testata ADUC
Legalizzazione cannabis. Notevoli passi avanti in Israele
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
22 giugno 2020 13:01
 
 Il Comitato ministeriale per la stesura delle leggi ha deciso domenica 21 giugno di proporre due distinti progetti di legge che legalizzerebbero la cannabis, garantendo il sostegno della coalizione per loro nella Knesset.
Le proposte sono state presentate dal deputato del Likud MK Sharren Haskel e dal deputato del Blue and White MK Ram Shefa. Haskel ha dichiarato di combattere per questo da cinque anni, e la sua perseveranza è stata ripagata da oltre un milione di consumatori di cannabis.
"Molti malati e altri consumatori di cannabis saranno presto in grado di respirare più facilmente", ha detto Shefa. “Israele si unirà presto a Paesi liberali come l'Olanda e il Canada. Sta facendo un grande passo verso la piena legalizzazione ".

L'ex ministro della salute Ya’acov Litzman (United Torah Judaism) ha votato contro le leggi. Il rappresentante di Shas nel comitato, il ministro dei servizi religiosi Ya’akov Avitan non ha partecipato al voto. Il leader di Bayit Yehudi Rafi Peretz ha votato contro.
"La cannabis è una droga pericolosa e se le persone ne hanno bisogno, possono ottenerla su prescrizione", ha detto Litzman.

Le proposte prevedono che possedere fino a 50 grammi o fino a 2 piante di cannabis in un luogo privato per uso personale (coltivato alla luce naturale) non sarebbe un crimine. Possederne di più sarebbe ancora soggetto ad una multa e l'uso di cannabis in pubblico rimarrebbe illegale. Coloro che sono stati condannati per l'uso privato di cannabis potrebbero chiedere la cancellazione delle loro iscrizioni al registro penale.
L'uso privato della cannabis sarebbe consentito agli israeliani dall'età di 21 anni, ad eccezione di coloro che lavorano in ambito di sicurezza pubblica. Inoltre, sarebbe vietato guidare durante l'utilizzo di cannabis e sarà istituito un fondo di difesa per educare le persone nelle scuole sui pericoli dell'uso di cannabis e prevenire le dipendenze. Tutte le restrizioni pubblicitarie relative al tabacco si applicherebbero anche ai prodotti a base di cannabis.

Se la proposta viene approvata, potrebbe aprire la strada alla creazione di punti vendita al dettaglio di cannabis in Israele.
I disegni di legge dovrebbero passare una lettura preliminare nel plenum della Knesset mercoledì24 giugno e poi saranno assemblati in commissione. Torneranno quindi a seguire il processo legislativo come una legge sponsorizzata dal governo e dovranno quindi passare altre tre volte ciascuna in seduta plenaria e in commissione per diventare legge.

Il presidente del partito Meretz Tamar Zandberg ha auspicato che la procedura legislativa sia completato il prima possibile.
"Nel 2020 non vi è alcuna ragione per i consumatori di cannabis di essere considerati criminali", ha affermato. "Quando abbiamo iniziato questa lotta, siamo stati chiamati per nome e preso in giro, ma come in qualsiasi lotta giusta, quando non ti arrendi o hai paura, puoi emergere vittorioso."
Il ministro dello sviluppo comunitario Orly Levy-Abecassis (Gesher), il cui ministero è responsabile dell'Autorità antidroga e alcolica, sostiene le proposte a condizione che saranno coordinate con il suo ministero. Levy-Abecassis desidera adottare ulteriori misure per impedire ai giovani di accedere alla cannabis e garantire che i finanziamenti ottenuti dalla tassazione della cannabis siano destinati a programmi socioeconomici.
…….

(articolo di Gil Hoffman pubblicato sul quotidiano The Jerusalem Post del 21/06/2020)
 

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori