testata ADUC
C'é un modo migliore di salvare vite: insegnare a salvarle
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
31 maggio 2018 9:22
 
 Il mio cuore, improvvisamente, batte forte e il mio petto sta per scoppiare. Tutto è andato bene nella consegna di Momina, finché, non appena la testa del bambino continua a venir fuori, mi accorgo che il cordone ombelicale sta per strangolare il suo debole collo. L'ostetrica allenta il cappio involontario con abilità e il piccolo viene fuori tra un fiume di sangue. Un corpo flaccido, blu come il cielo, viene al mondo, non sappiamo se continuerà a vivere. Abbiamo tagliato il cordone che collega la placenta materna con il bambino e aspettiamo che il suo pianto gonfi con l'aria i polmoni appena liberati, ma passa un secondo che diventa eterno e nessun suono arriva.
Prendiamo il corpo, inerte, immobile, e lo mettiamo nella culla della rianimazione. Apparentemente è senza vita, ma tra le dita possiamo sentire il battito del cordone ombelicale. In ritardo questo cordone rispetto al cuore del bambino, e il nostro, che batte ancora di più. Il bimbo è vivo. Ora ogni secondo che passa gioca contro di noi, è un passo indietro dalla vita e uno in avanti verso la morte. Devi agire rapidamente, ma con precisione e professionalità.
Prendiamo l'ambú [il rianimatore manuale], mettiamo ermeticamente la maschera che copre la bocca e il naso e iniziamo a stringere, soffiando l'aria. L'ostetrica coordina le manovre di rianimazione. Con decisione, prende il dispositivo e lo mette sopra il piccolo naso e le piccole labbra, creando una chiusura ermetica tra le sue mani. Certa della sua tecnica, stringe forte la borsa, soffiando il primo respiro nei polmoni immobili del neonato.
Uno ... due ... tre ... quattro ... e cinque. Si ferma. Guarda attentamente. Il corpo inizia a respirare da solo. Sembra un miracolo, ma non lo è: é esperienza. Un'ostetrica ben addestrata ha appena messo in pratica ciò che ha appreso nel corso della rianimazione neonatale.
Con una tecnica corretta e manovre di induzione dell’aria, il 90% dei neonati riesce a evitare la morte e gravi conseguenze come paralisi cerebrale a causa della mancanza di ossigeno nei primi secondi di vita.
Un brivido mi attraversa il corpo quando sento il grido di un nuovo bambino appena nato di nuovo nell'ospedale di Gambo, nell'Etiopia rurale. Aveva a malapena 10 minuti da vivere ed è già morto e risorto.
Momina, la madre, è venuta per eseguire le quattro visite di prevenzione prenatale raccomandate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, grazie alle quali abbiamo garantito un adeguato controllo della gravidanza. Le abbiamo anche fornito un integratore alimentare con acido folico per evitare malformazioni del tubo neurale, come la spina bifida, che sono fatali nell'Etiopia rurale. Momina è venuta a Gambo quando ha sentito le prime contrazioni, è stata assistita durante il ricovero da ostetriche ben addestrate, con materiale sterile e seguendo le corrette misure igieniche.
Se Mishu è ancora vivo oggi, è grazie all'importanza della formazione del personale sanitario e della sensibilizzazione della comunità. Questo è ciò che facciamo nell'Etiopia rurale.
La maggior parte delle morti, sia materne che perinatali, sono prevenibili. In Etiopia, la mortalità materna è ancora troppo alta, circa 412 madri per 100.000 nascite, il che significa che circa 11.000 donne muoiono ogni anno dopo il parto. Ogni 1000 nascite, 46 bambini muoiono prima di raggiungere 28 giorni di vita, lo stesso accade per circa 87.000 ogni anno prima di raggiungere i primi 28 giorni di vita e 97.000 durante il parto.
Abbiamo proposto una sfida: che nessuna madre muoia quando partorisce, o un bambino alla nascita, per una causa che avremmo potuto evitare. Il nostro motto nella lingua oromo è "Haati Takkallee Lubbuu kenuuf lubbuu dhabuu hin qabdu" [Nessuna madre dovrebbe morire quando dà la vita, nessun bambino dovrebbe morire alla nascita].

(articolo di Iñaki Alegría Coll, pediatra, direttore medico dell’Ospedale generale rurale di Gambo-Etiopia, e fondatore della ONG Alegrìa Sin Fronteras, pubblicato sul quotidiano El Pais del 31/05/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori