sempre più utilizzate per fornire droga alle carceri (ad es. consegne tramite drone), ma vengono anche impiegate per limitare l'offerta (ad es. nuova tecnologia di scansione per esaminare il contenuto della posta).
Le persone in carcere hanno una salute fisica e mentale e un benessere sociale più scarsi rispetto ai loro coetanei nella comunità e un'aspettativa di vita inferiore.
Mentre le condizioni carcerarie possono influire negativamente sulla salute già compromessa delle persone che fanno uso di droghe, queste sono anche strutture che possono fornire servizi sanitari a coloro che prima erano difficili da raggiungere.
La terapia sostitutiva con oppiacei (OST) è disponibile in carcere in 29 dei 30 Paesi ma, nella maggior parte di questi, la copertura è bassa.
L'accesso ai test e alle cure per le malattie infettive è disponibile nella maggior parte dei Paesi, sebbene la copertura debba essere ampliata.
In alcuni Paesi sono disponibili altri interventi di riduzione del danno (ad es. programmi con aghi e siringhe, naloxone da portare a casa al momento della scarcerazione).
In molti Paesi europei sono state attuate alternative alle sanzioni coercitive. Deviare i delinquenti con un consumo problematico di droga verso la riabilitazione può avere una serie di effetti positivi (ad esempio, evitare gli effetti dannosi della detenzione e contribuire a ridurre i costi del sistema carcerario).
Fornire equità e continuità delle cure, mentre le persone si spostano tra il carcere e la comunità, è la chiave per ottenere risultati terapeutici sostenibili ed efficaci; eppure questo non si ottiene nella maggior parte dei Paesi.
È necessario intensificare gli interventi relativi alla droga nelle carceri, interventi che si sono dimostrati efficaci in altri contesti.
Mentre la base di prove sta gradualmente aumentando, è necessaria una maggiore comparabilità dei dati tra i Paesi e ulteriori studi sui risultati degli interventi mirati alla riduzione della domanda e dell'offerta in carcere.
(EMCDDA, news release)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori