testata ADUC
Legalizzazione cannabis. Perché il piano del New Jersey si è improvvisamente bloccato
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 marzo 2019 19:59
 
 Tutti i fattori per legalizzare rapidamente la marijuana nel New Jersey sembravano essere a posto: una proposta di legge era sostenuta con entusiasmo dal governatore Philip D. Murphy ed era stata approvata dai leader della legislatura statale controllata dai democratici. Inoltre, sondaggi in tutto lo Stato erano a favore del provvedimento.
Quindi ci si avviava verso la soluzione.
Alcuni legislatori erano incerti su come tassare le vendite di marijuana. Altri temevano che la legalizzazione avrebbe inondato le strade già congestionate dello Stato con che persone in più che avrebbero guidato in stato di alterazione. Altri si erano convinti che la marijuana non sarebbe stata una pericolosa minaccia per la salute pubblica.
Tra i legislatori c’era disaccordo sugli aspetti di giustizia sociale da affrontare in questo disegno di legge, come sull'opportunità di cancellare i precedenti penali per reati legati alla marijuana per quelli trovati con almeno cinque chili di sostanza.

"Cinque sterline sono un sacco di spinelli", ha detto Christopher Bateman, un senatore repubblicano che era stato considerato un voto incerto, ma che di recente si era manifestato contrario. "Il problema non sono io, che fumo anche un po’. Ma lo spacciatore dietro l'angolo, che vende e distribuisce".
Tutti problemi che hanno messo a repentaglio gli sforzi per la legalizzazione in New Jersey, e nonostante più di un centinaio di appelli, petizioni e inviti personali da parte del governatore Murphy ai legislatori, durante l'ultima frenetica settimana, il tutto è crollato improvvisamente lunedì scorso.
Il fallimento nel New Jersey ha rivelato le difficoltà per legalizzare la marijuana, soprattutto con iniziative legislative, piuttosto che con i referendum come quelli che si sono tenuti in nove Stati in la droga è stata legalizzata.

I legislatori del New Jersey, insieme a quelli di New York e del Connecticut, hanno cercato di attuare scrupolosamente le leggi per evitare problemi come incontrati da Stati come il Colorado, che nel 2014 è diventato il primo ad autorizzare la vendita di marijuana legale e da allora è stato teatro di vicende poco edificanti. Un rapporto pubblicato lunedì scorso ha evidenziato un aumento dei ricoveri al pronto soccorso in questo Stato, dato che la droga è diventata più facilmente disponibile.

Per Stati come California e Massachusetts, la legalizzazione della marijuana ha portato a risultati negativi: entrate fiscali meno del previsto; una serie di problemi di salute pubblica e sicurezza, come tenere la droga fuori dalla portata degli adolescenti; e una fiorente industria dominata da interessi aziendali bianchi, con i sostenitori delle comunità ispaniche e nere che sostengono che i quartieri di queste comunità sono stati influenzati negativamente dalla droga.

A New York, i leader del parlamento e il Governatore Andrew M. Cuomo sono sembrati sempre più pessimisti nelle ultime settimane riguardo a un rapido accordo sulla legalizzazione e stanno preparando piani di emergenza: Cuomo, dopo aver sentito parlare di incertezza nel Parlamento, aveva già iniziato a cercare fonti alternative di entrate per sostituire quelle che avrebbero dovuto essere raccolte con la marijuana legalizzata. Ed ha fatto presente che lo Stato potrebbe non essere in grado di approvare una legge quest'anno.

Martedì, il deputato Crystal Peoples-Stokes, un democratico di Buffalo che sta sponsorizzando il disegno di legge di New York, ha detto che i legislatori di Albany stanno ancora discutendo la questione della ricaduta degli investimenti sulla comunità, un aspetto che spesso è mancato in altri Stati dove la droga è stata legalizzata. "Nonostante diverse iniziative non hanno ottenuto esattamente quello che si aspettavano e ritenevano giusto, e non c’è stato alcun beneficio alle comunità che hanno avuto l'impatto più duro", ha detto Peoples-Stokes, leader della maggioranza della Camera. "Vogliamo cambiare la legge a New York".
I leader democratici di sobborghi come Nassau e Suffolk County, ad est della città, hanno già annunciato di voler rinunciare a qualsiasi piano legale sulla marijuana.
"Si tratta di un cambiamento significativo nella politica pubblica, quindi non sorprende che i legislatori stiano adottando un approccio molto legato alla creazione di nuove norme", ha detto Steve Hawkins, direttore esecutivo del Marijuana Policy Project di Washington. "È facile essere impazienti dopo decenni di lotte contro una fallimentare politica di proibizione della marijuana, ma in questi Stati e in altre parti del Paese si stanno facendo passi da gigante".

Alla luce di ciò che altri Stati hanno dovuto affrontare, il New Jersey e altri Stati che devono far fronte a problemi economici stanno riconsiderando i possibili benefici finanziari della legalizzazione. Le entrate fiscali in California sono scese ben al di sotto delle proiezioni, e un mercato nero per la marijuana continua a prosperare, situazione che alcuni esperti di economia della cannabis attribuiscono alle tasse troppo elevate.
I legislatori di New York, New Jersey e Connecticut stanno anche lavorando per rispondere alle richieste per far sì che la legalizzazione avvantaggi le minoranze etniche colpite in modo sproporzionato dalla guerra alla droga, dando loro contributi per una formazione professionale e assicurandoli che otterranno licenze per vendere o coltivare marijuana.
Nel New Jersey, la legge sulla legalizzazione prevede un numero chiuso di licenze per prevenire l'inondazione del mercato, istituisce una commissione che dovrebbe regolare le fluttuazioni del mercato e, per assicurare un flusso costante di entrate, un'imposta sulle vendite basata sul peso piuttosto che in percentuale.
La proposta del New Jersey ha uno dei programmi più liberali del Paese, con una amnistia per coloro che sono stati condannati per possesso fino a cinque chili di marijuana, una quantità superiore a quella di qualsiasi altro Stato. Con alcune licenze riservate alle comunità in cui in passato ci sono state alte percentuali di arresti per marijuana e che hanno un’alta disoccupazione.

Le vicende in corso nel New Jersey e il rallentamento dei negoziati a New York hanno dato agli avversari la speranza di prevenire o fermare le iniziative per la legalizzazione.

"Ci sono molte reazioni all'idea che dobbiamo vendere ‘orsetti gommosi’ per ottenere giustizia sociale", ha detto Kevin A. Sabet, presidente di Smart Approaches to Marijuana, un'organizzazione no-profit che si oppone alla legalizzazione. Ed ha fatto sapere di aver notato una crescita della contrarietà alla legalizzazione tra alcuni legislatori neri e latini. "Si stanno rendendo conto che è meglio essere un democratico contro la legalizzazione".
Sebbene i leader politici del New Jersey sembrano essere tutti d’accordo è per la legalizzazione, la realtà nella State House è molto più complessa.
Nonostante i vari sostenitori in tutto il Paese abbiano insistito sul fatto che si tratti della legalizzazione più progressista della nazione, alcuni dei più forti oppositori sono proprio tra i potenti legislatori afroamericani.

Ronald L. Rice, un senatore democratico di Newark, ha sostenuto che la legalizzazione porterebbe ad aprire molte "botteghe di marijuana", e questo aumenterebbe ulteriormente la presenza della droga nelle comunità urbane povere.

Shirley Turner, un senatore dello Stato, democratico e nero, ha visitato il Colorado per vedere come funziona la legalizzazione ed è tornato preoccupato del fatto che gli adolescenti sarebbero tentati dalla droga quando questa è legale.

E Nia Gill, un altro senatore democratico nero e un ex portavoce dell'assemblea, ha citato uno studio del Colorado che ha scoperto che anche dopo la legalizzazione, gli arresti per marijuana dei residenti neri erano quasi il doppio di quelli dei residenti bianchi. "La disparità non è mai attenuata perché essa ha a che fare con la polizia". "La disparità non ha a che fare con la legalizzazione della marijuana".

Il governatore Murphy ha contattato ripetutamente i legislatori neri per placare le loro preoccupazioni. Ha anche corteggiato leader dei diritti civili, come il Rev. Al Sharpton e Richard T. Smith, il presidente per il New Jersey del N.A.A.C.P., nonché famosi afroamericani come Whoopi Goldberg.
Alcuni giorni prima del voto, il governatore ha tenuto una conferenza stampa circondato da leader religiosi e attivisti per i diritti civili. Ma non è stato sufficiente per conquistare i più anziani democratici afroamericani che si oppongono alla legalizzazione.
"Penso che dobbiamo stare molto attenti prima di fare il passo", ha detto la Turner.
Una coalizione di veterani bianchi, tra cui anche ex funzionari delle forze dell'ordine, ha mostrato le sue preoccupazioni per poter evitare la guida sotto l'influenza della marijuana.

In Colorado, le autorità sono ancora impreparate ad affrontare questa sfida e devono ancora effettuare autorevoli indagini in materia e test di laboratorio affidabili, secondo un rapporto della Divisione del Criminal Justice dello stesso Colorado.
"Le persone sono preoccupate per le difficoltà di individuare qualcuno che sta guidando ed ha assunto marijuana", ha detto Richard Codey, senatore democratico dello Stato ed ex governatore.

La legge del New Jersey istituirebbe una task force dedicata sorveglianza della marijuana e alla guida e dovrebbe rimborsare le comunità che assumono agenti delle forze dell'ordine addestrati a riconoscere i conducenti danneggiati dalle droghe.
Ma non è abbastanza per convincere alcuni legislatori.
"Abbiamo un milione di auto in più immatricolate rispetto al Colorado", ha detto Bateman.

Alla fine, lo sforzo nel New Jersey è anche venuto meno per ragioni politiche più specifiche del territorio. Nonostante abbiano fortemente condizionato il governo statale, Murphy e Stephen M. Sweeney, il presidente democratico del Senato, hanno avuto un rapporto non idilliaco e non sono stati in grado, fino agli ultimi giorni, di mettere in piedi iniziative in grado di ottenere i voti necessari.

Il governatore Murphy, comunque, non ammette la sconfitta, sostenendo che la decisione di annullare il voto è stata solo una battuta d'arresto. Tuttavia, nessuno ha detto quando il disegno di legge potrebbe essere resuscitato o se verrà messa in atto una nuova strategia.
"Alla fine le barriere cadono”, ha detto Murphy ai giornalisti, "grazie a coloro che si impegnano per demolirle".

(articolo di Nick Corasaniti e Jesse McKinley, pubblicato sul quotidiano The New York Times del 28/03/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori