testata ADUC
Gentrificazione e diritto alla città
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
31 marzo 2019 14:25
 
 La gentrificazione è un processo di espulsione degli abitanti di un quartiere, sostituiti da altri con maggiore potere d'acquisto. Definito negli anni '60 in Inghilterra dal sociologo Ruth Glass, è oggi uno dei fenomeni più presenti nelle città, al punto che, secondo Neil Smith, la "generalizzazione della gentrificazione" deve essere intesa oggi come una strategia urbana globale". Le cause sono molteplici e riguardano sia l'alloggio che i servizi urbani.
Da un lato, la gentrificazione è determinata dalle dinamiche del mercato immobiliare e dai fondi finanziari interessati a nuovi contenuti che modificano il tessuto sociale di un quartiere. Dall’altro lato, è una conseguenza - diretta o indiretta - dell'azione dell'amministrazione, quando importanti trasformazioni urbane o miglioramenti negli spazi pubblici producono un aumento del prezzo degli alloggi e, di conseguenza, delle dinamiche residenziali (più o meno) inaspettate. Quando, alla sostituzione di una parte della popolazione, si aggiunge anche il cambio di destinazione, da residenziale a turistica, si produce una speciale forma di gentrificazione che possiamo chiamare turistificazione. Se durante la bolla immobiliare, le iniziative speculative erano concentrate sul modello in espansione (occupazione del territorio e dello spazio pubblico), oggi la "nuova questione urbana" - in termini di "disuguaglianze sociali e la loro capacità di generare forme evidenti" di ingiustizia spaziale ", secondo le parole di Bernardo Secchi, si gioca principalmente nella città esistente. Così, all'interno della città, la speculazione non riguarda solo lo spazio pubblico e i servizi collettivi, ma interviene anche nelle case dei suoi stessi abitanti, specialmente in quelle città che hanno un patrimonio architettonico, urbano e sociale più grande. L'industria del turismo, sempre più determinante nel mercato immobiliare, genera nuovi aspetti estremamente rivoluzionari.
Se la città è quella della dimensione urbana e sociale, in cui vivono sempre più persone, è essenziale comprendere le formule che garantiscono non solo il diritto all'alloggio, ma ciò che, come lo ha defintio Lefebvre, è il diritto alla città, che, come recentemente specificato da Harvey, è "molto più che un diritto all'accesso individuale o collettivo alle sue risorse proprie o protette, è un diritto a cambiare e reinventare le città secondo i nostri desideri. Un diritto più collettivo che individuale, poiché la reinvenzione della città dipende inevitabilmente dall'esercizio di un potere collettivo sul processo di urbanizzazione".
In Europa, la crisi dell’ultimo decennio ha colpito cittadinanza e amministrazioni, creando condizioni fertili agli hedge fund, per l'accesso alle aree urbane in cui una popolazione sempre più invecchiata e impoverita, è destinata a abbandonare le proprietà vendendole al miglior offerente. Questo fenomeno ha due caratteristiche principali: da un lato, c’è una trasformazione praticamente irreversibile, poiché è molto difficile per la popolazione locale avere accesso a questi beni dopo l'aumento dei prezzi; dall'altra parte, concentrandosi su aree di grande interesse storico, colpisce il cuore della città e, quindi, non solo il patrimonio materiale, ma anche il patrimonio immateriale che dà vita alle nostre città. De-configurare il difficile equilibrio tra la logica dell'economia globale e la cultura locale produce un'omogeneizzazione delle città e, allo stesso tempo, ha un alto rischio di perdita dell’identità sociale degli ambienti urbani.

Il caso della Spagna è particolarmente interessante in termini di analisi delle conseguenze della bolla immobiliare, ché ha generato un parco residenziale eccessivo e spesso in luoghi inaccessibili, così come una cultura della proprietà e alti livelli di indebitamento delle famiglie la cui più evidente conseguenza è il dramma degli sfratti. Un meccanismo che aggiunge alla insostenibilità ambientale la insostenibilità sociale. Oggi l'attenzione del mercato immobiliare è indirizzata altrove, dentro alla città e nella tendenza ad utilizzare temporaneamente l'industria del turismo come guida in un processo che approfitta delle condizioni di crisi di persone e amministrazioni. La crescita esponenziale di case ad uso turistico, per esempio, l'immissione della sharing economy, ha effettivamente permesso la creazione di vaste aree di speculazione immobiliare mettendo in crisi il rapporto tra città e cittadinanza. Si può dire che la Spagna è passata dalla bolla turistica alla bolla immobiliare.

È in gioco il futuro di molte città europee, in particolare quelle mediterranee. Venezia è l'esempio più ovvio, ma Barcellona, ??Lisbona, Berlino, Madrid, Napoli ... e a seguire, in una strategia urbana globale. “Il futuro della città storica - afferma Settis - è un grande tema che si gioca non solo a Venezia e non solo in Italia, ma dove Venezia può essere considerata un simbolo massimo. Ogni giorno che passa è più urgente chiedersi come ogni città possa fondere la sua funzione simbolica con quella civica della cittadinanza, traducendola in un consapevole diritto alla città e dandole la possibilità di un buon uso. Come si può identificare la forma fisica della città e la sua ragione etica, come si può rendere il diritto alla città, alla funzione sociale della proprietà, al lavoro dei cittadini, alla propria ragion d'essere e al proprio progetto. Se questo è accaduto a Venezia, potrebbe succedere ovunque." Siamo in un momento cruciale, in cui non è solo opportuno, ma essenziale aprire alleanze tra città e cittadini per quel "bene comune" che è l'organismo urbano.

Ci sono alcune interessanti iniziative, in particolare promosse da organizzazioni di cittadini, come il Forum per il diritto alla città e il recente accordo nazionale siglato a Córdoba, una città che ha appena raggiunto la sua quarta qualificazione di Patrimonio dell'Unesco e promette, con il suo centro storico di alto valore patrimoniale e mezzo vuoto, di subire un condizionamento difficilmente compatibile con l'abitabilità della città vecchia. È indubbiamente necessario, di fronte a interessi speculativi, dar vita a meccanismi virtuosi di collaborazione e di co-gestione tra amministrazione e società civile. Verso una "Europa delle città e della cittadinanza" che risponda alle sfide attuali del Diritto alla città come desiderio collettivo di una città più giusta, inclusiva e democratica.

(articolo di Gaia Redaelli, pubblicato sul quotidiano El Pais del 27/03/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori