testata ADUC
Guerra alla droga. La ripartizione del mercato dopo la condanna di Chapo Guzman
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
1 gennaio 2020 19:54
 
 Un'analisi dell'Instituto Español de Estudios Estratégicos indica che i cartelli della droga di Messico e Colombia hanno disegnato una nuova geografia delle rotte e dei mercati del consumo.
"Le reti di criminalità organizzata messicana sono composte da decine di migliaia di persone, raggruppate in bande e cartelli, e gestiscono un portafoglio straordinariamente diversificato di attività illegali - narcotici, traffico di esseri umani, furto di carburante, rapimenti, ecc. - e riescono a produrre miliardi di dollari di profitti ogni anno", afferma il rapporto. Che include anche il progresso geopolitico dei conflitti oltre a redigere una relazione sul traffico di droga in America centrale e nei Caraibi.

Il rapporto sottolinea che lo scenario per il Messico e l'America centrale è quello di una maggiore presenza di cartelli della droga e bande del Mara Salvatrucha.
"A partire dal Messico, lo scenario della criminalità organizzata nel Paese azteco è cambiato sostanzialmente negli ultimi anni in due direzioni: frammentazione e diversificazione".
Vi si riconosce che mentre è vero che le iniziative del governo messicano hanno indebolito alcuni dei cartelli più potenti in quel paese, come Los Zetas, il cartello del Golfo, il Beltrán Leyva e i Caballeros Templarios, altre organizzazioni sono in crescita, come il cartello Jalisco Nueva Generación (CJNG), che ha ampliato la sua presenza in stati come Michoacán, Guerrero, Oaxaca, Veracruz, Bassa California e Guanajuato.
Inoltre, altri gruppi criminali come i cartelli di Ciudad Juárez e Tijuana sono rimasti come strutture regionali. Si tratta di due gruppi che "controllano due luoghi critici per il trasporto di stupefacenti verso il territorio americano".

“Al di là di questi attori più noti, alcune stime indicano in oltre 200 i gruppi criminali organizzati che operano in modo indipendente o cambiando alleanze con i principali cartelli. In questo scenario straordinariamente fluido, c'è stata una notevole diversificazione delle attività criminali svolte da cartelli e bande", aggiunge il rapporto.

I cartelli colombiani hanno scelto di lasciare la maggior parte della domanda in Usa e in Asia nelle mani dei messicani, per concentrarsi su Europa o Africa occidentale. Ciò riflette un nuovo modo, tra i cartelli, di rifornire i mercati, cartelli che una volta erano soliti giocarsi le piazze fino alla morte.
Il documento aggiunge che “in termini di capacità operativa e portata globale, le strutture criminali attive nella regione non hanno precedenti. Basta ricordare la capacità di esercitare il controllo territoriale che bande criminali come il clan del Golfo hanno dimostrato nella regione colombiana dell'Uraba".

Il rapporto dell'istituto spagnolo spiega che il passaggio della droga attraverso i Caraibi è stato anche rafforzato dalla permissività e/o mancanza di controllo da parte delle autorità venezuelane, nonché dal contesto della crisi sociale in quel Paese, che ha portato all'inclusione di molti venezuelani in questo mercato illecito come mezzo di sussistenza. “La vendita di benzina e cibo venezuelani a un prezzo agevolato in Colombia. Inoltre, l'estrazione illegale che è stata accompagnata da esplosioni di violenza nelle aree del Paese dove ci sono depositi di metalli preziosi. Infine, il traffico di stupefacenti dalla Colombia che ha trasformato il territorio venezuelano in un immenso trampolino da cui partono le spedizioni di droga verso l'America centrale e gli Stati Uniti o verso l'Europa".

(articolo di Prensa Libre del 01/01/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori