testata ADUC
Il futuro del mondo spiegato da chi dirige la maggiore agenzia di sviluppo dell’ONU
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
31 luglio 2019 17:04
 
 L’attività di Achim Steiner nel sistema delle Nazioni Unite è stato quasi sempre legato alla conservazione del Pianeta. Ha diretto il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente per un decennio (2006-2016) ed è stato anche direttore generale dell'Unione internazionale per la conservazione della natura e segretario generale della Commissione mondiale per le madri. E questo che porta avanti coi suoi attuali impegni come amministratore del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), un incarico che ricopre da giugno 2017.
Dallo scorso gennaio, l'UNDP non ha più il compito di coordinare agenzie, fondi e programmi, una funzione che aveva esercitato per un quarto di secolo. Alla domanda su questo cambiamento nel suo ufficio a New York, con l'East River sullo sfondo, Steiner menziona semplicemente le ragioni che hanno portato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, a creare una nuova istituzione di coordinamento nell'ambito del Riforma del sistema delle Nazioni Unite. In breve, per raggiungere una maggiore efficienza. "Alcuni potrebbero persino dire che per noi sarà più facile concentrarsi sul lavoro per lo sviluppo", abbandonare il modo in cui questa misura influisce sull'UNDP.
Tuttavia, Steiner dirige una delle maggiori agenzie delle Nazioni Unite con un peso enorme nella tabella di marcia dell'Agenda 2030, tabella internazionale per raggiungere un mondo più giusto e pacifico e un Pianeta ancora abitabile. Ma quattro anni dopo la sua approvazione, quando ha dovuto iniziare a mostrare i risultati, le Nazioni Unite fanno sapere che non si è proceduto in questa direzione. Non si fa abbastanza o si stanno compiendo progressi non al ritmo richiesto dalle sfide dell'umanità contenute nei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS), come eliminare la povertà estrema e la fame, raggiungere l'uguaglianza di genere, garantire un'istruzione di qualità per tutti ed un livello accettabile di salute universale.

Domanda. Il rapporto di follow-up dell'OSS afferma che, al ritmo attuale dei progressi, nel 2030 non verrà raggiunto alcun obiettivo. Qual è la sua analisi?
Risposta.
Penso che questi siano obiettivi raggiungibili, nessuno dovrebbe sedersi ora e dire: "Oh, non ce la faremo mai". In alcuni Paesi andranno molto meglio e questo dovrebbe essere uno stimolo per altri. In soli 30 anni siamo riusciti a ridurre l'estrema povertà dal 36% all'8%, tenendo conto del fatto che la popolazione è quasi raddoppiata nello stesso periodo; questo è un esempio che, in realtà, politiche e programmi funzionano.
D. Il documento avverte che il cambiamento climatico è una minaccia per gli OSS e che non viene fatto abbastanza contro questo problema. E’ d'accordo?
R.
Siamo ben lungi dall'esserlo abbastanza. Ma sia chiaro, l'Europa si impegna a ridurre del 40% le emissioni e sono molto fiducioso che rispetterà il proprio impegno. Allo stesso modo, 10 anni fa, il mondo ha sempre indicato la Cina e l'India come Paesi che rallentavano i progressi nell'azione globale per il clima. Oggi è diverso. La Cina sta lavorando attivamente alla diversificazione della sua politica energetica per ridurre le emissioni. Come questo, posso fare molti esempi. Il problema è che abbiamo costruito questo sistema per 200 anni e ora stiamo perdendo tempo a non dover cambiare le nostre energie, i trasporti, i sistemi agricoli ... Stiamo andando verso una situazione di emergenza, la finestra si sta chiudendo e non stiamo agendo abbastanza velocemente, il che è diverso dal dire che non si sta facendo nulla.
D. Quindi cosa serve per salvare il Pianeta?
R.
L'amara verità è che coloro che sono abbastanza ricchi compreranno la via d'uscita. Compreranno terreno in località più alte. Coloro che sono abbastanza ricchi si sposteranno dalle nazioni delle isole che scompariranno a causa dell'ascesa degli oceani, saranno in grado di pagare il doppio dei premi per assicurare le loro proprietà contro le alluvioni e mettere più condizionatori d'aria nelle loro case. Alcuni iniziano a utilizzare la rotta settentrionale e prendono atto che il ghiaccio artico si sta sciogliendo, il che facilita il trasporto di combustibili fossili. È l'ironia dell'inizio del XXI secolo: il cambiamento climatico è un fenomeno molto crudele perché ha iniziato a punire coloro che hanno contribuito meno ad esso. Ma ad un certo punto, anche con tutti i soldi del mondo, non comprerai un futuro diverso.
D. Cosa fa l'UNDP a questo proposito?
A.
L'UNDP è diventato uno dei principali partner nei Paesi in via di sviluppo per affrontare l'adattamento ai cambiamenti climatici. Ciò si ottiene con strategie nazionali per introdurre energia rinnovabile e sistemi di trasporto più efficienti dal punto di vista energetico. Oggi abbiamo più di 800 progetti nei 140 Paesi che sosteniamo e circa due terzi di essi sono direttamente collegati ai cambiamenti climatici.
D. L'altro problema che rallenta il progresso del mondo è, secondo le Nazioni Unite, la disuguaglianza. Cosa si dovrebbe fare contro questo problema?
R.
La disuguaglianza colpisce tutte le nostre società, sia nelle cosiddette nazioni sviluppate che in quelle in via di sviluppo. Le tensioni politiche e la polarizzazione sono nate da un aumento del livello di disuguaglianza. Il problema è che abbiamo seguito un paradigma economico che fondamentalmente pone la crescita economica sopra ogni altra cosa. Ci siamo detti: "Guarda, la distruzione dell'ambiente e la crescente disuguaglianza sociale sono davvero il prezzo da pagare per uno sviluppo accelerato". Le persone non sono più disposte ad accettarlo.
D. La soluzione è un cambiamento del sistema economico?
R.
Ciò che affrontiamo ora è il modo in cui affrontare lo sviluppo senza, diciamo, una perturbazione economica. Perché i ricchi che hanno operato bene in questo sistema economico non vogliono cambiarlo o discutere tasse, sussidi, come viene sostenuto il sistema di previdenza sociale o quanto investe lo Stato in persone che altrimenti non lo gestirebbero, sia per le ragazze che devono accedere all'istruzione, che alle persone con disabilità o alle comunità rurali. Non si tratta di rendere tutti uguali, il che sarebbe una teoria ingenua. Si tratta di un accesso equo alle opportunità. Le persone non accetteranno più che, in quanto nate in una parte della città, non devono avere lo stesso accesso all'istruzione di qualcuno che sta dall'altra parte. Significa che tutti finiranno con lo stesso titolo universitario? Ovviamente no.
D. È possibile evitare il dibattito su tasse, accumulo di ricchezza e paradisi fiscali nella lotta alla disuguaglianza?
R.
Puoi incolpare i ricchi, ma penso che sia, francamente, un'idea limitata. La ricchezza estrema è il prodotto di un quadro normativo che la consente, la tollera e la promuove. Sono stato sorpreso, alcune settimane fa, che diversi miliardari negli Stati Uniti hanno dichiarato di essere pronti a pagare più tasse, perché la società in cui vogliono vivere non è quella in cui la loro ricchezza può crescere incessantemente. Sai, le persone non sono al sicuro mentre molti altri vivono nella miseria e i cui figli sono in condizioni di estrema povertà. I confronti che vogliamo sostenere sono: qual è il livello corretto di tasse? Come dovrebbero essere investite le entrate fiscali? Quale dovrebbe essere la percentuale di fondi per le aree urbane e rurali? E tra educazione e difesa? Queste sono scelte che le società devono fare, ma il nostro ruolo di Nazioni Unite non è quello di dire loro quale dovrebbe essere la loro scelta.
D. Qual è il suo ruolo?
R.
Mostrare ai Paesi quali sono le loro opzioni. E, prendendo atto dell'ingegnosità degli esseri umani in tutto il mondo, essere in grado di indicare loro buoni esempi. Se vuoi eliminare gradualmente i combustibili fossili, spiega loro come alcune società lo hanno fatto con successo, il che non significa semplicemente che lunedì mattina il prezzo della benzina aumenterà del 20%, il che farebbe arrabbiare tutti. Chi è a favore dell’aumento delle tasse? Nessuno. Ma tutti vorrebbero avere la salute, un sistema di sicurezza sociale, strade, polizia per strada ... Quindi paghiamo le tasse e, in molti Paesi, non ci opponiamo. Ciò che non ci piace è pagarle e non vedere ciò che dovremmo ottenere in cambio.
D. Si parla molto di accelerare le misure per raggiungere gli OSS nel 2030. Ma perché non parliamo di smettere di fare ciò che non funziona, causare danni o impedire progressi, come la vendita di armi o paradisi fiscali?
R.
Qualcosa, chiaramente, non funziona molto bene. Nel 2019, abbiamo più conflitti armati all'interno e tra i Paesi in cui li abbiamo avuti negli ultimi 30 anni. Ci sono 70 milioni di persone che sono state costrette a lasciare il luogo che chiamano casa. Questi sono numeri molto seri.
D. Cosa sta fallendo?
R.
Se ricordo bene, un miliardo di dollari viene facilmente speso tra le grandi potenze per la Difesa. Mentre il finanziamento totale della cooperazione allo sviluppo è di circa 150.000 milioni. È un rapporto di nove a uno. Questo rapporto di investimento dice già molto. Oggi sto conducendo il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite. È il più grande della famiglia delle Nazioni Unite. Funziona in 170 Paesi. Ma la sua capacità di investire nello sviluppo è una frazione di ciò che un ministro della difesa nazionale può fare quando acquista il prossimo stock di carri armati o aeroplani. Penso che sarebbe interessante che in futuro il conflitto non sia la soluzione, ma che la cooperazione sia la strada da percorrere. Ci saranno quelli che diranno che questo è solo un sogno. Ma non è così. Ci sono buone ragioni su ciò che funziona meglio, siano essi investimenti militari o di sviluppo. C'è una certa ironia nel fatto che tra i cinque Paesi del Consiglio di sicurezza, con il diritto di veto, quattro sono i maggiori esportatori di armi al mondo. Non è una buona statistica.
D. I casi di Cina e India sono sempre citati come buoni esempi di sviluppo. Ma l'Africa sub-sahariana, secondo i rapporti, non avanza. Il mondo si sta dimenticando di questa regione?
R.
Non dovremmo sottovalutare la dimensione dell'Africa e il numero di Paesi che sono in quel continente, più di 50. In questo continente ci sono storie molto diverse da raccontare. Alcune delle economie in più rapida crescita nell'ultimo decennio sono africane. Il Senegal è un buon esempio. Ma ciò che il mondo sente e vede in Africa sono conflitti e guerre civili come quello nella Repubblica Centrafricana. Penso che ci sia una chiara necessità di migliorare la governance e la creazione di istituzioni, perché i Paesi in cui i governi non funzionano prima o poi cadono a pezzi. In secondo luogo, la comunità internazionale deve investire in Africa, penso che i rendimenti sarebbero enormi. È la regione economica in più rapida crescita nel mondo. Pochi si rendono conto che in soli 30 o 40 anni, ci saranno 2 miliardi di cittadini nel continente, è un mercato globale. Penso che il futuro sia pieno di speranza.

(intervista di Alejandra Agudo, pubblicata sul quotidiano El Pais del 31/07/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori